Può un'auto elettrica essere anche piacevole da guidare? È questa, a ben vedere, la classica domanda da un milione di dollari quando si parla di EV eppure, dalle parti di Rüsselsheim, al centro di sviluppo Kia, il pensiero al riguardo è ben chiaro: si può fare, e la Kia EV6 è il classico uovo di colombo. 

Sarà vera gloria? Le trappole dell'equazione "zero emissioni uguale divertimento" sono molte e non prive di fondamento, tra dimensioni, spazio e - soprattutto - peso. Ecco perché le strade del sud della Spagna potrebbero chiarirci un po' di più le idee. A disposizione? Una Kia EV6 in allestimento GT Line e trazione integrale. 

Clicca per leggere:

Esterni | Interni | Guida | Curiosità | Prezzi

Esterni

Forma e sostanza: due elementi che si legano profondamente quando si parla di native elettriche. Iniziamo dalla prima però, perché lo stile colpisce. Un design tanto curato nei dettagli quanto pulito nella sua interezza, con linee che ricordano un concept uscito da un romanzo cyberpunk, senza perdere però il giusto tocco di classe. 

La cura estetica si nota fortemente al posteriore, con linee che si incastonano nei gruppi ottici senza soluzione di continuità, rendendo gli stessi fari elemento essenziale di uno stile che continua lungo la fiancata e arriva addirittura ai passaruota anteriori e, finalmente, ai proiettori anteriori. 

Foto - Kia EV6, la prova

Questi delineano la forma dal cofano - muscoloso e aggressivo - al parafanghi, più sobrio ma comunque imponente. Insomma, il colpo a effetto c’è, ed è riuscito, tanto più che il passo da 2 metri e 90 cm non stona. Alzando lo sguardo, i montanti a contrasto sembrano sorreggere un tetto squadrato, netto nelle sue linee tanto da sembrare poggiato. La Kia EV6 sembra una fiera pronta a scattare, nonostante non abbia un assetto "rake", caricato sull'anteriore. Si tratta di linee e proporzioni.

L'equilibrio stilistico è evidente: piaccia o non piaccia, il lavoro dello studio di design va sottolineato, tanto più con i cerchi da 20 pollici a corollario.  

Interni

Spazio e tecnologia: la Kia EV6, come detto più volte, porta con sé i vantaggi di una piattaforma dedicata. Avere un passo del genere comporta grande spazio a bordo. L'accesso ai sedili posteriori - o per meglio dire, ai divani - è estremamente comodo, così come la seduta. L'unico appunto è dato dall'angolo delle gambe, a causa del tappeto rialzato dato dal pacco batteria da 77,4 kWh. Nessun impedimento invece per chi siede al centro. I sedili, tra l'altro, possono variare la loro inclinazione, ma non possono spostarsi in senso longitudinale, come sulla cugina Ioniq 5. 

Allo stesso modo, anche il tunnel centrale non può scorrere su una slitta sulla Kia EV6. Poco male perché di spazio - anche per chi siede davanti - ce n'è in abbondanza. L'ambiente è ben curato, con un mix tra qualità dei materiali "classica" e dettagli tech che ben si fonde e si plasma a tutto tondo. 

Foto - Kia EV6, la prova

L'idea alla base sembra esser stata quella di un forte apporto tecnologico, ma senza voler spaventare. Eppure di soluzioni esclusive e sfiziose se ne trovano, come la barra touch con switch, con passaggio tra climatizzazione e infotainment interattivo. Clima che, tra l'altro, ha anche dei rotori fisici. 

D'impatto la trama sulla plancia realizzata con materiali soft touch, subito sopra dei motivi, dei filamenti luminosi decisamente particolari. Il sistema di infotainment è tutto in un doppio display da 12,3 pollici ciascuno che mostra le fattezze di uno smartphone. Non tra i migliori in assoluto per velocità, ma comunque interessante. Ci ritorneremo sopra in un Perché Comprarla Elettrica in futuro.

Foto - Kia EV6, la prova

Un accenno, infine, anche alla regolazione "automatica" del sedile in posizione relax e comfort, utile per quando si passa del tempo durante la fase di carica. Un escamotage che sottolinea ancor di più il pensiero dietro la realizzazione di quest'auto.

Uno sguardo dietro, al vano di carico. Questo ha una buona accessibilità, non presenta gradini, e ha una capacità buona con i suoi 490 litri con i sedili in posizione rialzata. Basta il semplice tocco di una leva per abbatterli però, e arrivare a 1.300 litri totali. Inoltre, è presente un doppio fondo occupato in parte dall'impianto subwoofer. 

Il vano di carico è davvero molto ampio, con una capacità che passa dai 490 a 1.300 litri e con un doppio fondo abbastanza capiente e sfruttabile nonostante la presenza della batteria, dei motori elettrici e del subwoofer. 

