Al volante ti dimentichi delle sue dimensioni, un SUV che ama essere guidato come piace in Casa Alfa Romeo, ecco perché la Stelvio non teme confronti in quanto ad handling. Sull’elettronica invece...

“Un'auto da comprare col cuore e con la testa” oppure ancora “stile convincente e un ottimo handling” e perchè no, “i tedeschi hanno compagnia". Sì, questo è quello che si leggeva sul web al debutto della Stelvio nel 2017, e a dirlo non erano i quotidiani italiani, bensì testate straniere che da subito, analogamente alla Giulia, hanno riconosciuto alla Stelvio un concreto contributo al “rilancio del Marchio”.

Come a volte accade però, i difetti di gioventù ci sono e necessitano di un po’ di tempo per essere (almeno in parte) risolti. Così è stato anche per l’Alfa Romeo Stelvio, da noi provata nel MY 2019 in allestimento Super assai accessoriato, in uno splendido abbinamento cromatico: vernice esterna Verde Visconti, mentre gli interni sono in pelle color “cioccolato”.

Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio


Ha da subito conquistato, e continua a farlo imperturbabile. Nonostante la sua mole, la Stelvio rimane un riferimento tra i SUV della sua categoria, grazie a una precisione di sterzo e un assetto tremendamente efficaci. Farsi prendere le mani e il piede (destro) fra le curve è molto semplice, così come lo è mantenere ritmi di guida da berlina quando le condizioni della strada lo permettono.

Solo esagerando davvero nel misto, i kg e i cm letteralmente sopra la media si avvertono, ma senza esagerare. Molto apprezzabile rimane la possibilità di guidare in “Dynamic” ma mantenendo l’assetto “soft”, ideale per un comportamento dinamico esemplare anche su strade poco levigate.

Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio

Tutti la guardano e, probabilmente, molti la desiderano. Guidando la Stelvio non mancano gli sguardi di ammirazione: con lei, oltre che con la Giulia sembra proprio essere tornato quell’effetto “Alfa Romeo” di cui da lungo tempo ne aspettavamo il ritorno in maniera così vigorosa ed elegante.

Il SUV del Biscione è più alto della Giulia di circa 20 cm, ma nonostante questo il suo portamento rimane teso, in tensione, esattamente come la sua propensione nel divertire alla guida. Tutto questo dinamismo lo si può apprezzare nelle muscolose linee laterali, oppure nel frontale, e sebbene il posteriore sia imponente, lo stile discendente giova al lato B della Stelvio, dove fioccano gli apprezzamenti...

Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio


Cavalli che vincono non si cambiano… ma possono aumentare. Col MY2019 infatti, alcune motorizzazioni a gasolio della gamma Stelvio guadagnano ben dieci cavalli. Mi riferisco al 2.2 diesel abbinato alla trazione posteriore che da 150 CV ora sale a 160, mentre il livello di potenza successivo (sia con trazione posteriore o integrale Q4) passa da 180 a 190 CV.

Si tratta tra l’altro del motore da noi provato che conferma prestazioni brillanti, con coppia in basso e allungo esemplari: solo la sonorità ai regimi medio alti rimane migliorabile.

Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio

Nonostante si tratti di un aggiornamento e non di un profondo restyling, alcune attenzioni volte a migliorare ergonomia dell’abitacolo sarebbero state gradite. Si tratta di piccoli nei è vero, ma guidando quotidianamente la Stelvio possono diventare vagamente irritanti.

In primo luogo, nel tunnel centrale manca un vero e proprio scomparto per alloggiare comodamente lo smartphone, magari senza fare a meno di una bottiglietta o di altri piccoli oggetti. Inoltre i sedili riscaldati sono comodi in inverno, ma se ve li dimenticate attivi non sono provvisti di spegnimento automatico.

E ancora, le alette parasole hanno una forma regolare, ma offrono uno spiraglio di grandi dimensioni in prossimità dell’aggancio amovibile: vi assicuriamo che il sole attraverso quella fessura saprà essere ancora più fastidioso!

Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio

Oltre a una differenza più spiccata tra le mappe “N” e “A” (auspicabile sarebbe una “N” più pepata) nulla da dire sulla opzione “D”, la più sportiva e appagante quando si tratta di sfruttare al meglio le prestazioni della Stelvio.

Manca però una mappa aggiuntiva e “personalizzabile” come invece si trova quasi sempre sulla concorrenza tedesca. La possibilità di variare i vari setup di sterzo, motore e sospensioni in maniera indipendente sulla Stelvio non è ottenibile nemmeno a pagamento.

Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio

Un’Alfa Romeo si sceglie col cuore (sportivo) e spesso di pancia. Vero, ma nel 2019 anche la parte hi-tech ha la sua importanza. Sulla Stelvio funziona tutto a dovere, Apple Car Play e Android Auto ci sono così come una grafica funzionale e chiara.

Però, l’Alfa Connect da 8,8 pollici, se paragonato ai sistemi della concorrenza, sembra dover recuperare ancora un po’ di terreno in quanto ad APP, fruibilità dei dati online/offline, aggiornamenti in tempo reale e comandi vocali intelligenti.


Fotogallery: Pro e Contro Alfa Romeo Stelvio