Per qualcuno non ha senso, eppure si rivela simpatica, sfiziosa e piacevole da guidare. La visibilità il difetto principale

Forse è più facile imbattersi in una mosca bianca che in un SUV cabrio. Eppure, magari, le cose non saranno più le stesse ora che è arrivata sul mercato la Volkswagen T-Roc Cabriolet, la prima di questa particolare nicchia a proporsi con un prezzo a portata di tanti.

Sul senso di carrozzerie di questo tipo ci si potrebbe interrogare per giornate intere ma, del resto, non esistono anche i fuoristrada cabrio, uno su tutti la Jeep Wrangler? E se i SUV sono l’evoluzione civilizzata degli off-roader, perché bisogna rinunciare al piacere della guida en plein air? Ecco, sotto questo punto di vista la T-Roc Cabriolet assume molto più senso e riesce a mettere in mostra tutti i suoi pregi, che analizziamo in questo #PerchéComprarla (insieme ai difetti, ovviamente).

Pregi e difetti

Ci piace Non ci piace
+ Personalità - Visibilità posteriore
+ Piacevolezza en plein air - Retrocamera non di serie
+ ADAS - Plastiche rigide
+ Intuitività di guida  

Voto finale: 7/10 ★★★★★★★☆☆☆

Chi l’avrebbe detto che un’auto che, a primo impatto, è facile da odiare, sia anche così facile da apprezzare dopo solo pochi metri di strada (a cielo aperto, s’intende). È ben fatta, sia nell’estetica curata che a livello di assemblaggi (anche fin troppo "solidi", come si evince dal video), si guida bene senza far accusare l’incremento di peso e, persino per 4 persone, è ben sfruttabile nei weekend.

A tetto chiuso, le cose cambiano in fatto di manovrabilità: si vede poco e la retrocamera si paga a parte, anche sulla versione più ricca. Il tetto, in più, fa anche qualche rumorino di troppo e peccato che i fari a LED non abbiano la possibilità di avere l’automatismo per gli abbaglianti. 

La pagella

 

Volkswagen T-Roc Cabriolet 1.5 TSI DSG Style  

Bagagliaio e Spazio

6/10 ★★★★★★☆☆☆☆

Infotainment e Comandi

7/10 ★★★★★★★☆☆☆

Qualità percepita

6/10 ★★★★★★☆☆☆☆

Guidabilità e Comfort

8/10 ★★★★★★★★☆☆

Consumi e Autonomia

7/10 ★★★★★★★☆☆☆

Sicurezza e ADAS

8/10 ★★★★★★★★☆☆

Dotazione di serie

7/10 ★★★★★★★☆☆☆

Rapporto Prezzo / Equipaggiamento

7/10 ★★★★★★★☆☆☆

Dimensioni, bagagliaio e spazio

Rispetto alla T-Roc dalla quale deriva, la Cabriolet è più bassa (-5 cm) e più lunga (+4 cm) per un totale quindi di 4,27 m di lunghezza, 1,81 m di larghezza e 1,52 m di altezza, mentre il passo è di 2,63 m. A soffrire di questa "conversione in convertibile" è la capacità del bagagliaio, che scende a 280 litri, praticamente il valore di una up!

Questo però non significa che 4 trolley da cabina non possano alloggiare molto facilmente, e anzi resta spazio per qualche altra borsa morbida. Se serve, poi, i due sedili posteriori sono abbattibili singolarmente (peccato però non ci sia una piccola botola centrale: dove si mette l’ombrellone quando si va al mare con gli amici?). 

I due passeggeri dietro non se la passano male come si potrebbe pensare. A capote chiusa, è vero, l’abitacolo è claustrofobico e molto poi dipende dalla statura di chi siede davanti, però ci sono i braccioli imbottiti, le bocchette d’areazione e due prese USB-C. Sotto il piano di carico alloggia il frangivento (è un optional) che, quando montato, fa rinunciare ai due posti dietro ma aumenta molto il confort a tetto aperto.

