Per Peugeot, Hybrid prima voleva dire diesel ed elettrico, oggi vuol dire ibrido plug-in a benzina e le declinazioni sono addirittura due per la Peugeot 3008 restyling, il SUV che - dopo 4 anni di successi (oltre 800mila unità delle quali 90mila solo in Italia) - si rinnova per continuare ancora a sostare nei piani superiori di un segmento che ormai è composto per il 60% da veicoli "a ruote alte". Trovate in questo articolo le novità punto per punto.

La gamma della nuova Peugeot 3008 affianca alle versioni a benzina una a gasolio e due ricaricabili. Di queste ultime, abbiamo guidato la variante più tranquilla, con 225 CV di potenza totale, la trazione anteriore e un solo motore elettrico, che promette un’autonomia di 56 km senza usare il motore a benzina.

Clicca per leggere:
Esterni | Interni | Guida | Curiosità | Prezzi

Esterni

Un frontale senza calandra o, meglio, con una griglia "sfumata". È sicuramente questo il particolare più innovativo della 3008 rinnovata, che cattura subito, anche più delle due "zanne" di luce riprese dai modelli più freschi di lei, come la Peugeot 508, la Peugeot 208 e la Peugeot 2008. L’effetto è stato ottenuto con una trama a matrice i cui elementi digradano verso i paraurti e i gruppi ottici che ora possono avvalersi di un design rivisto per creare una nuova firma luminosa. In più, sono a Led per tutti gli allestimenti.

Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in
Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in

Sulle versioni più ricche della 3008 restyling, i gruppi ottici incorporano la funzione cornering, quella dei fari di profondità e gli indicatori di direzione dinamici. Cambiano anche le luci posteriori: ora i tre “graffi” sono filiformi, riguardano anche le luci di retromarcia e sembrano sospesi nella lente brunita, per un effetto più hi-tech. Le altre novità riguardano le tinte per la carrozzeria e i cerchi con diametro di calettamento fino a 19 pollici. Senza dimenticare il Black Pack, che prevede finiture, cerchi, griglia e persino il logo del leone in nero.

Interni

Nell'abitacolo, lo stile i-Cockpit e l'ergonomia con tasti a registro d’organo rimangono gli stessi, ma la sensazione di raffinatezza e qualità è ancora maggiore grazie a materiali come la Nappa e l'Alcantara per i sedili e a una nuova essenza di tiglio scuro per le modanature. L’allestimento GT, poi, è l’unico che ha il retrovisore interno senza cornice.

Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in

Lo schermo del sistema infotelematico cresce a 10 pollici e cresce anche la definizione del pannello della strumentazione digitale, da 12,3 pollici. In più, ci sono le indicazioni del sistema ibrido e il visore a raggi infrarossi per la guida notturna. Sempre generosa l’abitabilità, anche dietro, dove ora si trovano due prese USB. Il bagagliaio ha una capacità di 395 litri, ampliabili a 1.357 litri: rispetto alle versioni con motore termico, 125 litri sono immolati alla batteria.

Guida

La versione Hybrid a trazione anteriore da 225 CV sfrutta lo stesso 1.6 da 180 CV presente in gamma. La differenza è nel motore elettrico da 110 CV (81 kW) inserito nel cambio e nella batteria da 13,2 kWh. Aggiunte che si traducono in 331 kg in più sulla bilancia. La potenza totale di 225 CV del sistema non è la somma aritmetica del contributo dei due motori, mentre per la coppia si sa solo il dato separato: 300 Nm per il 4 cilindri, 320 Nm per l’elettrico.

Lo sportellino per la ricarica è sul lato sinistro, perfettamente simmetrico a quello per la benzina. Il caricatore di bordo è da 3,7 kW, oppure da 7,4 kW a richiesta per 300 euro. Con questa opzione, la ricarica si completa in 1 ora e 45 minuti, mentre con la presa domestica ci vogliono 7 ore. L’autonomia dichiarata è di 56 km, ma sull’indicatore all’inizio della prova abbiamo letto 44 km, che si sono rivelati realistici sulle strade di Roma.

Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in
Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in

Per chi non vuole ridurre all’osso la batteria c’è anche una funzione che permette di mantenere un numero di km prefissato in elettrico e il sistema, premendo un piccolo pulsante ben mimetizzato tra gli altri, fornisce numerose indicazioni sul consumo sia di energia sia di carburante. Nel nostro caso, abbiamo fatto segnare 3,5 km/kWh e 30 km/litro, ma quest’ultimo non è attendibile perché rilevato su un percorso troppo breve.

Sicuramente i 10 litri in meno del serbatoio di benzina non sono compensati dalla batteria e, se si vuole dare un senso a una 3008 ibrida rispetto ad una con motore a benzina o diesel, occorre prendere l’abitudine di caricarla. Per il resto, questa Hybrid è fluida e silenziosa, aggiungendo una nota ulteriore ad un’auto che fa da sempre del comfort una delle sue prerogative. Anche le sospensioni posteriori ad assale torcente funzionano bene e l’aumento del peso non sembra gravare troppo sull’assorbimento.

La 3008 in città fa valere la sua maneggevolezza, anche se lo sterzo si alleggerisce in modo quasi innaturale a bassa velocità. Il motore elettrico ha una risposta morbida e per il recupero dell’energia si possono usare due posizioni, ma se la D lascia veleggiare, la B è molto lontana dal “one pedal feeling”.

Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in

Si possono scegliere tre modalità di guida: Electric, Hybrid e Sport, dove emergono tutti i cavalli del sistema, gestibili al meglio da un cambio automatico a 8 rapporti che nelle scalate appare un tantino più lento rispetto alle 3008 automatiche con motore solo termico. La scheda delle prestazioni dice: 225 km/h di velocità massima e 0-100 km/h in 8,7 secondi. Dunque prestazioni di un pelo migliori di quella con il solo motore termico. Se volete di più, comunque, c’è la versione da 300 CV con il motore elettrico posteriore e la trazione integrale.

Curiosità

Quando la Peugeto 3008 restyling marcia in elettrico – e può farlo fino a 135 km/h, batteria permettendo – lo fa sapere anche agli altri accendendo un Led blu che si trova dietro il supporto dello specchietto retrovisore interno ed è visibile all’esterno attraverso il parabrezza. Un’altra particolarità luminosa riguarda i gruppi ottici posteriori, che rimangono sempre accesi anche di giorno, al pari delle luci diurne di marcia anteriori.

Prezzi

La Peugeot 308 Hybrid 225 e-EAT8 parte da 44.680 euro nell’allestimento Allure, ovvero 9.000 euro in più rispetto alla versione 180 EAT8. La gamma prevede anche i livelli Active e GT e ciascuno può essere arricchito con un pack specifico. La soglia di ingresso è di 29mila euro per la versione con motore 1.2 a 3 cilindri con 130 CV, mentre per il diesel 1.5 di pari potenza sono necessari 2mila euro in più. Il lancio è previsto per il mese di gennaio.

Fotogallery: Peugeot 3008 Hybrid4 restyling, la prova della ibrida plug-in

Foto di: Tibo

Peugeot 3008 e-EAT8 225 CV plug-in Hybrid

Lunghezza 4,45 m
Larghezza 1,84 m
Altezza 1,62 m
Peso 1.835 kg
Capacità di carico 395-1.357 litri
Trasmissione cambio automatico 8 marce
Trazione anteriore
Potenza 225 CV
Coppia Massima 300 Nm (1.6 benzina) + 320 Nm (elettrico)
Accelerazione 0-100 km/h 8,7 s
Velocità Massima 225 km/h
Consumi 1,5 litri/100 km (combinato WLTP)
Emissioni 35 g/km (combinato WLTP)
Batteria 13,2 kWh
Autonomia in elettrico 56 km (dichiarato WLTP)
Tempo di ricarica 1h 45 m (7,4 kW AC optional)