La nuova berlina coupé sportiva toglie finalmente i veli. Un debutto importante che porta alla ribalta anche la prima RS elettrica

Dopo una lunga attesa finalmente è arrivata. L'Audi e-tron GT, già disponibile anche in edizione RS, si presenta ufficialmente al pubblico. Molte cose le conosciamo già, dopotutto l'Audi elettrica nasce sulla stessa piattaforma di Porsche Taycan, la J1, con la quale condivide sostanzialmente la componente elettronica e meccanica.

Una condivisione di elementi che rappresenta la logica di una grande azienda automobilistica e che non limita in alcun modo il potenziale della coupé a quattro porte 100% elettrica.

La prima non si scorda mai

Certo la gamma e-tron si compone già di diversi elementi, sebbene siano tutti votati all'universo Sport Utility Vehicle. Però di fatto si tratta di vetture che derivano da pianali utilizzati anche per auto equipaggiate di motore a combustione interna (vedi Q7 e Q8). Mentre questa Audi elettrica nasce per essere esclusivamente così, a zero emissioni.

Fotogallery: Audi e-tron GT quattro

Una sportiva di razza, che non rinuncia al rango di ammiraglia. Dopotutto è lunga 4,99 metri, con un passo di 2,90 metri. Numeri da berlina di rappresentanza, celati da lineamenti da coupé. Basti pensare che l'altezza della e-tron GT sia di appena 1,41 metri.

Aggressiva con un fine

Il colpo d'occhio, al di là dei gusti personali, è estremamente votato alla sportività. Ma se da una parte bisogna rispondere alle esigenze di mercato, per soddisfare la domanda, dall'altra bisogna invece massimizzare l'efficienza. Per questo il design diventa uno strumento al servizio dell'ingegneria. La nuova Audi e-tron GT ha un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,24.

Il celebre single frame non deve portare aria ad alcun motore termico, per questo è stato “chiuso” per celare parte delle sensoristica destinata ai sistemi di ausilio alla guida.

Fotogallery: Audi RS e-tron GT

Ai sui lati pero, in corrispondenza delle parte inferiore dei gruppi ottici, presenziano due prese d'aria. Si tratta di elementi attivi, la cui apertura e chiusura sottostà principalmente alle esigenze di raffreddamento del pacco batteria. L'aria passa attraverso canali a forma di Y, che inviano aria anche alla ruote anteriori per raffreddare i freni.

Il secondo fattore importante nel concetto di aerodinamica attiva è lo spoiler posteriore, che si estende elettricamente in due diverse posizioni. Anche i cerchi sono stati studiati appositamente per amplificare l'efficienza da questo punto di vista. La e-tron GT è equipaggiata di serie con ruote da 19 pollici, mentre la RS da 20. Sono disponibili in opzione quelle da 21.

Interni sostenibili

Nonostante le similitudini sul piano tecnico con la Porsche Taycan, la nuova Audi e-tron GT (unitamente alla più sportiva RS e-tron GT) marca le proprie differenze a bordo. Lo stile e il design è decisamente differente.

Solo la configurazione delle sedute è rimasta pressoché inalterata. Sulla coupé a quattro porte 100% elettrica i sedili anteriori si trovano in posizione ribassata. A tal proposito le variabili messe in campo per la nuova Audi e-tron GT sono davvero molteplici. Ci sono tre versioni, ciascuna delle quali dalla spiccata connotazione sportiva.

La prima, elemento standard sulla versione “solo” GT, ha una serie di regolazioni elettriche ad 8 vie, mentre il rivestimento è in simil pelle/pelle. Lo step successivo fa invece riferimento alla dotazione dell'Audi RS e-tron GT, che si compone di sedute regolabili elettricamente a 14 vie, dotate di funzione di riscaldamento. 

Audi e-tron GT quattro

Il top di gamma, in opzione per entrambi i modelli di e-tron GT, risponde alla denominazione pro, con regolazione elettrica a 18 vie. Oltre alla funzione di riscaldamento, sono sedute provviste di fianchetti adattabili pneumaticamente, ventilazione e “naturalmente” massaggio.

