Un elaboratore belga ha presentato il prototipo di una trasformazione della compatta francese, con look nostalgico anni ‘80

Provate a pensare agli anni d’oro del rally, a quando le folli vetture del folle Gruppo B strapazzavano le strade di mezzo mondo, forti delle loro cavallerie imbizzarrite. Buona parte del gotha del motorsport è proprio lì, con nomi mitici come la Peugeot 205 T16.

Una piccola peste che nella versione EVO 2 da gara raggiungeva i 560 CV, mentre sulla stradale si “accontentava” di 200 CV, spremuti dal 1.8 benzina sistemato dietro l’abitacolo. Un’auto furiosa prodotta in appena 200 esemplari e reperibile oggi a prezzi certamente non economici: almeno dai 50.000 euro in su.

Tanti. E poche auto in circolazione. Con buona pace degli appassionati che però, volendo scendere a compromessi, possono rivolgersi alla Dimma (azienda belga specializzata in elaborazioni auto) e chiedere informazioni sul nuovo kit di trasformazione appena presentato.

Operazione nostalgia

Prima di tutto bisogna possedere una 308 GTi. E fin qui nulla di difficile: la compatta sportiva è ancora regolarmente in vendita e la sua produzione cesserà tra qualche tempo. Un che difficilmente avrà un erede diretto, visto che la prossima generazione dovrebbe montare una motorizzazione ibrida e adottare il nuobo badge PSE (ovvero Peugeot Sport Engineered).

Peugeot 205 T16 di Dimma

Ma non siamo qui per parlare del futuro della compatta del Leone, bensì di quello che può diventare nelle mani della Dimma. Le foto che vedete qui parlano già da sole: un kit estetico decisamente vistoso trasforma la 5 porte francese nella riedizione (allungata e allargata) della mitica Peugeot 205 T16. Ma non è tutto.

Più cavalli, meno chili

Sotto l’abito completamente nuovo infatti non mancano importanti modifiche meccaniche, come il 1.6 turbo benzina portato a 300 CV (la GTi normale si ferma a 260), l’impianto frenante potenziato e il peso calato ad appena 900 kg. Vale a dire 400 in meno rispetto a una 308 GTi classica.

Della 205 T16 la 308 speciale manterrà unicamente lo spirito e il look: la trazione infatti rimarrà anteriore, così come il motore. Ma si potrà girare – forse, Dimma per ora non si  è sbilanciata su un’eventuale disponibilità per il pubblico e tutto dipenderà dall’interesse suscitato – a bordo di una vettura dal puro gusto retrò. E con 300 CV a portarci a spasso.

Fotogallery: La Peugeot 308 GTi diventa una Peugeot 205 T16