Valorizzare il passato, capitalizzare il presente e interpretare al meglio il futuro: così Lancia si prepara a riprendere il suo posto tra i marchi premium, ma soprattutto ad assumere il suo ruolo nella complessa strategia del Gruppo Stellantis, che lo ha affiancato ad Alfa Romeo e DS nell'elite dei brand di pregio di cui fa parte anche Maserati.

La rinascita passerà naturalmente per i prodotti, ma non con la classica offensiva a tutto campo per cui i tempi non son più maturi: al contrario, il piano si basa su scelte precise che riguardano anche l'aspetto commerciale e su una serie di valori industriali ed etici da sommare alla forte tradizione del marchio, che sarò sfruttata con molta più attenzione che nel passato recente. Ecco cosa succederà di qui al 2024, data del primo debutto, e dopo, nelle dichiarazioni del ceo, Luca Napolitano, durante l'incontro con la stampa di questa mattina.

Una Ypsilon meno "piccola"

Come marchio premium Lancia tornerà a occupare fasce medie e medio-superiori, ma per ora si gode l'ancora sorprendente successo della Ypsilon, ancora leader del segmento B in Italia non soltanto per prezzo. Oltre ad aver assicurato la sopravvivenza di un marchio che più volte in passato aveva rischiato di essere soppresso, la piccola è riuscita a conservarne l'immagine e rappresentare un punto di partenza da cui tornare a spostarsi verso i piani alti del mercato.

Non sorprende dunque che il primo modello nuovo , atteso nel 2024, sia proprio la sua erede, ma è importante sapere che non sarà la stessa auto di oggi:

"La nuova Ypsilon è ormai praticamente finita a livello di progettazione: sarà al 100% elettrificata, lunga intorno 4 metri, più maschile, più europea, più trasversale. Diversissima rispetto alla attuale, avrà interni rivoluzionari e costerà di più, perché avrà più tecnologia, contenuti e dimensioni diverse.

design-624d7d7aef8db

E le altre? per ora si chiamano Delta e Aurelia

Ma dopo la Ypsilon? La strategia, già annunciata nel paino Dare Forward 2030, si concretizzerà in tre lanci a distanza di 2 anni uno dall'altro e porterà al passaggio totale all'elettrico nel giro di 6 anni.

"Dal 2026 tutti nuovi modelli che lanceremo saranno esclusivamente elettici e che dal 2028 il 100% delle vendite del marchio sarà rappresentato da auto a sola batteria".

Lancia future plan (2)

Questo conferma che la nuova Ypsilon avrà inizialmente anche versioni solo parzialmente elettrificate, ma che queste saranno abbandonate di lì a 5 anni lasciando campo totalmente libero all'elettrico puro. Per i due modelli superiori, che dovrebbero nascere sulle piattaforme STLA small e medium, la conferma delle prime anticipazioni è intrigante.

"Quella che lanceremo nel 2026 sarà un'ammiraglia completamente elettrica da 4,6 metri, al limite del segmento Cuv. Il progetto ha il nickname "Aurelia", che a me piace molto ma che ora sembra un po’ meno valido come scelta finale. La terza, nel 2028, ha invece nickname Delta e sarà muscolosa, geometrica, dura. I primi sketch mi piacciono. Mi piacerebbe fare anche delle HF: per ora è un sogno, procediamo per piccoli passi e se le cose dovessero andare bene… Anche le one-off interessanti ma ad ora non affini a un brand che tra pochi anni sarà completamente elettrico.

01_Lancia Team, E. Ferraioli, Y. Chabert, L. Napolitano, R. Zerbi, P. Loiotile

Ritorno al passato? No ai revival, sì alla suggestione

Il patrimonio storico rappresenterà certamente un punto di forza per Lancia, ma la Casa intende usarlo con saggezza: esempi molto vicini nel gruppo come quello di Fiat 500, ci hanno mostrato che la tradizione può essere usata, ma nel caso di Lancia i tentativi del passato recente (come la Thema by Chrysler, ma anche l'ultima Delta che non ha mai convinto tutti) hanno un po' compromesso il fascino dei richiami classici, che ci saranno ma in una nuova veste.

"Richiamare direttamente una storia tanto illustre è sempre un po' pericoloso, noi lo faremo puntando però a modernizzarla al massimo, a reinterpretare in chiave attuale gli elementi ispirati da modelli indimenticabili"

Lancia mercato Italia

Meno concessionari e più e-commerce

In accordo con l'orientamento del Gruppo Stellantis, anche la rete vendita cambierà: il colosso ha da tempo dichiarato di voler ridimensionare e digitalizzare sempre di più la rete vendita e Lancia nello specifico punta ad arrivare al 50% di vendite online.

Al tempo stesso, occorre provvedere a riaprire i mercati esteri: a tale scopo, nel nuovo quartier generale del brand, che si trova nell'edificio di via Plava 80 dove è all'opera anche il centro stile guidato da Jean-Pierre Ploué, è già stato creato uno specifico ufficio.

Tra pochi giorni annunceremo l’ingresso in 4-5 mercati, e poi con il tempo arriveremo alle 60 città già individuate e ai 100 concessionari già individuati. Sarà una rete meno capillare e con showroom non enormi, ma di giusto impatto. Anche per i 220 punti vendita italiani, del resto, prevediamo una leggera riduzione. Vogliamo andare dove il lifestyle italiano è apprezzato, dove l’arte, l’eleganza e il food italiani vengono comprati (dice ridendo: e poi conta il doppio dove nel fare il giro mi sono divertito di più). Fuori dall’Europa? Possibile, ma per ora non è una nostra priorità.

LANCIA_APRILE_12.021

I tre pilastri della nuova Lancia

Al valore intrinseco del brand, Lancia oggi intende aggiungere una visione basata su tre punti fondamentali: sostenibilità, cura per il cliente ed etica. Sui primi due c'è poco da dire che non sia già nel manifesto programmatico di ogni altro costruttore europeo e non in questi anni, ossia elettrificazione, produzione a ridotto impatto, materiali ecologici, riciclaggio, e fornitura di servizi, anche attraverso tecnologie e software specifici.

Cristiana Capotondi (5)

Quanto all'etica, che in parte si riflette nei primi due punti, Lancia ha scelto già da ora di sostenere in particolare le donne, promuovendo una cultura di rispetto e inclusività. Il primo atto è uno spot, con protagonista l'attrice e già testimonial Ypsilon Cristiana Capotondi, ma in futuro si articolerà su nuove iniziative e messaggi.

Fotogallery: Foto - Il futuro di Lancia