Fiat 500X restyling, le 3 cose che cambiano

Sembra una frase scontata, si sa, ma oggigiorno la tecnologia fa passi da gigante, solo nel giro di pochi anni. Succede in qualsiasi campo, compreso quello automobilistico. E allora un restyling come quello che ha appena interessato la Fiat 500X è l’occasione giusta per mettere mano non solo al design ma anche al comparto tecnico, in questo caso in maniera profonda. Non solo per quanto riguarda connettività e assistenza alla guida: qui l’evoluzione è sotto al cofano. Un aggiornamento, in sintesi, che si fa in tre: nuovo look, nuovi motori, nuovi sistemi di ausilio alla guida.

Com’è

Sempre 500X, più 500, complici le nuovi luci full LED che ora arricchiscono il frontale, riuscendo a ridisegnare lo sguardo del crossover italiano con un piglio più simpatico oltre hi-tech. Anche dietro i gruppi ottici sono nuovi, la struttura interna a diodi è squadrata e la parte centrale, invece, di plastica, proprio come sulla 500. Poche altre modifiche, mirate e di affinamento, così come per gli interni, che ora godono di un quadro strumenti aggiornato, un nuovo volante più ergonomico e l’ultima versione dello UConnect, con schermo HD da 7” e la compatibilità per gli smartphone con Apple CarPlay e Android Auto.

 

Fiat 500X restyling 2018

Come va

E qui la cosa si fa interessante, perché come accennato nell’attacco, le novità più interessanti della 500X rinnovata si trovano sotto il cofano. Parliamo dei due nuovi turbobenzina FireFly, il 1.3 da 150 CV a quattro cilindri e il più piccolo “mille”, tre cilindri, che di C...