La Bugatti Bolide è il veicolo più estremo in assoluto della casa francese. Basata sulla Chiron e presentata nel 2021, non è omologata per la circolazione stradale e ha 1.850 CV.

In questi giorni l'azienda ha divulgato alcune nuove foto della super hypercar, intenta a compiere alcuni giri di prova sul circuito di Imola e nelle immagini si vedono dei freni di enormi dimensioni, progettati da Brembo. Scopriamoli.

Illuminato d'immenso

L'impianto frenante della Bugatti Bolide, come detto, è opera del leader italiano degli impianti frenanti Brembo. Per essere più precisi, si tratta di un impianto "carbonio-carbonio" con pinze monoblocco a 8 pistoncini all'anteriore e due unità a 6 pistoncini al posteriore, tutte fresate da una blocco unico di alluminio e rivestite in nichel. I dischi, invece, misurano 390 x 37,5 mm su entrambi gli assi e all'anteriore sono abbinati a quattro pastiglie da 25 mm, mentre al posteriore da 24,5 mm.

Secondo la stessa Bugatti, tutto ciò contribuisce a creare il più grande impianto frenante in carbonio mai realizzato da Brembo, che, sempre secondo la casa, "non ha nulla da invidiare alla tecnologia delle auto da corsa LMh/LMDh e di Formula 1".

Test su pista Bugatti Bolide
Test su pista Bugatti Bolide
Test su pista Bugatti Bolide

Per avere un termine di paragone riguardo l'efficienza di questo grande impianto, possiamo ricordare che un singolo disco freno della Bolide pesa solo 3,18 kg, un valore piuttosto ridotto considerando che l'hypercar può sviluppare, come detto, fino a 1.850 CV e pesa solo 1.450 kg (poco più di una Golf GTI).

Nonostante questo, comunque, come si può vedere dalle foto gli ingegneri durante i collaudi a Imola sono riusciti a metterli in crisi, rendendoli incandescenti.

Test su pista Bugatti Bolide

Bugatti Bolide, i test in pista

Presto le prime consegne

Secondo le ultime notizie, le prime consegne dei primi esemplari della Bolide dovrebbero iniziare a breve. In totale ne saranno prodotte solo 40 unità, ciascuna al prezzo di 4 milioni di euro e ciascuna dotata del 16 cilindri quadri-turbo da 1.850 CV e 1.850 Nm di coppia. Per lo 0-100 km/h si parla di 2,17 secondi, un numero impressionante che metterà la Bolide in diretta competizione con la Koenigsegg Jesko e l’elettrica Rimac Nevera.

Mario Almondo, Chief Operating Officer di Brembo Performance, ha commentato:

"Sviluppare l'impianto frenante per la Bugatti Bolide è stata una sfida unica e molto stimolante per la Divisione Performance di Brembo e siamo orgogliosi dei risultati ottenuti. Abbiamo dovuto riprogettare l'intero sistema per far fronte alle incredibili e impegnative caratteristiche e prestazioni del Bolide".

"Utilizzando componenti in carbonio simili a quelli utilizzati in Formula 1, siamo stati in grado di sviluppare un design estremamente leggero nonostante le dimensioni e le prestazioni dell'auto".

Fotogallery: Bugatti Bolide, i test in pista

Fonte: Bugatti