La Mercedes Classe B della serie T245 viene prodotta tra il 2005 e il 2011 e molte sono ancora in circolazione. Il suo successo si basa sulla grande capacità di carico, la comoda seduta di guida e la pratica vivibilità di bordo garantita dalla piattaforma a sandwich condivisa con la contemporanea Classe A.

I motori non sono particolarmente potenti, con le varie B 150/160/170 che hanno potenze tra i 95 e i 116 CV, toccando il massimo sulla B 200 Turbo da 193 CV. Ma è esistita almeno una Classe B sportiva e potentissima, davvero speciale e tutta da scoprire che sembra un'AMG.

Operazione trapianto

Tutto inizia nel 2010, quando Mercedes presenta la B 55: è una Classe B con motore V8 e trazione posteriore, proprio come un'auto sportiva. E senza il suffisso "AMG", poiché Affalterbach non ha nulla a che fare con il progetto.

Fotogallery: Mercedes B 55 (2010)

L'auto con la denominazione B 55 è creata nello stabilimento Mercedes di Rastatt su suggerimento del direttore dello stabilimento Peter Wesp. Egli incarica il suo staff di costruire un veicolo insolito basato sulla Classe B. Andreas Würz, responsabile della formazione tecnica degli apprendisti, prende un regolo pieghevole, misura la Classe B e giunge a una conclusione sorprendente: può montare un V8. Insieme al suo collega Matthias Rieger, riunisce intorno a sé un team di dodici apprendisti del secondo e terzo anno di formazione e mette a punto le specifiche.

Il concetto spaziale della Classe B deve rimanere invariato e per gli esterni sono previste solo piccole modifiche. Gli interni devono essere adattati alla maggiore potenza. Dopo tutto, il risultato deve essere adatto all'uso quotidiano. Il punto di partenza è una B 200 CDI, destinata comunque all'apprendimento. Würz trova un V8 da 5,5 litri con 388 CV e 530 Nm di coppia come nuovo motore. È lo stesso motore aspirato (sigla M 273 KE 55), utilizzato nelle E 500 e S 500 di quegli anni. Viene impiantato nella Classe B insieme a un cambio automatico a sette rapporti.

Mercedes B55 AMG (2010)

Mercedes B 55 (2010), il motore V8

L'impianto di scarico è creato con vari pezzi di ricambio ed è dotato di un doppio terminale per fornire un suono distintivo. Successivamente si affronta il problema del passaggio dalla trazione anteriore a quella posteriore. Si scopre che l'asse posteriore di una vecchia Classe E della serie W 210 offre un buon adattamento geometrico. Con l'ausilio di un sottotelaio, il pezzo è installato nella Classe B.

Mercedes B55 AMG (2010)

Mercedes B55 AMG (2010), il dettaglio di cerchi e freni

I freni sono presi dalla C 32 AMG: All'anteriore, l'auto familiare rinforzata è dotata di dischi ventilati di 345 x 34 millimetri, mentre al posteriore ci sono dischi ventilati di 300 x 30 millimetri. All'anteriore sono presenti cerchi AMG 8,5 x 18 e pneumatici 235/40 ZR 18 Y. L'asse posteriore è dotato di cerchi 9 x 18 e pneumatici 255/35 ZR 18 Y.

Speciale anche dentro

Per quanto riguarda gli interni, la B 55 è dotata di rivestimenti in Alcantara per i montanti A, B e C e per il rivestimento del tetto, e sono aggiunti anche sedili rivestiti in Alcantara. Infine, il reparto verniciatura dà all'auto una veste bianca con griglia del radiatore scura e fari oscurati.

Mercedes B55 AMG (2010)

Mercedes B 55 (2010), la plancia

Mercedes B55 AMG (2010)

Mercedes B 55 (2010), il quadro strumenti

Il team del progetto è particolarmente orgoglioso del fatto che, con i suoi 1.620 kg, la B 55 pesa solo 180 chili in più rispetto al modello originale. Secondo il responsabile del team Würz, questo consente all'auto di raggiungere i 100 km/h in meno di 6 secondi.