Ecco tutto ciò che c'è da sapere sull'ultima velocissima edizione speciale del brand francese attraverso i dati più significativi

A pochi giorni dalla rivelazione della versione definitiva dell'unica e sola Voiture noire, il prestigioso brand Bugatti ancora una volta sposta l'attenzione dall'inflazionato mondo delle GT per riportarci in pista con un'auto capace di velocità folli: la nuova Chiron Super Sport (eccola dal vivo al MIMO 2021, video).

Discendente in linea dinastica delle varie Type 55 SS, EB110 SS e Veyron Super Sport, tutte dotate della denominazione Super Sport che ha creato una vera e propria "famiglia nella famiglia", questa nuova arrivata è derivata dall'auto che nel 2019 ha stabilito il nuovo record di velocità, la Chiron Super Sport 300+ capace di infrangere, appunto, il limite delle 300 miglia orarie, filando oltre 480 km/h, ma in una veste meno estrema.

Quasi sobria... per una Chiron

L'ultima nata differisce infatti principalmente nell'aspetto, presentandosi con un accento più elegante e meno "racing" rispetto al modello suo predecessore. Tuttavia, non c'è da dubitare che sotto questo apparente rilassamento si nasconda in realtà l'ennesima belva scatenata capace di velocità da capogiro, un tratto che accomuna, del resto, l'intera produzione Bugatti.

Senza entrare troppo nel dettaglio di tutte le modifiche effettuate su questa Super Sport rispetto alla Chiron "base", abbiamo però voluto raccogliere le cifre più importanti e significative che aiutano a capire tutto ciò che di speciale ha l'ultima vettura da corsa di Molsheim, così come fatto non molto tempo fa per la Bolide, con la quale non va confusa anche se molti numeri ci si avvicinano notevolmente.

Già, i numeri: eccoli qui elencati in ordine crescente. Guardandoli forse potreste farvi qualche idea su cosa significano, per sviscerarli non resta che scorrere le foto 

  • 3,2
  • 5,8
  • 9
  • 12,1
  • 23
  • 25
  • 100
  • 490,434
  • 500
  • 1931