Prodotta in un unico esemplare, è alta 42 cm da terra e inarrestabile

Partiamo subito dalla cattiva notizia: Mercedes non ha fornito informazioni sulla fattibilità di questa station wagon su base Classe E All Terrain, “geneticamente modificata”. Nei comunicati ufficiali si parla solo di esemplare unico, il che non significa per forza che tale rimarrà per sempre. Una piccola produzione potrebbe anche essere avviata, se gli appassionati dovessero mostrare interesse. La cosa non è da escludere, ma non è il caso nemmeno di illudersi. Detto questo, che vi piaccia o no la E station wagon, che amiate o meno le fuoristrada dure&pure, è difficile rimanere indifferenti di fronte a questo “mostro” di meccanica che è la E All Terrain 4x4². Primo, per la sua altezza da terra, che se non altro un po’ di timore lo incute: 42 cm di aria la separano dal fondo stradale, il che si traduce in una capacità di guado di 50 cm esatti, 10 in meno della Classe G ma ben 22 in più della All Terrain di partenza.


Per ottenere un tale “stacco” da terra si è lavorato duramente sulle sospensioni e sulla trasmissione. Nel dettaglio, sono stati utilizzati assi a portale (applicati alle sospensioni Multilink originali): un sistema costituito da quattro scatole che hanno una doppia funzione. Strutturale, nel senso che alzano la “campana” del differenziale da terra (grazie al fatto che viene disallineato l’asse delle ruote da quello dei differenziali), cosa non possibile lavorando su molle e ammortizzatori. All’interno di ognuna di queste quattro scatole c’è poi una trasmissione ad ingranaggi che permette di trasferire il moto dal semiasse alla ruota (che non sono più coassiali, appunto). Ancora, dei cuscinetti Unibal presi dal mondo delle competizioni sostituiscono quelli in gomma e poliuretano e traggono il meglio dai  pneumatici 285/50 R20 montati su cerchi in lega con un anello esterno imbullonato, per un look ancora più off-road. A proposito di look, modifiche interessano anche l’estetica: su tutto, spiccano gli ampi profili aerodinamici dei passaruota, creati con l’ausilio di una stampante 3D del dipartimento di prototipazione rapida.


 

Mercedes E All-Terrain 4x4², dove osa la Classe G

Foto di: Adriano Tosi