Dopo 24 anni di assenza torna un nome mitico per l’automobilismo d’oltre Oceano, con carrozzeria 2 o 4 porte

"Ha la durezza di un modello della Serie F e lo spirito di una Mustang". Ecco come viene presentato il nuovo Ford Bronco, fuoristrada dell’Ovale Blu con un obiettivo non banale: combattere con un vero mito del fuoristrada come la Jeep Wrangler.

Un modello a lungo anticipato e attesissimo negli Stati Uniti che riporta in auge il nome di un modello nato nel 1966 e scomparso nel 1996. E no, per ora sembra proprio che non arriverà anche in Europa.

Ritorno alle origini

Quando uscì di scena nel 1996 il Ford Bronco aveva forme da SUV di grossa taglia, anche se per gli statunitensi era un “semplice” mid-size, senza più quindi quello spirito da “duro e puro” delle primissime generazioni. Uno spirito che ritorna sulla nuova generazione: più selvaggio e rude, lontano dal mondo dei SUV e pronto a infangarsi oltre ogni dire.

2021 Ford Bronco
2021 Ford Bronco

Lo stile riprende quello del Bronco originale, con luci frontali rotonde, il tetto removibile, la carrozzeria a 2 o 4 porte (removibili anch’esse), grande altezza da terra e totale assenza di cromature (particolare sottolineato da Paul Wraith, designer del nuovo Bronco. Ci sono poi proporzioni e stile tipici del fuoristrada, con muso, coda e fiancate verticali per meglio intuire gli ingombri dell’auto.

L’abitacolo, come la carrozzeria, è modulare e può essere adattato alle diverse esigenze. Gli elementi fissi sono pochi: sedili, volante, pedali, leva del cambio, selettore delle modalità di guida e monitor centrale da 12” con sistema Sync 4. Il resto è personalizzabile. Si possono avere stand per agganciare action cam, sistemi GPS professionali o smartphone, si può avere la presa da 12 V e così via.

2021 Ford Bronco
2021 Ford Bronco

La personalizzazione riguarda anche le mappe del navigatore basata non su classiche cartografie stradali, ma implementabile con applicazioni terze studiate per la marcia in offroad, in grado di memorizzare percorsi là dove non ci sono strade.

Solo integrale

Basato su un telaio a longheroni (un must per un vero fuoristrada duro e puro) il nuovo Ford Bronco monta di serie la trazione integrale, abbinabile o al cambio automatico 10 rapporti derivato dalla Mustang oppure dal nuovo manuale a 7 marce, dotato di una “primina”. Per quanto riguarda i motori per ora sono previsti il 2.3 EcoBoost da 270 CV e il V6 di 2,7 litri EcoBoost da 310 CV.

L’altezza da terra di 30 cm, le sospensioni speciali firmate Bilstein, le ruote da 17” con pneumatici specifici per il fuoristrada da 35", trazione integrale inseribile, differenziali autobloccanti a controllo elettronico e l’elettronica fanno il resto. Elettronica che conta da classiche telecamere a 360°, cruise control creato appositamente per la marcia in fuoristrada, le 7 modalità di guida (selezionabili dal comando del GOAT – Goes Over Any Type of Terrain, ovvero va su ogni tipo di terreno).

Ci sono poi i vari accessori come verricello, protezioni per carrozzeria e sottoscocca, differenti materiali per l’abitacolo e così via. Un vero fuoristrada che mette sul piatto una ricchissima possibilità di personalizzazione per esterno ed interno.

2021 Ford Bronco
2021 Ford Bronco

Il Ford Bronco addomesticato

Per chi non ha bisogno di tutta questa cattiveria verrà commercializzato anche il Ford Bronco Sport, versione più civilizzata che abbandona i longheroni per basarsi sulla stessa piattaforma della Ford Kuga, con nel mirino le Jeep Compass e Cherokee. Scompare il tetto in tela removibile, così come la possibilità di rimuovere le portiere, ma rimangono la trazione integrale, il sistema GOAT. Aumenta invece il comfort, grazie al nuovo comparto sospensioni e agli assistenti alla guida di Livello 2.

Fotogallery: Ford Bronco Sport

Per quanto riguarda i motori la Ford Bronco Sport può montare o il piccolo 1.5 3 cilindri da 181 CV o il 2.0 EcoBoost da 245 CV, entrambi accoppiati al cambio automatico a 8 rapporti.

Fotogallery: Ford Bronco (2021)