Il nuovo motore a GPL è un 1.0 turbo da 100 CV: come se la cava rispetto al vecchio 1.6?

Torna una delle offerte più di successo sul mercato italiano, e non parliamo solo di SUV. La Dacia Duster, infatti, nel 2019 si è presa il titolo di auto estera più venduta nel nostro paese in assoluto con 43.701 esemplari, il record di vendite dall'arrivo nel 2010.

Il GPL ha contribuito notevolmente a questo successo e nel 2020 mette il turbo grazie al nuovo motore 1.0 TCe da 100 CV che abbiamo guidato in questo test drive. La variante si chiama ECO-G e per questo primo approccio abbiamo provato a misurare i consumi alla pompa. Vediamo com'è andata.

Com'è fuori

La nuova Duster GPL è identica alle varianti classiche diesel e benzina. L'impatto rimane quello del classico SUV a cinque posti, lungo 4,34 metri, largo 1,80 m e alto 1,69 m. Grazie al posizionamento del serbatoio del GPL in luogo della ruota di scorta il bagagliaio non perde nessuno dei precedenti 445 litri di capacità.

La Duster con il GPL si può avere solo in versione 4x2, nel caso si desideri la trazione integrale l'unica alternativa è il diesel 1.5 litri da 115 CV, come spiegato in questo video del Come Configurarla. A sottolineare il carattere è il frontale, che vede la calandra impreziosita da dettagli cromati e un nuovo paraurti anteriore che rimanda al mondo off-road, ambiente che la Duster non disdegna.

Dacia Duster GPL

Com'è dentro  

C'è solo una novità rispetto al modello classico, ovvero il tasto alla sinistra del volante per passare dal GPL alla benzina. Per il resto ci sono tutti gli aggiornamenti arrivati con l'ultima generazione, come il sistema di infotainment e il volante che adesso si regola anche in profondità.

Dacia Duster GPL

Sono disponibili il climatizzatore automatico (optional), il cruise control (non adattivo) e i sensori di parcheggio con telecamera. Oppure ancora, a richiesta si possono avere anche la chiave elettronica e il tasto di avviamento del motore. I comandi sul volante e il piccolo schermo digitale nel quadro strumenti aiutano ad aumentare la percezione di auto più matura, ma l'assenza dei sistema che tiene conto dei consumi (istantaneo, medio, ogni 100 km) è sempre una mancanza che si fa sentire.

Piacere di guida

Questa variante "gasata" del tre cilindri esce bene dal confronto con l'omologo a benzina anche guardando i numeri, nonostante i valori di accelerazione rimangono inalterati, con 168 km/h di velocità massima e 12,5 secondi per lo 0-100 km/h. La versione a GPL, infatti, guadagna 10 Nm di coppia (170 Nm) e abbassa di 750 giri il momento in cui il motore eroga questo valore massimo (a 2.000 giri/min). 

Dacia Duster GPL

Il motore frulla che è un piacere e allunga bene fino a 5.000 giri, quando arriva il picco di potenza. Anche il rollio è contenuto e ce n'è quanto basta per giustificare il comfort e la comodità della Duster. Piacevole - inoltre - è il cambio, sebbene la corsa non sia cortissima, perché gli innesti sono molto precisi. 

Comfort

La buona notizia è che anche qui non ci sono vibrazioni trasmesse a volante e pedaliera e il motore, di suo, non è eccessivamente rumoroso. L'insonorizzazione, in ogni caso, non è curata quanto quella dei modelli Renault e a 130 km/h si fa sentire qualche fruscio aerodinamico.

Dacia Duster GPL

Nel funzionamento a GPL, i consumi sono peggiori di quelli di una Duster benzina o diesel, vero, ma i vantaggi rispetto al vecchio motore 1.6 SCe aspirato riguardano sia la spesa in carburante che l'autonomia, che su questo modello arriva a 487 km dichiarati. In più migliora la guidabilità (vista la spinta più sostenuta già dai bassi regimi) e l'autonomia totale, che tenendo conto anche del serbatoio di benzina può arrivare fino a 1.400 km realistici.

Curiosità 

L'impianto è un Landi-Renzo montato direttamente in fabbrica e gode di 3 anni di garanzia o 100.000 km. Attenzione, poi, a dare per scontato dal punto di vista tecnico questo tre cilindri, che grazie alla banca di tecnologie del Gruppo Renault si rivela un vero e proprio gioiellino.

Dacia Duster 1.0 TCe

Non mancano la distribuzione a singola fasatura variabile idraulica per l’aspirazione, l’albero motore in acciaio forgiato, una riduzione delle masse rotanti del 7% con conseguente riduzione degli attriti (grazie anche ad a un rivestimento specifico per le canne dei cilindri), il collettore di scarico parzialmente integrato alla testata e un miglior raffreddamento della camera per una combustione più efficiente. 

Quanto costa

Si parte dalla versione Essential, il secondo livello di allestimento, con un prezzo di 14.150 euro. Si tratta di 350 euro in più rispetto all'omologa a benzina e sempre 350 euro è la cifra che serve per aggiungere il GPL anche ai restanti equipaggiamenti.

Comfort e Prestige sono le Duster più accessoriate, con clima automatico, retrocamera, alzacristalli elettrici al posteriore, barre sul tetto, navigatore media nav evolution e protezioni sotto-scocca anteriori e posteriori. Per chi vuole ancora qualcosa in più, invece, c’è la Techroad a poco più di 17.350 euro.

Fotogallery: Dacia Duster GPL 2020

Dacia Duster

Lunghezza 4,34 metri
Altezza 1,64 metri
Larghezza 1,80 metri
Capacità di carico 445 litri
Motore 1,0 litri 3 cilindri turbo
Coppia Massima 170 Nm a 2000 giri/min
Potenza 100 CV
Trasmissione 5 marce manuale
Accelerazione 0-100 km/h 12,5 secondi
Consumi 6,9 litri per 100 km
Emissioni 112 grammi/km