La prima station wagon elettrica di Audi sta arrivando. L’A6 Avant e-tron ha iniziato i test su strada nelle scorse settimane, in vista di un debutto che dovrebbe avvenire nel corso del 2024.

Le prime foto spia ci fanno capire che l’intenzione del brand è di riprendere le linee del concept presentato nel 2022 ed essere così tra i pionieri nel segmento delle familiari a batteria di segmento premium.

Tagliente e aggressiva

L’A6 Avant e-tron ha linee slanciate e taglienti, con un frontale caratterizzato dai fari sui due livelli e una grande mascherina nella parte inferiore. Le fiancate hanno una linea di cintura molto alta e ospitano ruote di dimensioni importanti (forse da 19" o 20"), con pneumatici Pirelli P Zero. Proprio quest’ultimo dettaglio fa pensare che l’Audi delle foto sia già un allestimento sportivo o forse un’S6 vera e propria.

Audi A6 Avant e-tron, le prime foto spia

Audi A6 Avant e-tron, le prime foto spia

Nel posteriore si notano il lunotto inclinato con tanto di spoiler e i fari a sviluppo orizzontale che, al contrario del trend attuale, non sembrano uniti al centro del portellone. Nascosto dal wrapping, s’intravede anche un diffusore, che potrebbe avere un colore diverso da quello della carrozzeria per dare ulteriore carattere al look della vettura.

DNA Porsche e oltre 600 CV

L’A6 e l’A6 Avant e-tron nasceranno dalla piattaforma PPE, una nuova architettura sviluppata in collaborazione tra Audi e Porsche, tanto che sarà presente anche sulla Macan elettrica. Non conosciamo le potenzialità del powertrain dell’A6 Avant, ma ci aspettiamo versioni con motore singolo posteriore e con doppio motore e trazione integrale quattro.

Audi A6 Avant e-tron, le prime foto spia

Audi A6 Avant e-tron, le prime foto spia

Il top di gamma dovrebbe essere rappresentato dall’RS 6 e-tron, che è stata già spiata nella variante berlina. Secondo le prime informazioni, potrebbe avere oltre 600 CV. Ma aspettiamo i prossimi mesi per raccogliere nuove informazioni.

Fotogallery: Audi A6 Avant e-tron, le prime foto spia

Fonte: Automedia