In tema di rivestimenti, al dà delle infinite possibilità garantite dal programma Audi Exclusive, ha ovviamente un approccio sostenibile. Esiste infatti un pacchetto leather free che adotta elementi come la microfibra Dinamica e la similpelle.

In ciascun caso sono adoperati materiali riciclati, che derivano ad esempio da fibre di poliestere ricavate dalle bottiglie di plastica. La moquette del pianale di Audi e-tron GT e RS e-tron GT è in Econyl, ovvero un elemento ricavato dalle reti di pesca usate. Stesso materiale che provvede a formare i tappetini.

In alternativa sono poi disponibile una serie di pacchetti dedicati agli amanti della vera pelle, che danno diverse connotazioni alla vita di bordo, essenzialmente per gli accostamenti cromatici utilizzati, come quello RS Rosso e Grigio. 

Quanto all'abitabilità, la sportiva dei Quattro Anelli assicura di fornire spazio sino a cinque passeggeri. La seduta posteriore può eventualmente ospitare tre persone. Mentre il fronte hi-tech si formalizza secondo i tipici standard Audi, in cui è il Virtual Cockpit a dominare la scena, ovviamente declinato alle esigenze di una coppia di vetture 100% elettriche.

Hi-Tech elettrificato

A bordo tutti e quattro gli occupanti dovrebbero stare seduti comodamente. Il condizionale è d'obbligo, proprio perché non ci siamo ancora saliti. Sono le immagini che parlano. La disposizione della plancia è decisamente diversa da quella presente su Taycan.

Audi RS e-tron GT

E per quanto sia moderna e attraente sono diversi i punti in comune tra la e-tron GT e il resto della produzione dei Quattro Anelli. L'Audi Virtual Cockpit ha una diagonale di 12,3 pollici, mentre il display touch al centro della plancia di 10,1.

Il sistema di navigazione MMI plus è di serie su entrambe le versioni e fa rifermento al “modello” d'infotainment MIB3. Che include servizi come informazioni sul traffico online, navigazione con Google Earth e Amazon Alexa, oltre al fatto che la vettura è dotata di sistema di comunicazione Car-To-X. Disponibile poi in opzione l'head-up display.

Sportiva di fatto

Ad alimentare l'interesse attorno alla vettura tedesca, sono però le prestazioni messe in campo. Di fatto è una vettura a trazione integrale, equipaggiata di due motori elettrici sincroni a magneti permanenti. A fare la differenza tra e-tron GT e RS e-tron GT è ovviamente la potenza complessiva sviluppata.

Sulla prima il dato riferito ai kW del motore anteriore (dopotutto si tratta di una vettura 100% elettrica) è pari a 175 kW (238 CV), mentre quello posteriore ne eroga 320 kW (435 CV). Questo porta ad una potenza di sistema di 350 kW (476 CV), che possono salire alla soglia dei 390 kW (530 CV) in modalità boost. La coppia totale è invece di 630 Nm.

Audi RS e-tron GT

Sebbene sulla RS e-tron GT il motore elettrico anteriore eroghi la stessa potenza di cui sopra, ovvero 175 kW (238 CV), è quello posteriore a fare la differenzia. I kW sono 335 (456 CV) e la potenza complessiva sfonda la quota dei 440 kW (598 CV), mentre la coppia è pari 830 Nm. Nel modo boost si raggiunge il picco di potenza, ovvero 475 kW (646 CV).

Numeri che tradotti in performance garantiscono uno scatto da 0 a 100 km/h in 4,1 secondi per la e-tron GT e di 3,3 secondi per la RS e-tron GT. La prima ha una velocità massima di 245 km/h, la seconda di 250.

Trasmissione a due velocità

Il compito di regolare la potenza a terra spetta a un sistema di sospensioni a doppio braccio oscillante per tutte e quattro le ruote. Solo che la versione RS può contare di serie su di un “modello” di molle pneumatiche. Entrambe, a pagamento, possono pure optare per le quattro ruote sterzanti (lo sterzo integrale).

