Mohammed ben Sulayem sarà uno dei due soli nomi in ballottaggio per la presidenza FIA a dicembre, per succedere a Jean Todt nella carica più importante nel motorsport come capo della federazione mondiale che detiene e regola la F1 e gli altri Campionati del Mondo. In caso di successo, Ben Sulayem sarebbe il primo non europeo a guidare la FIA.

Il 59enne è una delle figure di spicco del motorsport mediorientale. Ex pluricampione regionale rally come pilota, è presidente della federazione automobilistica degli Emirati Arabi Uniti e dal 2008 è membro del World Motor Sport Council come vicepresidente FIA per lo sport. Allora perché ha deciso di candidarsi alla presidenza della FIA?

Il candidato presidente della FIA Ben Sulayem sui suoi piani per raddoppiare il motorsport

“Il motorsport mi ha dato molto, per gran parte della mia vita”, afferma Ben Sulayem. “Come pilota nell'arco di 20 anni ho vinto 14 volte (campionato rally del Medio Oriente), poi sono diventato un organizzatore responsabile del motorsport locale. Credo che sia arrivato il momento di restituire qualcosa allo sport e alla federazione. Sono entusiasta di portare un cambiamento e di migliorare, di seguire alcuni passaggi ma anche di evolvermi".

Ben Sulayem sta valutando da tempo una corsa alla presidenza della FIA e il ritiro di Todt dopo tre mandati rappresenta un'opportunità. Ha recentemente pubblicato il suo manifesto e sta correndo con un'offerta che promette di aumentare la partecipazione allo sport in tutto il mondo, oltre a una maggiore trasparenza finanziaria.

Il candidato presidente della FIA Ben Sulayem sui suoi piani per raddoppiare il motorsport

La visione di Ben Sulayem per la gestione della FIA differisce da quella di Todt e da quella del suo vicepresidente Graham Stoker, che è l'avversario di Ben Sulayem nelle elezioni, in un aspetto chiave: assumerebbe un amministratore delegato per gestire la Federazione.

Sotto Todt e il suo predecessore Max Mosley, il presidente gestisce la FIA, mentre i due pilastri dello sport e della mobilità (trasporto su strada) sono gestiti ciascuno da un segretario generale. Questa nuova visione creerebbe un nuovo ruolo molto potente e vedrebbe la FIA funzionare più come un'azienda.

"La gestione quotidiana, non è per il presidente", dice. “Non voglio microgestire. Voglio essere un presidente, guidare, ma lasciare l'amministrazione ordinaria a un amministratore delegato, che possa unire lo sport e la mobilità”. Se eletto, lui e il suo amministratore delegato designato metterebbero l'accento sulla crescente partecipazione, con la promessa di raddoppiare il numero di partecipanti in tutto il mondo in quattro anni.

Ben Sulayem sostiene che se la Finlandia, con una popolazione di 5,5 milioni di persone, ha 11.000 titolari di licenze di gara, allora esiste un enorme potenziale di sviluppo in Cina e India, che hanno solo circa 4.000 titolari di licenze ciascuna. Quindi come lo farà? Fa l'esempio della Cross Car che è la proposta FIA per i rally a basso costo, essenzialmente un buggy fuoristrada con motore da moto, come i go kart sono un porta di accesso per le corse su circuito.

"(È necessario) avere veicoli a prezzi accessibili per il livello base", dice. "Abbiamo iniziato con una competizione chiamata Cross Car. Ed è stato fantastico, penso che sia il futuro. Ma i costi dovevano essere di circa 8.000 euro, non di più. E invece sono aumentati fino a 25.000 euro. 

Se guardi all'India e alla Cina, hanno i motori, perché ci imponiamo su di loro? Prendiamo il progetto, ci assicuriamo di monitorarlo e far rispettare le norme di sicurezza e di lasciarli partecipare nel loro campionato locale e nei campionati regionali? Se ci poniamo l'obiettivo di raddoppiare la partecipazione in quattro anni, è realizzabile.

“La Formula Uno e il WRC sono in buona forma, molto in salute. Ma il mondo ha bisogno di più di questo. Voglio dire, stiamo parlando a livello locale o regionale, c'è bisogno di una partecipazione locale, di eventi locali e di eventi regionali. Questo può succedere solo se li rendiamo accessibili".

Oltre a cercare di raddoppiare il numero di partecipanti al motorsport, Ben Sulayem vuole potenziare i centri regionali del motorsport e avere una maggiore trasparenza sull'aspetto finanziario della Federazione.

"La parte finanziaria della FIA non è in buona salute, vogliamo dare un'occhiata alle finanze e alle prove in modo che la FIA sia di nuovo un business positivo", afferma. "La trasparenza e la responsabilità sono molto importanti se vuoi essere preso sul serio nel mondo.

Quindi, per esempio, quando volevamo dare un'occhiata ai conti della FIA, erano molto difficili da trovare o da ottenere. Quindi credo che dovremmo seguire le principali Federazioni del mondo, come il CIO, di cui facciamo parte, e sul cui sito puoi vedere tutti i conti".

Il partner di Ben Sulayem come vicepresidente dello sport è l'ex copilota campione del mondo di rally Robert Reid, mentre un nome sorprendente per la sua candidatura è quello della moglie di Bernie Ecclestone, Fabiana, che è in corsa come vicepresidente sportivo per la regione sudamericana.

Il candidato presidente della FIA Ben Sulayem sui suoi piani per raddoppiare il motorsport

Le elezioni si terranno il 17 dicembre a Parigi. Sarà un momento importante per lo sport perché, con tutte le sfide che gli sport motoristici devono affrontare, dalle preoccupazioni per l'ambiente alla necessità di una maggiore varietà, i prossimi quattro anni saranno importanti per stabilire la rotta per il futuro.

Fotogallery: Foto - Il candidato presidente della FIA Ben Sulayem sui suoi piani per raddoppiare il motorsport