Evitare le code estive al casello fa sempre piacere, ma farlo anche fuori dall’Italia con lo stesso metodo è ancora meglio. Ecco come si fa

L’estate 2020 sarà dedicata ai viaggi in auto, brevi o lunghi che siano. Non per tutti, sia chiaro, ma il trasporto ricreativo su gomma – causa CoVid-19 – potrebbe essere il preferito di molte famiglie durante questi mesi estivi e, probabilmente, anche in quelli successivi.

Se quindi siete curiosi di conoscere qualcosa in più su come risparmiare la fila al casello... allora è necessario approfondire i servizi offerti dal Telepass, un “sistema di riscossione automatica del pedaggio autostradale” nato nel 1989 e che oggi non riguarda solo l’Italia, ma unisce persino alcuni paesi d’Europa. Almeno, ci prova.

Come si attiva il Telepass?

Come per il sistema di allarme che si installa spesso solo dopo la “visita” dei ladri, conoscere meglio il Telepass torna più utile prima di mettersi in viaggio. E pensare che attivarlo non è così complicato.

Online è la strada più semplice, visitando il sito ufficiale Telepass.it e seguendo le istruzioni. Bisogna tenere sotto mano i propri dati personali, quelli dell’auto (numero di targa) e bancari (IBAN) per l’addebito di tutte le spese.

In questo caso il tempo di attesa per avere il device è variabile. Il Punto Blu invece è la strada più rapida per entrare subito in possesso dell’apparato, ma bisogna consultare il sito per verificare gli orari di apertura degli Sportelli che, per esempio, nel weekend sono chiusi!

Infine, in Banca o negli Uffici Postali è possibile attivare l’abbonamento ed entrare in possesso del device in tempi abbastanza celeri.

Quanto costa?

Si parte da 1,26 euro al mese, con fattura trimestrale (quindi 3,78 euro ogni 3 mesi) ai quali vanno aggiunti – ovviamente – i costi dei pedaggi e dei vari servizi quali Telepass Strisce Blu e Telepass Pay.

Quest’ultimo ha un canone mensile di 2,5 euro (quindi 7,5 euro a trimestre), un costo che include la possibilità di pagare sosta nelle strisce blu, taxi e carburante tramite un’app dedicata.

Si può inoltre aggiungere l’opzione Telepass Premium che, al costo di 1,5 euro al mese, permette di usufruire di diversi vantaggi come: assistenza stradale 24 ore su 24 e sconti in esercizi convenzionati (ristoranti, noleggi auto etc…).

E l'Europeo?

Questa variante, protagonista di questa puntata delle “Dritte di Andrea”, è attivo sulla rete autostradale italiana, francese, spagnola e portoghese e nasce dalla sinergia tra Telepass, il gruppo francese APRR/AREA e la spagnola Pagatelia.

Come per i parcheggi convenzionati in Italia, il Telepass Europeo può essere utilizzato anche nei parcheggi di alcune città europee, tra cui Parigi, Madrid e Barcellona.

Il suo costo di attivazione è di 6 euro (si paga solo una volta) mentre il canone aggiuntivo è di 2,40 euro per ogni paese attraversato e solo nei mesi in cui viene varcata la frontiera.