Ritoccata leggermente nel look e nella gamma, offre un nuovo e più avanzato sistema di recupero dell’energia

Con la XC90, SUV di grandi dimensioni, è cominciata la riscossa di Volvo. Un marchio che, da lì in poi, non ha sfornato altro che auto apprezzate, dalla “critica” e dal pubblico, come dimostrano i dati di vendita, in crescita un po' ovunque, grazie in particolare alla XC40. Il tempo però passa per tutti e così per la XC90 è tempo di qualche ritocco. Leggero, sia chiaro, perché di invecchiato c’è poco o nulla. E che porta l’introduzione delle varianti B5, benzina e diesel, e B6, solo a benzina: prenderanno il posto di T5, T6 e D5.

B-badge Volvo

Motore elettrificato: “B”

Il motore elettrico a supporto di quello a benzina non è una novità per l’XC90, che nella versione T8, anch’essa aggiornata e migliorata, è un’ibrida plug-in. Si tratta però di un modello decisamente di nicchia, dati i suoi 420 CV di potenza e gli oltre 85.000 euro di prezzo di partenza (il listino deve essere ancora comunicato).

Ecco dunque un’elettrificata “per tutti”: identificata dalla sigla B, questa nuova motorizzazione elettrificata combina un avanzato sistema di recupero dell’energia, che permette di tagliare i consumi, in condizioni di guida reale, fino al 15%.

B5, tutti i numeri

La gamma della XC90 restyling partirà dunque proprio dalla B5 AWD: è una 2.0 biturbodiesel da 235 CV e 480 Nm, supportato da un'unità elettrica da 13,6 CV e 40 Nm. Lo scatto da 0 a 100 km/h viene completato in 7,6 secondi e la velocità massima è pari a 220 km/h; il consumo combinato (WLTP) è compreso fra 6,6 a 7,7 l/100 km.

Aggiornamenti tecnologici

La XC90, che al momento del lancio portò al debutto, per Volvo, diverse tecnologie di assistenza alla guida, negli anni è stata “superata” dalle sorelle minori. Col restyling si rimette al passo: ecco dunque City Safety con frenata automatica e rilevamento di pedoni, ciclisti e animali; Oncoming Lane Mitigation, Cross Traffic Alert e Blind Spot Information System.

Volvo XC90 Facelift

Aggiornato anche il sistema di infotainment Sensus, ora compatibile, oltre che con Apple CarPlay, anche con Android Auto.

Fuori, cambiano solo piccoli dettagli

Nuovo design dei cerchi, ventaglio colori più ampio e griglia anteriore rivista: sono queste le modifiche principali apportate al design.

Volvo XC90 Facelift

Dentro, se l’impostazione della plancia rimane invariata, l’XC90 si può ora avere con abitacolo a 4 posti (versione Excellence), oppure a 7, come prima, ma anche in versione a 6 posti. Non mancano poi nuovi materiali per gli interni, incluso uno speciale tessuto misto lana.

Fotogallery: Volvo XC90 restyling