Una protezione in più per prevenire uno dei pericoli più comuni per gli automobilisti: l’apertura della portiera quando è in transito una bici o un veicolo.

Sulle nuove Lexus è equipaggiato di serie il Safe Exit Assist, una tecnologia che, secondo la Casa giapponese, può prevenire fino al 95% degli incidenti causati dall’apertura delle portiere. Ecco come funziona.

Sensori che vedono tutto

Il Safe Exit Assist combina l’azione della chiusura centralizzata col sistema Blind Spot Monitor, il quale utilizza dei sensori posizionati sulla parte posteriore dell’auto.

In pratica, come mostrato dal video del costruttore, quando si cerca di aprire la portiera e la Lexus rileva un veicolo in arrivo alle spalle, vengono bloccate momentaneamente tutte le portiere. Contemporaneamente, sono presenti gli avvisi visivi del Blind Spot Monitor sullo specchietto retrovisore e sul quadro strumenti digitale.

Una volta che la bici o l’auto è transitata, il sistema elettronico e-Latch sblocca le portiere consentendone l’apertura.

Più sicurezza per pedoni e ciclisti

Questa tecnologia ha debuttato sulla nuova Lexus NX e sarà parte della dotazione di serie anche dell’elettrica RZ e della quinta generazione della RX, l'aggiunta più recente alla gamma del costruttore nipponico.

Non si tratta comunque dell’unico dispositivo di sicurezza disponibile per ridurre al massimo le possibilità di incidente con un ciclista. A tal proposito, il pacchetto Lexus Safety System+ equipaggiato di serie su tutti i nuovi modelli comprende l’avviso anticollisione che rileva la presenza di un ciclista (o di un pedone).

L’Intersection Turn Assist, invece, si attiva quando ci si prepara a svoltare a sinistra o destra: così si evita di tagliare la strada ad un ciclista in arrivo alle spalle o davanti alla Lexus.

Fotogallery: La tecnologia Safe Exit Assist di Lexus