Più grande, comodo e lussuoso, si propone come alternativa ai maxi-SUV

Gli Stati Uniti sono famosi nel mondo per un sacco di cose (non necessariamente con 4 ruote e un motore). Fra queste, indiscutibilmente, c'è il  Ram 1500. Un marchio nel marchio, una filosofia di vita. Pick-up da lavoro, certo, ma anche da vivere con gli hobby più ingombranti che potreste immaginare. Sogno americano. Che adesso può diventare più facilmente realtà anche da noi, grazie al distributore europeo KWA, ufficialmente riconosciuto da FCA.

Com'è

Ricavato dal pieno. Un pezzo di granito su ruote. Dimensioni? Meglio non indagare troppo: lunghezza ampiamente oltre i 5 metri (anzi quasi 6 per il Crew Cab, quello che ho provato). Larghezza: immensa. Calandra rigorosamente cromata, alta e squadrata, corna RAM in bella evidenza. Un pick-up a stelle e strisce fatto e finito, per un vero salto di qualità rispetto al passato. I fari possono essere full LED, mentre la calandra sceglie autonomamente se aprire o no le proprie alette in ottica contenimento consumi. Non solo: sul V8, quattro cilindri si “addormentano” alla bisogna, per risparmiare benzina. Le sospensioni sono ad aria regolabili in altezza e la trazione integrale inseribile, con bloccaggio elettronico del differenziale posteriore. Lo spazio per chi siede dietro è aumentato in senso longitudinale di 10 cm, con gli schienali posteriori che si ripiegano a tavolino. Dentro è un trionfo di pelle, finiture curate, zero scricchiolii. Portaoggetti (grandi, anzi enormi) dovunque. A dominare la scena il display da 12” del sistema Uconnect, dotato di connettività Apple CarPlay e Android Auto e impianto audio Harman Kardon con 19 altoparlanti. Nonostante tutto questo, il Ram 1500 è anche riuscito a dimagrire di 100 kg. Non si direbbe, a guardarlo, ma è così.

Dodge RAM 1500
Dodge RAM 1500

Come va

Provare un pick-up del genere (per una manciata di giri) in circuito è un po' come chiedere ad un cowboy di pasteggiare per tutta la vita ad acqua. E invece, guarda un po', il bestione gira, accelera e frena quasi come fosse una (mastodontica) SUV. Le misure? Bisogna farci l'occhio, anche in pista. Ma in FCA hanno fatto un gran lavoro su sospensioni e collegamenti al suolo: il nuovo RAM 1500 non rolla più di tanto, mantiene in modo piuttosto preciso la traiettoria e, inserendo la modalità automatica per la trazione integrale, “mette giù” i suoi quasi 400 CV anche molto bene. Perfino se si guida come il cowboy di cui sopra mai farebbe nella sua vita. E c'è anche uno sterzo che non ha nulla a che vedere con quelli iper-demoltiplicati di fuoristrada e veicoli commerciali. Il V8 entra in abitacolo nel modo giusto, solleticando i timpani, mentre i fruscii sembrano rimanere fuori. Una pecca? Al di là delle mastodontiche dimensioni per le nostre latitudini, non c'è la modalità manuale per il cambio automatico Torqueflite a 8 rapporti, né sulla leva centrale né sul volante, sotto forma di paddle. Un "difettuccio "che disturba un po' di più nel percorso offroad, affrontato dal RAM a testa alta anche con semplici coperture invernali. Prima un generoso guado, poi pendenze importanti, nelle quali – complice il passo smisurato e la coppia taurina del V8 – si sale al semplice sfioramento del pedale destro. Sospensioni ad aria nella modalità più “alta”, 4WD Lock e si va a spaventare gli animali della foresta. O i compagni di gita, sprofondati nei comodosi sedili in pelle: fate voi.

Dodge RAM 1500
Dodge RAM 1500

Curiosità

La Dodge nasce ufficialmente nel 1900, quando i fratelli John e Horace iniziano a costruire biciclette. Già un anno dopo arrivano a Detroit e cominciano a produrre autoricambi, ma bisogna attendere il 1917 per vedere la prima Dodge, affettuosamente denominata “Old Betsey”. Il primo pick-up compare nel 1929, il nome Ram arriva sulla calandra solo nel 1993. Giusto qualche anno prima dell'acquisizione da parte di DaimlerChrysler, datata 1998. Oggi, Dodge e Ram sono due dei Marchi del gruppo FCA, che li ha acquisiti nel 2009.

Quanto costa

Il sistema di importazione e distribuzione di KWA Europe funziona più o meno così: i RAM 1500 sbarcano al porto di Bremerhaven, Germania. Vengono mandati nelle officine KWA, che modificano luci e tutti i particolari necessari per uniformarli alle leggi europee (cartografia per il navigatore compresa). Poi, vengono omologati al TUV, ottenendo così il permesso per la circolazione nel Vecchio Continente. I costi di sdoganamento, così come la garanzia di tre anni o 100.000 km sono a carico di KWA. I prezzi? Il RAM 1500 Laramie Crew Cab (lungo), che ho provato, costa in Italia 68.198 euro. La forbice varia fra circa 64.000 e 83.000 euro. I consumi? Durante la prova off-road ho letto 42 l/100 km, il che significa circa 2,4 km/l. Dovrebbe andare molto meglio a velocità costante, ma si tratta pur sempre di un bestione da 2.400 kg mosso da un V8 a benzina.

Dodge RAM 1500 Laramie Crew Cab

Motore V8, 5.7 litri aspirato
Potenza 395 CV a 5.600 giri
Coppia Massima 556 Nm a 3.950 giri
Velocità Massima 170 km/h
Accelerazione 0-100 km/h n.d.
Trazione Integrale inseribile, differenziale post a bloccaggio elettronico
Trasmissione Cambio automatico Torqueflite a 8 rapporti
Capacità di traino 3.500 kg
Lunghezza 5,92 m
Peso 2.404 kg
Prezzo della versione provata 68.198 euro

Fotogallery: Nuovo RAM 1500