2018 allarmante, mentre scendono i ritrovamenti di veicoli rubati. Non accadeva dal 2013

Tutti conosciamo quella preoccupazione di non ritrovare l’auto nel parcheggio al proprio ritorno. Purtroppo i motovi di tale paura non mancano. Anzi. Dopo 5 anni di stabilità aumenta infatti la percentuale di furti auto in Italia. 105.239 i veicoli rubati nel 2018, il 5,2% in più rispetto al 2017. Un numero preoccupante, anche in relazione alla diminuzione del 4% della percentuale di veicoli ritrovati, dal 2017 al 2018. 

In forte crescita i SUV

Questi sono i dati allarmanti forniti dall’azienda di antifurti satellitari per auto LoJack. Da anni in stretta collaborazione con la polizia stradale e il ministero dell’interno, ha contribuito a stilare la statistica annuale di furti auto che vede in forte crescita (+ 62% rispetto al 2017), i SUVLeader assolute della classifica sono Panda e 500, seguite subito da Evoque, Renegade e Peugeot 5008

La regione più colpita è la Campania, con 19.975 furti denunciati e appena il 30,86% di recuperi. In seconda posizione c'è il Lazio, con 18.417 auto rubate e una percentuale ancora peggiore di ritrovamenti: 28,73%. Quasi 1 su 4. Chiude il non invidiabile podio la Lombardia: 12.877 auto scomparse e il 41,83% di ritrovamenti.

Furti auto, in crescita nel 2018

Il Trentino Alto Adige è invece la regione dove sono state rubate meno auto, appena 179 col 67,6% di ritrovamenti, mente la Liguria è in testa per percentuale di ritrovamenti: 85,09%.

Come si rubano le auto

Come illustrato nell'infografica che trovate qui sotto i professionisti del furto utilizzano differenti tecniche per aprire e avviare l'auto. Al primo posto c'è un grande classico: la riprogrammazione della chiave, così da creare una copia clandestina e accedere senza problemi. Il secondo metodo preferito consiste nel craccare l'immobilizer, ovvero il sistema che riconosce la chiave dell'auto e fa si che solo quella la possa aprire.

Ci sono poi sistemi ancora più complessi, come l'hackeraggio che sfrutta la connessione web dell'auto o il posizionamento di un ricevitore che intercetta il "dialogo" tra chiave ed auto e ne copia i codici (relay attack).

Furti auto, in crescita nel 2018

Esportazione o pezzi di ricambio

La maggior parte dei veicoli rubati viene esportata, con targa rimossa e telaio rinumerato, operazione che in gergo automobilistico viene chiamata “ripunzonatura”. Rivendute, principalmente in Est Europa o Nord Africa, contribuiscono ad un business da diversi milioni di euro, mentre alcune tornano nel nostro Paese. 

Sorte diversa tocca ai modelli infarciti di una gran quantità di optional, come BMW o altri brand premium tedeschi. La rivendita infatti non avviene per l'auto intera, che viene invece smontata pezzo per pezzo per andare a rimpolpare il mercato dei ricambi online (o tramite mercato nero).

L’aiuto di LoJack

Nelle statistiche stilate da LoJack si citano anche casi di vetture ritrovate prima dei loro viaggi oltre confine. Una specialità per il sistema statunitense, nato proprio per ritrovare veicoli rubati, che lo scorso anno è stato fondamentale per ritrovare 3 Range Rover Evoque ed una Jeep Renegade, nascoste in un container nel porto di Gioia Tauro pronte per finire nella Repubblica del Gambia. Solo una delle quattro era dotata di antifurto satellitare LoJack. 

Fotogallery: Furti auto, in crescita nel 2018