Godiamoci tutto questo perché - purtroppo - di auto così non ce ne saranno più. Oggi vi parlo della Maserati Ghibli 334 Ultima che, come suggerisce il nome, è il canto del cigno di una generazione straordinaria. Quella del V8 Maserati che dopo 64 anni di onorato servizio lascia spazio in gamma ai quattro e ai sei cilindri.

Se volete godere del sound di questo straordinario esempio di meccanica made in Italy cliccate sul video qui sopra in copertina, altrimenti fatevi venire l'acquolina in bocca con le foto che trovate alla fine dell'articolo.

334 km/h: è lei la berlina più veloce del mondo

334, non un numero qualsiasi ma l’esaltazione sbattuta in faccia della velocità massima. Questa Maserati Ghibli guarda tutti dall’alto in basso nella classifica delle berline più veloci del mondo con 1 km/h in più rispetto alla Bentley Continental Flying Spur conquistato grazie a uno dei motori più sanguigni ed emozionanti della storia recente, un V8 biturbo con V di 90° da 580 CV e 730 Nm di coppia.

Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada

Maserati Ghibli 334 Ultima

Se vi chiedessi qual è l’elemento che più vi farebbe emozionare sono sicuro che il suono sarebbe al primo posto. E questo, ragazzi, vale il prezzo del biglietto! Ci sono diverse modalità di guida e in Sport o Corsa si aprono le valvole e finalmente il V8 è libero di cantare. Al minimo ricorda i tuoni in lontananza, cupo, potente, quasi gorgogliante, in alto invece si chiarisce la voce in un urlo che dà la sensazione di poter rompere i vetri intorno. L'abitacolo è molto ben insonorizzato, ci sono anche i doppi vetri, ma quel ticchettio tipico e le vibrazioni non riescono a star lontane più di tanto quando si butta giù l’acceleratore.

Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada

Maserati Ghibli 334 Ultima

Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada

Maserati Ghibli 334 Ultima

È una macchina da sparo o da misto veloce più che da stretto perché nonostante si possano andare a irrigidire gli ammortizzatori questi rimangono comunque piuttosto rilassati e la massa è importante per cui i trasferimenti di carico si avvertono, soprattutto il rollio. Lo sterzo poi è bello grande a livello di volante ed è preciso ma comunque abbastanza demoltiplicato per cui in situazioni dove bisogna essere rapidi si muovono molto le mani.

Due elementi che mi hanno stupito sono il freno, perché nonostante il peso è eccezionale sia per quanto riguarda la potenza vera e propria che il feedback del pedale che ha una corsa corta ma comunque è ben modulabile, e il cambio che è un automatico ZF a otto marce perfetto nella gestione dei rapporti.

La linea elegante non rende l'idea della brutalità della spinta che è da supersportiva cattiva: 0-100 in 3,9 secondi, il motore sbraita fino a 7.200 giri e la trazione è solo posteriore per cui l’elettronica fa fatica a tenerla dritta. Non è un’auto che vuole mascherare il suo peso, in accelerazione sembra di essere su un jet perché i rapporti sono lunghi e con un paio di marce tirate lì senza vuoti di coppia si mette piede facilmente in zone da ritiro della patente.

Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada

Maserati Ghibli 334 Ultima

Maserati Ghibli V8: se ne cercassi una usata?

Tutto questo ha un prezzo, alto, ma ci si porta a casa un capolavoro. La Ghibli con il V8 non è più ordinabile e da nuova costava circa 140 mila euro. Se ne volete una dovete quindi cercarla per forza usata.

Quando si acquistano auto del genere non si sa mai come siano state trattate e se abbiano mai avuto incidenti. Utilizzando l’applicazione carVertical però è possibile avere una sicurezza in più: inserendo targa o telaio è possibile consultare tutta la storia documentata della macchina, un piccolo investimento che potrebbe letteralmente farvi risparmiare un sacco di tempo e soldi. Provate qui: se utilizzate il nostro codice sconto "MOTOR1" avete anche lo sconto!

Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada

Maserati Ghibli 334 Ultima

Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada

Maserati Ghibli 334 Ultima

È ancora la più bella?

Ma apriamo una parentesi sul design: vi rendete conto, guardandola così, che la Ghibli è stata presentata nel 2013 e ora ha 11 anni?! Tra le berline di questa categoria rimane una delle più belle in assoluto, trasuda fascino, è elegante ma aggressiva con i quattro scarichi in bella vista, esattamente quello che ci si aspetta da una Maserati, filante e piazzata.

Questa 334 si riconosce da un paio di dettagli, dai badge fuori e dentro, dal kit in fibra di carbonio, dai cerchi da 21 e dal colore specifico perché per il resto è una Trofeo standard. A livello stilistico non sente assolutamente il peso degli anni, per quanto riguarda la dotazione e la tecnologia sì ma se volete un otto cilindri così non ci penserete due volte a prenderla comunque in considerazione.

Fotogallery: Maserati Ghibli 334 Ultima, prova su strada