Anche se ci siamo ormai abituati ai SUV-ammiraglie, le classiche berline da oltre 5 metri continuano ad essere considerate come la bandiera di rappresentanza di un marchio. Quando infatti una nuova ammiraglia nasce, spesso e volentieri, questo modello porta in dote inedite soluzioni all’avanguardia, sia per quello che riguarda la tecnologia, ma anche per quello che concerne la sicurezza e il comparto propulsivo.

Nonostante si tratti ormai di una nicchia di mercato, il debutto di una nuova “top di gamma” è sempre da considerarsi come un piccolo-grande evento in cui saranno svelate innovazioni che, gradualmente, potranno essere adottate dal resto della gamma di quel determinato Marchio.

Classe S 2020, musa ispiratrice

Il lancio della nuova Mercedes Classe S è arrivato con un tempismo impeccabile in questo senso, facendo riaffiorare nel nostro Andrea il suo percorso evolutivo, portandolo poi a delle considerazioni riguardanti il valore residuo del segmento delle ammiraglie a distanza di dieci o vent’anni dalla prima immatricolazione, una quotazione davvero minima se si considerano i prezzi di listino di queste auto da nuove, sovente vicino ai 200.000 euro quando cariche di optional.

Svalutazione al top!

Sì le ammiraglie si svalutano, e parecchio, magari alcune Rolls-Royce o Maybach tengono lievemente meglio il prezzo, ma in media le vetture di questa categoria invecchiano in fretta. Si tratta di quel genere di auto dette "di rappresentanza” appunto e, come tali, per evidenziare uno status elevato e trasmettere un’immagine premium inequivocabile devono essere sempre all’ultimo grido, cioè nuove o quasi.

A ogni presentazione, le generazioni precedenti perdono quindi irrimediabilmente valore ma, trattandosi di auto dalle dotazioni e dalla tecnologia elevate, per alcuni appassionati sono delle ottime occasioni di seconda o terza mano. Questa dunque la provocazione del nostro Andrea che nel suo video passa in rassegna “ex-ammiraglie” che, nel giro di due decadi, hanno valori residui anche di 1/20esimo rispetto a quello iniziale.

Occhio alle $orprese

Nei prezzi degli annunci, ovviamente, non sono contemplati il passaggio di proprietà e tantomeno i costi di manutenzione. Come sapete l’elettronica e motori di grossa cilindrata come quelli qui trattati, dopo diversi anni di servizio e con qualche periodo di fermo, necessitano spesso di interventi straordinari che, statene certi, avranno anche costi straordinari.

Nel suo video Andrea chiarisce questi aspetti e anche i criteri di ricerca delle auto che vedrete, ammiraglie berline con motore a benzina e non ancora storiche, quindi a partire dall’anno 2001. Pronti a conoscerle? E allora, buona visione.

Fotogallery: Nuova Mercedes Classe S (2020)