Il brand si chiama Jaecoo - che si legge “geiccù”. Il modello si identifica, invece, con il numero “7”. Per comodità c’è chi la chiama J7 ed è un SUV “medio” con cui il nuovo marchio cinese coniato dal Gruppo Chery si sta preparando a sbarcare in Europa, Italia inclusa (qui ve ne parliamo in dettaglio).

L’auto è stata presentata in anteprima in occasione dell’ultimo Salone di Shanghai dove abbiamo avuto modo di toccare con mano i primi esemplari del modello atteso in Italia entro il primo semestre del 2024. Con prezzi a partire da 40 mila euro.

SUV innanzitutto

4 metri e 50 di lunghezza, ruote alte e un look squadrato che enfatizza l’imponenza della carrozzeria. I segni particolari della J7 coincidono con le principali ragioni d’acquisto di un SUV. Ma la Jaecoo 7 aggiunge una serie di raffinatezze stilistiche che fanno i verso a modelli ben più blasonati, come le maniglie a scomparsa, le luci Led che disegnano forme ricercate e un fascione posteriore liberamente ispirato alle ultime Range Rover. Fatto che sta che nell’insieme l’auto risulta esteticamente molto equilibrata.

Foto - Jaecoo 7

Anche dentro la cura per i rivestimenti e i materiali scelti danno un'impressione premium, con una certa ricercatezza d'insieme che trasmette una piacevole sensazione di qualità, sottolineata soprattutto quando si scelgono gli ambienti chiari.

L'impostazione stilistica della plancia e dei pannelli porta rimanda alle forme squadrate della carrozzeria con molti elementi che si sviluppano in verticale (incluso lo schermo centrale del sistema di infotelematica) e varie rifiniture che evocano un relativo spirito off road, come i bulloni a vista sui pannelli porta. Che poi la Jeacoo 7 le ruote su fuoristrada ambisce a metterle per davvero con la trazione integrale a controllo elettronico configurabile su sei tipologie di fondo stradale. Di fatto una sorta di "Terrain Response" alla Land Rover.

Foto - Jaecoo 7

La plancia della Jaecoo 7 vista dalla zona posteriore

Foto - Jaecoo 7

Un dettaglio del pannello porta della Jaecoo 7

Benzina e plug-in hybrid

L'auto, come detto, debutterà su diversi mercati del Vecchio Continente e tra primi ci sarà quello italiano. La Jaecoo 7 è attesa da noi a dicembre, in concomitanza con la cugina Omoda 5.

Inizialmente sarà disponibile solo nella versione 1.6 TGDI AWD, dunque turbo benzina e a trazione integrale che monta di serie una trasmissione a doppia frizione a 7 marce.

L'abbiamo guidata per 1 chilometro scarso all'interno di un area di parcheggio delimitata dai birilli poco lontano dalla fabbrica Chery di Wuhu, ma non siamo in grado di fornire impressioni significative se non quella che l'auto ci è sembrata ben insonorizzata, ma un po' lenta a livello di dinamica.

Foto - Jaecoo 7

Con la J7 fra i birilli in un parcheggio i Wuhu

Foto - Jaecoo 7

La Jaecoo 7 guidata da un collaudatore

In attesa di una vera prova su strada vi riportiamo i dati tecnici così come ci sono stati comunicati:

Lunghezza 4,5 metri
Larghezza 1,87 metri
Altezza  1,68 metri
Passo 2,65 metri
Peso a vuoto  1.634 kg
Altezza da terra 16,3 centimetri
Potenza max 186 CV
Coppia max 275 Nm
Velocità max 210 km/h

Dopo la versione benzina - i vertici di Chery dicono già a gennaio 2024 - toccherà alla variante plug-in hybrid.

Più avanti, la gamma del nuovo brand cinese si amplierà anche con l'arrivo della Jaecoo 9, un secondo SUV con la stessa impostazione della sorella minore J7 che però si affaccerà sul segmento di mercato superiore, avendo una lunghezza totale di oltre 4,8 metri.

Fotogallery: Jaecoo 7