Guida

Il sud della Spagna offre curve e scorci ideali per mettere alla prova la versione a quattro ruote motrici in prova. 325 CV di potenza massima, ma soprattutto 605 Nm di Coppia motrice sono numeri che permettono di potersi divertire alla guida - tenendo da conto l'obiettivo conclamato dagli stessi tecnici della Casa. Sì perché, fin dal nostro sbarco in terra iberica, il racconto degli sviluppatori si incentra sullo sviluppo realizzato al Nurburgring, sulla Nordschleife. È pur vero che si tratta di un'auto che ha un peso di 2.015 chilogrammi in ordine di marcia. 

Fin dai primi metri e dalle prime curve si nota un'auto precisa, reattiva e veloce all'anteriore. In ingresso di curva è davvero impressionante, tanto che il posteriore si ritrova a seguire, a rincorrere. Lo schema sospensivo è un McPhaerson davanti ed un multi-braccio dietro. 

Foto - Kia EV6, la prova

Il rollio è contenuto a ben vedere, figlio di un'impostazione degli ammortizzatori più rigida ma non secca. È un'impostazione voluta, perché lei poggia sulla gomma, inizia ad andare in derapata - controllata dal controllo di trazione in maniera naturale - e offre quella sensazione di divertimento ricercata. Un effetto dondolo che può piacere a chi guida, un po' meno quando si è passeggeri.

Questo è un discorso che - tra l'altro - vale anche per la trazione integrale, perché la Kia EV6 si comporta da trazione posteriore, salvo poi ripartire potenza all'anteriore in uscita, trasferendola dalle ruote di trazione. Un carattere evidente dunque, che mantiene la sua coerenza pur cambiando i driving mode a disposizione. Sono tre e si chiamano semplicemente "Eco, Normal e Sport". 

In fase di rigenerazione, la EV6 offre diverse modalità che si possono legare con uno stile di guida piuttosto che un altro, o a diversi momenti della giornata. Si può passare da un sistema praticamente One Pedal Feeling, fino a un veleggiamento completo. Al netto della modalità di recupero dell’energia, il pedale del freno ha una buona reattività: non c’è spugnosità né morbidezza, ma una risposta progressiva quanto coerente.

Foto - Kia EV6, la prova

La posizione di guida è sufficientemente comoda, grazie anche a una buona regolazione sia per il volante che per il sedile stesso. D’impatto estetico, ma comunque comodo, anche il poggiatesta. La visibilità è buona ma non ottima, a causa dei montanti molto inclinati. Il comfort acustico invece, è davvero da riferimento.

Una elettrica però, vive anche di consumi, lo sappiamo tutti. Come spesso accade, un primissimo contatto non può dare una visione chiara. Ci torneremo sopra in un Perché Comprarla, ma durante la nostra giornata tra Malaga e Marbella, ho raggiunto una media di 19 kWh per 100 km in ambito cittadino, 24 in ambito autostradale. Quando però ho voluto spingere dinamicamente, ho raggiunto anche i 27-28 kWh/100 km.

Curiosità

Uno degli elementi cardine di questa Kia EV6 - come d'altronde anche della sua cugina Hyundai Ioniq 5 - è l'adozione della tecnologia V2L o Veichle to Load. Si tratta di un processo tale per cui la funzionalità di carica e assorbimento dell'energia elettrica non è più solo unidirezionale ma bidirezionale.

L'automobile - grazie a un apposito connettore - può dunque svolgere funzione di caricatore, di "powerbank" e caricare oggetti di uso comune come una e-bike (come potete vedere dal video), far lavorare un frigorifero o un asciugacapelli. Ne avevamo parlato in un video apposito con la "cugina" Hyundai Ioniq 5. 

Prezzi

La Kia EV6 ha un prezzo di partenza di 49.500 euro per la versione a due ruote motrici. Si sale a 53.000 euro per la versione AWD, la quattro ruote motrici, mentre per l'allestimento GT Line si sforano i 61.000 euro.

A fine 2022 arriverà poi sul mercato la versione GT, con un prezzo che si aggira intorno ai 70.000 euro. Le rivali più accreditate, considerando capacità del pacco batteria, fascia di prezzo, potenze e allestimenti saranno la Ford Mustang Mach-e, la Tesla Model Y, l'Audi Q4 e-tron, senza contare Skoda Enyaq iV e Hyundai Ioniq 5 che offrono un carattere tendenzialmente più tranquillo.

Fotogallery: Foto - Kia EV6, primo contatto

Kia EV6

Lunghezza 4,68 m
Altezza 1,55 m
Larghezza 1,88 m
Peso 2015 kg in ordine di marcia
Capacità di carico 490 - 1300 l
Motor sincrono a magneti permanenti
Potenza 325 CV
Coppia Massima 605 Nm
Trazione AWD
Tipo di ricarica Tipo 2 | CCS Combo2
Autonomia in elettrico 77,4 kWh
Consumi 19 kWh/100km città | 24 kWh/100km Autostrada