Meno traffico o incidenti sulle strade e parcheggi o stazioni per auto elettriche più facili da trovare. In un mondo dove crescono le connessioni fra veicoli e ambiente, Hyundai Europe lancia Connected Mobility, una nuova divisione dedicata alla transizione verso vetture software-defined e servizi per la mobilità intelligente.

“In Hyundai serviamo i nostri clienti nel loro momento di massima necessità e siamo guidati dalla nostra incessante ricerca delle soluzioni di domani”, commenta Marcus Welz, managing director della neonata realtà. “Hyundai Connected Mobility è la nostra risposta strategica alla crescente domanda dei nostri clienti di servizi più connessi, accessibili e personalizzati”.

Servizi in auto e app

L’obiettivo – fa sapere la Casa – è offrire servizi in auto e sulle app durante tutto il ciclo di vita del veicolo, “per fornire ai clienti un’esperienza senza soluzione di continuità”. Sono tre i pilastri fondanti di Connected Mobility: servizi di mobilità, servizi di auto connesse e servizi digitali basati sui dati.

Hyundai Ioniq 5 2024

Hyundai Ioniq 5

A proposito dei primi, il Costruttore ricorda il modello di abbonamento Mocean, che rappresenta “un’alternativa interessante all’acquisto o al leasing di un veicolo Hyundai” e fornisce “un accesso rapido e flessibile alle auto” eliminando le pratiche burocratiche”.

“Il portafoglio di Hyundai Connected Mobility nell’ambito delle tecnologie per le auto connesse – continua la Casa per descrivere la seconda colonna portante della nuova strategia – sta migliorando l’esperienza dei conducenti, mantenendo i clienti connessi con la loro auto e l’ecosistema circostante.

Le soluzioni comprendono la piattaforma integrata a bordo del veicolo Bluelink® e nuovi servizi che sfruttano lo stack tecnologico dei veicoli software-defined (SDV). Hyundai prevede di avviare tre diversi pacchetti di servizi Bluelink® per ogni esigenza dei clienti, tra cui Bluelink® Lite disponibile per tutto il ciclo di vita del veicolo e servizi di abbonamento più avanzati con funzionalità a valore aggiunto”.

“Inoltre – conclude – i servizi digitali svolgeranno un ruolo importante nel modo in cui i clienti sperimenteranno i vantaggi dei veicoli software-defined. Oltre a fornire aggiornamenti regolari del software di infotainment Over-the-Air (OTA), questo pilastro lancerà nuovi servizi incentrati sul cliente – come Features-on-Demand (FOD), pagamenti in auto, applicazioni Vehicle-to-Everything (V2X), tra cui Vehicle-to-Grid (V2G) e Vehicle-to-Load (V2L) – e offrirà soluzioni relative al conducente per il parcheggio e la ricarica intelligente.

Adottando gli SDV, Hyundai mira a fornire esperienze personalizzate e senza soluzione di continuità che diano priorità alle preferenze dei clienti”.