Che la Ferrari sia determinata a mantenere in vita il suo V12 è chiaro, la 12Cilindri ne è una dimostrazione concreta. La casa di Maranello intende mantenerlo in vita il più a lungo possibile, fino a quando non sarà messo fuori legge.

Parlando con la rivista australiana Car Expert, il Ferrari head of Product Marketing, Emanuele Carando, ha rassicurato gli appassionati che il potente motore ha ancora un futuro:

"Produrremo V12 ad aspirazione naturale fino a quando la legge non ce lo consentirà più. Speriamo che la legge in futuro continui a mostrare delle opportunità, probabilmente lavorando su nuove benzine più sostenibili".

Le prestazioni fanno la differenza

Nelle nuove 12Cilindri Coupé e Spider, il motore da 6,5 litri gira a 9.500 giri/min, ma tecnicamente è in grado di raggiungere i 10.000 giri/min. Ruggero Cevolani, responsabile del programma V12, ha spiegato che il limite inferiore di giri è stato deliberatamente scelto per massimizzare l'erogazione di potenza ed evitare un "calo della sensazione di accelerazione costante".

Cavolani ha anche ribadito che Ferrari è prima di tutto una "società di ingegneria", motivo per cui le prestazioni sono state sempre privilegiate rispetto al raggiungimento della magica barriera dei 10.000 giri. Non sarebbe stato comunque il motore con il più alto numero di giri mai montato su un'auto stradale. Il titolo spetta alla Gordon Murray Automotive T.50, con ben 12.100 giri/min. Anche l'Aston Martin Valkyrie è più rumorosa della 12Cilindri, con un massimo di 11.100 giri/min. Un'altra menzione degna di nota è il V8 dell'Ariel Atom con 10.600 giri/min.

<p>Ferrari 12Cilindri Spider</p>

Ferrari 12Cilindri Spider

V8 o V12?

In precedenza, il Chief Design Officer di Ferrari, Flavio Manzoni, ha ammesso che un V8 turbo è migliore in termini di prestazioni rispetto a un V12, aggiungendo che il dodici cilindri non è il motore più efficiente in circolazione. Tuttavia, l'azienda deve "lottare per questo motore" per mantenerlo in vita il più a lungo possibile, poiché è più emozionale rispetto alle alternative più piccole.

Anche se il V12 ha una nuova vita, Ferrari prevede di vendere sempre meno auto con motori a combustione nei prossimi anni, quando arriverà la prima elettrica nel 2025. Entro la fine del decennio, l'obiettivo è che i veicoli elettrici rappresentino il 40% di tutte le consegne. Un altro 40% dovrebbe essere costituito da ibridi, lasciando solo il 20% per i modelli ICE puri.

Nonostante la prevista graduale riduzione delle vendite di auto con motore a combustione, l'anno scorso l'amministratore delegato Benedetto Vigna ha dichiarato che "l'ICE ha ancora molto da fare". L'adozione di carburanti più sostenibili è vista come una possibile soluzione per mantenere l'ICE in vita a lungo termine.

Ricordiamo, infine, che Ferrari non è l'unico marchio di fascia alta che investe ancora in motori V12.

Fotogallery: Ferrari 12Cilindri