Ecco come cambia la compatta di lusso tedesca, dallo stile esterno all’abitacolo, fino ai motori

La nuova Audi A3 Sportback nasce al Salone di Ginevra (quello che è diventato il Salone digitale) per rilanciare la Casa tedesca in quel segmento delle auto compatte di lusso che negli ultimi tempi ha visto avanzare le rivali BMW Serie 1 e Mercedes Classe A.

Lo fa con uno stile più moderno e sportivo che mette a frutto le più recenti evoluzioni di design a livello di frontale, fari e una fiancata insolitamente scavata per dare risalto ai passaruota sporgenti. Le novità dell’Audi A3 Sportback di quarta generazione sono davvero tante, soprattutto se la mettiamo a confronto con la vecchia A3 Sportback ancora a listino.

Già davanti cambia molto

Iniziamo guardandole negli occhi le due A3 sportback di terza e quarta generazione. Dal frontale si notano già le prime importanti differenze che partono dalla calandra single frame ancora più grande e con finitura a nido d’ape, si estende ai fari più grandi e orizzontali, prosegue nelle diverse prese d’aria del paraurti e si concludono nel cofano motore "a coperchio".

Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Anche gli specchietti retrovisori cambiano forma, mentre larghezza e altezza sono molto vicine; una questione di 3 centimetri che rendono la nuova Audi A3 Sportback più lunga e larga della precedente e con altezza leggermente superiore.

  Audi A3 Sportback (2020) Audi A3 Sportback (2016)
Lunghezza 4,34 m 4,31 m
Larghezza 1,81 m 1,78 m
Altezza 1,44 m 1,42 m
Passo 2,63 m 2,63 m
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Spalle larghe

Vista di fianco la nuova A3 Sportback mostra tutta la sua voglia di rinnovare l’immagine della compatta di Ingolstadt con l’inedita concavità a livello delle fortiere che pone in evidenza i passaruota bombati e non più solo accennati negli archi ruota. Notevole il miglioramento della resistenza aerodinamica, con un Cx che scende a 0,28.

Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Le maniglie porta di nuovo disegno fanno il paio con il lungo alettone sul lunotto e con il terzo finestrino che risulta ridotto e più spiovente nella forma. La capacità di carico del vano bagagli resta praticamente immutata a quota 380/1.200 litri, mentre il peso della nuova A3 Sportback aumenta di poco.

  Audi A3 Sportback (2020) Audi A3 Sportback (2016)
Capacità bagagliaio 380/1.200 litri 380/1.220 litri
Cx 0,28 0,32
Peso a vuoto (1.5 TFSI) 1.280 kg 1.250 kg
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

In coda i fari e il paraurti fanno la differenza

La coda mostra più un’evoluzione che una rivoluzione, con la "spalla" del portellone che mostra un profilo ricurvo, i fari che diventano più larghi e sottili e una diversa sagoma della soglia di carico del bagagliaio.

Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Anche il paraurti posteriore della nuova Audi A3 Sportback è stato modificato per accogliere una serie di dettagli inediti come le luci rifrangenti e gli scarichi nascosti sotto l’estrattore di nuovo disegno.

Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Plancia squadrata

Dentro la nuova Audi A3 Sportback si notano tante differenze di stile, ma anche di impostazione ergonomica e di tecnologie di bordo. La plancia abbandona le rotondità della vecchia A3 per puntare su linee squadrate, semplici e forte sviluppo orizzontale, con lo schermo touch da 10,1" dell’infotainment che scende più in basso e si integra proprio al centro di console e plancia.

Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Addio anche alle bocchette di aerazione rotonde, sostituite da due elementi poligonali a fianco della palpebra strumenti e due inglobate nella parte destra della plancia. Poche differenze invece a livello di quadro strumenti digitale che nel caso dell’Audi virtual cockpit ha una diagonale di 12,3", mentre compare per la prima volta l’head-up display.

Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione
Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione

Così cambiano i motori

Fare un confronto fra le motorizzazioni di nuova e vecchia Audi A3 Sportback è forse prematuro, visto che al momento mancano alcuni dettagli sulla gamma completa della quarta generazione, ma per iniziare si può provare a capire cosa esordisce sotto il cofano e cosa sparisce. A colpo d’occhio si nota già la sparizione del 1.6 TDI, sostituito dal 2.0 TDI e l’arrivo del 1.5 TFSI mild hybrid a 48 volt.

  Audi A3 Sportback (2020) Audi A3 Sportback (2016)
Benzina 30 TFSI 110 CV (1.0) 30 TFSI 116 CV (1.0)
  30 TFSI 110 CV S tronic (1.0) -
  35 TFSI 150 CV (1.5) 35 TFSI 150 CV (1.5)
  35 TFSI 150 CV S tronic COD MHEV 48V (1.5) -
  S3 2.0 TFSI 310 CV S tronic S3 2.0 TFSI 300 CV S tronic
  - RS 3 2.5 TFSI 400 CV S tronic
Diesel 30 TDI 110 CV (2.0) 30 TDI 116 CV (1.6)
  35 TDI 150 CV (2.0) 35 TDI 150 CV (2.0)
  - 40 TDI 184 CV (2.0)
Metano 30 g-tron 131 CV S tronic (1.5) 30 g-tron 131 CV S tronic (1.5)
Ibrida plug-in 40 e-tron 204 CV (1.4) 40 e-tron 204 CV (1.4)
  45 e-tron 250 CV (1.4)
-

 

Fotogallery: Audi A3 Sportback, il confronto fra nuova e vecchia generazione