Per ognuna delle e-tron in oggetto, proprio come accade su Taycan, il propulsore posteriore è connesso ad una trasmissione a due velocità. Di fatto è quasi sempre innestato il secondo rapporto, mentre il primo viene impiegato solo nelle fasi di brusche accelerazioni.

Audi RS e-tron GT

La e-tron GT è equipaggiata di differenziale autobloccante sull'asse posteriore con valori di bloccaggio fissi sia in accelerazione che in rilascio. La RS monta di serie un sistema a controllo elettronico (disponibile come optional per e-tron GT). Tale dispositivo è formato da una frizione multi disco e la percentuale di bloccaggio su una singola ruota può variare dallo 0 al 100%.

Le differenze tra i due modelli proseguono pure alla voce impianto frenante. I dischi in acciaio sono destinati alla e-tron GT, mentre il modello RS è dotato di dischi in ghisa con rivestimento in carburo di tungsteno (optional nella e-tron GT). Il top di gamma, parte del corredo degli accessori è rappresentato dal modello carboceramico, che sull'asse anteriore monta dischi da 420 mm.

Più batteria più autonomia

Indipendentemente dalla versione, il pacco batteria agli ioni di litio di Audi e-tron GT ha una capacità “netta” di 86 kWh (ovvero 93 kWh “lordi”). È formato da 33 moduli, ognuno dei quali comprende 12 celle. Il suo collocamento ha permesso di rendere il bilanciamento dei pesi pressoché perfetto: 50:50.

I collegamenti, i fusibili e l'unità di controllo principale si trovano sotto la console centrale. Mentre per quanto concerne il sistema di raffreddamento, sono stati realizzati quattro circuiti del refrigerante separati.

Audi e-tron GT, gli ultimi teaser

Se il conducente richiede una potenza elevata più volte di seguito, le valvole accoppiano il circuito del refrigerante della batteria con il circuito del refrigerante del sistema di climatizzazione.

La vettura ha due porte di accesso per la ricarica, su ambo i lati nella zona delle ruote anteriori. Entrambe consento la carica in corrente alternata, mentre quella di destra vale anche per la ricarica in continua. In questo caso la batteria può assorbire una potenza sino a 270 kW, che le consente in linea teorica di ricaricarsi fino all'80% in poco più di 23 minuti.

L'autonomia dichiarata secondo lo standard di omologazione WLTP è pari a 488 km per la e-tron GT e 472 km per la RS e-tron GT.

Sta arrivando: il prezzo

La nuova elettrica sportiva di casa Audi arriverà sul mercato nel secondo trimestre dell'anno. Non sono ancora stati comunicati i prezzi ufficiali, ma vi basti pensare che in Germania avrà un costo di di 99.800 euro in versione e-tron GT, e di 138.200 euro in “abiti” RS.

Lunga la lista degli optional disponibili, come i fari Matrix LED con luce laser. Di serie invece i sistemi di sicurezza di base Audi pre sense front e Audi pre sense basic. Lo stesso vale per il sistema di avviso di deviazione dalla corsia. A pagamento i vari pacchetti "Tour", "City" e "Park".

Ovviamente trattandosi di una vettura 100% elettrica può essere corredata del cosiddetto suono sportivo e-tron opzionale. Tanto per alimentare la spesa finale.

Audi e-tron GT quattro

Lunghezza 4,99 metri
Larghezza 1,96 metri
Altezza 1,41 metri
Trazione Trazione integrale elettrica
Batteria 86 kWh "netti (93 "lordi)
Motore Due motori elettrici sincroni a magneti permanenti
Potenza 350 kW (440 la RS)
Coppia Massima 630 Nm (830 la RS)
Trasmissione Trasmissione a due rapporti sull'asse posteriore
Capacità di carico 405 litri
Autonomia in elettrico 488 km (472 la RS)
Accelerazione 0-100 km/h 4,1 secondi (3,3 la RS)
Velocità Massima 245 km/h (250 la RS)
Tempo di ricarica 80% dell’autonomia in <23 min. a 270 kW in DC