Fanno tutti parte della famiglia EVO: tutti omologati Euro 6d, dal 1.0 TSI da 95 CV al 2.0 TDI da 200 CV

Dopo aver rinnovato la propria gamma ed aver accolto la sua prima auto elettrica, un crossover medio lungo 4,65 metri e chiamato Enyaq, Skoda si concentra ora sul rinnovamento del parco motori, dotando numerosi modelli di unità sempre più parche nei consumi ed omologate Euro 6d.

È il caso delle Skoda Fabia, Kodiaq e Superb, pronte a ricevere motori benzina e diesel della gamma EVO, tutti abbinati al cambio automatico DSG a doppia frizione.

Giù le emissioni

Si parte con la Skoda Fabia (berlina e wagon), per la quale è prevista l’adozione del 1.0 TSI da 95 CV, con trazione anteriore e cambio DSG a 7 rapporti, disponibile a partire da 18.430 euro per la 5 porte e 19.230 per la familiare.

Skoda Fabia 2018 Test
Skoda Kodiaq my 2020

È abbinabile invece sia alla trazione anteriore sia all’integrale il 2.0 TDI da 150 CV della Skoda Kodiaq. Unità disponibile per gli allestimenti Ambition, Executive, S-TECH, Style, SportLine e Scout, è dotato di tecnologia di trattamento dei gas di scarico “twin dosing” e ha un listino a partire da 35.150 euro.

Lo stesso motore è disponibile anche sulla Skoda Superb Scout Wagon, abbinato alla sola trazione anteriore. Il prezzo parte da 43.950 euro con dotazione di serie comprensiva di cerchi in lega da 18”, luci matrix full LED e sedili riscaldati.

Skoda Superb Scout
Skoda Superb iV, prima prova

Il più potente

È riservato a Kodiaq – esclusivamente abbinato alla trazione 4x4 – e all’ammiraglia Superb – anche a 2 ruote motrici e con entrambe le varianti di carrozzeria – il nuovo 2.0 TDI da 200 CV, destinato a sostituire il vecchio turbodiesel da 190 CV e dotato delle stesse caratteristiche per l’abbattimento delle emissioni della variante da 150 CV.

I listini partono da 43.250 per la Kodiaq e 40.600 euro per la Superb.