VW T-Roc Cabriolet (2020) in loco

Le misure

 

Fuori

 

Lunghezza

4,27 metri

Larghezza

1,81 metri

Altezza

1,52 metri

Passo

2,63 metri

Dentro

 

Bagagliaio

280 litri

Plancia e comandi

Poggiabraccia e bracciolo centrale a parte, non c’è centimetro quadrato dell’abitacolo della T-Roc Cabriolet - così come della T-Roc "normale" - che non sia rigido. Il feeling al tatto, insomma, non è dei più raffinati. Detto questo, gli assemblaggi sono molto solidi e le forme moderne e gradevoli.

L’impostazione è quella classica di Volkswagen, con i due schermi nella parte alta (il cruscotto va pagato a parte) e i comandi del clima subito sotto. Il display al centro ha una diagonale di 8", mentre l’Active Info Display dietro al volante tocca i 10,25"

VW T-Roc Cabriolet (2020) in loco

A proposito di aspetto "tech", la T-Roc Cabriolet è dotata di prese USB-C (potrebbe essere utile un adattatore) e, volendo, anche di ricarica wireless dello smartphone. I fili non servono nemmeno per la compatibilità con Android Auto ed Apple CarPlay, di serie. 

VW T-Roc Cabriolet (2019)

Le differenze della versione Cabriolet si concentrano nella pesantezza e lunghezza delle portiere, che sono rinforzate, nella serratura del cassetto portaoggetti anteriore e nei due tasti sul tunnel che servono a controllare la capote e i quattro cristalli contemporaneamente. 

Come va e quanto consuma

Sono 200 i kg di differenza rispetto alla più leggera T-Roc "normale". Difficile, però, percepirli, anche sulle curve strette, così come è difficile percepire differenze a livello torsionale. Di conseguenza la Cabriolet si conferma intuitiva, brillante e sempre piacevole da usare, in ogni condizione, grazie anche allo sterzo leggero e comunicativo. 

In città l’assetto da 18” si dimostra rigido ma non scomodo, mentre il tallone d’Achille è la visibilità posteriore: il lunotto è piccolo e la coda è alta e, sebbene ci siano i sensori di parcheggio, la retrocamera si rivela preziosa a tetto chiuso, ma si paga a parte anche sull’allestimento più ricco. Altro dettaglio: il tetto, sul pavé e sui fondi irregolari, emette un po’ di rumori

In autostrada si può viaggiare tranquillamente a cielo aperto, a patto di aver ordinato il frangivento e quindi di essere solo in due al massimo. Il motore della prova è il 1.5 TSI da 150 CV e 250 Nm di coppia abbinato al cambio automatico a 7 rapporti. Un’accoppiata vincente che fa della fluidità e rotondità di utilizzo il suo punto forte, anche se il 1.0 tre cilindri 110 CV va già più che bene. 

Passando ai consumi, in città si fanno oltre 13 km con un litro di benzina. Nell’extraurbano guidato tranquillamente se ne fanno circa 15 mentre se si cerca tutto lo sprint del motore si scende a quasi 10 km/litro. In autostrada, invece, si fanno 12 km/l perciò la media è di 12,5 km/l, cioè 8 litri per 100 km. 

VW T-Roc Cabriolet (2020) in loco

Versione provata

 

Motore

1.5 benzina 4 cilindri

Potenza

150 CV

Coppia

250 Nm

Cambio

Automatico DSG 7 marce

Trazione

Anteriore

Consumi rilevati

8 litri/100 km (media)

Prezzi e concorrenti

Servono poco meno di 30.000 euro per la versione Style con il 1.0 tre cilindri da 110 CV e il cambio manuale. Lo stesso allestimento costa poco più di 32.000 euro con il 1.5, e se si vuole l’automatico si sale a oltre 34.000 euro. La più sportiveggiante (ma solo nell’estetica) R-Line parte da oltre 38.000 euro e direttamente con il 1.5, mentre col DSG si superano i 40.000 euro

Arrivando alle concorrenti, la risposta è che non ce ne sono: l’unica era la Range Rover Evoque Cabrio ma è uscita di produzione. Di conseguenza bisogna abbassare il baricentro e considerare BMW Serie 2 Cabrio e Audi A3 Cabriolet, ma si sale sia di dimensioni che di prezzo. Di fatto, si tratta di una delle cabriolet più economiche sul mercato insieme alla MINI.

Fotogallery: Volkswagen T-Roc Cabriolet