Renault Captur e Volkswagen T-Cross sono B-SUV con diverse filosofie. Più eccentrica e tecnologia la Captur, più tradizionale la T-Cross. Entrambi rivisti di recente con un restyling, i due SUV sono apprezzati in Italia per la loro praticità e per i prezzi di listino complessivamente accessibili.

Eccole a confronto, dagli esterni fino ai motori.

Esterni

L’estetica della Captur 2024 mette insieme elementi grafici ispirati alla Clio e al nuovo SUV Rafale. In particolare, il frontale sfoggia i fari LED verticali ripresi dalla piccola Renault, mentre la mascherina sottile richiama la Rafale. In generale, le forme sono leggermente più spigolose rispetto al modello uscente, mentre la lunghezza è sempre di 4,23 m. Novità anche sul fronte dei cerchi in lega, con nuove scelte da 19”.

<p>Renault Captur</p>

Renault Captur

<p>Volkswagen T-Cross</p>

Volkswagen T-Cross

L’aggiornamento estetico della T-Cross ha portato con sé un nuovo look dei fari LED anteriori e posteriori e una mascherina inedita, il cui design ricorda quello della più grande T-Roc. A livello di dimensioni, la lunghezza è aumentata di 27 mm, arrivando a 4,14 m. La carrozzeria ha un’impronta più “fuoristradistica”, con gli inserti grigi davanti e dietro che ricordano delle protezioni per il sottoscocca.

Nella gamma hanno debuttato anche dei nuovi cerchi in lega e delle nuove verniciature, tra cui la Grape Yellow.

Modello Lunghezza Larghezza Altezza Passo
Renault Captur 4,23 metri 1,80 metri 1,58 metri 2,64 metri
Volkswagen T-Cross 4,14 metri 1,76 metri 1,58 metri 2,55 metri

Interni

Gli interni della Captur puntano sull’effetto wow. La prima cosa che si nota, infatti, è il monitor verticale da 10,4” con l’infotainment OpenR Link basato sul sistema operativo Android Automotive 12. C’è poi il quadro digitale da 10,25” su cui vengono mostrate le informazioni sulla guida e le mappe della navigazione.

La scelta dei rivestimenti cambia in modo importante a seconda dell’allestimento. L’Evolution si caratterizza per un rivestimento grigio con impunture gialle e un motivo a diamante, mentre l’Esprit Alpine è in pelle con dettagli grigi e blu.

<p>Il display centrale della Renault Captur</p>

Il display centrale della Renault Captur

<p>Volkswagen T-Cross, gli interni</p>

Volkswagen T-Cross, gli interni

Completa anche la suite di sistemi di assistenza alla guida, con 28 dispositivi, tra cui il cruise control adattivo.  Passando al bagagliaio, la capacità minima è di 616 litri spingendo in avanti la panca posteriore e toccca un massimo di 1.596 litri abbattendo i sedili.

Salendo a bordo della T-Cross, troviamo un display orizzontale fino a 10” negli allestimenti Style e R-Line  e un quadro strumenti interamente digitale da 10,25”. Lo stile della plancia è piuttosto classico, coi comandi della climatizzazione fisici e situati su un elemento in nero lucido di fronte al cambio.

I rivestimenti sono in tessuto (con motivo a scacchi, tipico Volkswagen) e pelle, mentre la dotazione di sicurezza include anche il Travel Assist, che integra cruise control adattivo, Lane Assist e la gestione in autonomia di fermate e ripartenze (se si scelgono le versioni col cambio automatico).

La T-Cross sfrutta al meglio le sue proporzioni, con una capacità di carico minima di 385 litri (455 litri facendo scorrere il divano posteriore di 140 mm) e un massimo di 1.281 litri.

Modello Strumentazione digitale Monitor centrale  Bagagliaio 
Renault Captur 10,25" 10,4" 484 /1.596 litri
Volkswagen T-Cross 10,25" 10" 385 /1.281 litri

Motori

Piuttosto ampio il listino della Renault, che si può acquistare in versione GPL, mild hybrid a benzina e full hybrid a benzina. Nel primo caso, c’è il 1.0 turbo da 90 CV GPL o da 100 CV a benzina, mentre le versioni elettrificate sono alimentate da un 1.6 e hanno 145 CV e 160 CV. La Renault si può richiedere col cambio manuale a 6 marce oppure con l’automatico a 4 rapporti sulla full hybrid.

<p>Renault Captur</p>

Renault Captur

<p>Volkswagen T-Cross</p>

Volkswagen T-Cross

Più semplice la gamma della T-Cross. La piccola Volkswagen è disponibile unicamente con un 1.0 TSI a benzina non elettrificato da 95 CV e 115 CV. Per quanto riguarda il cambio, la variante da 95 CV è abbinata al manuale a 5 marce, mentre quella da 115 CV può essere associata al manuale a 6 marce o all’automatico a doppia frizione a 7 rapporti.

Modello Motorizzazioni (a benzina)
Renault Captur

1.0 GPL 101 CV

1.0 benzina 91 CV

1.6 mild hybrid 159 CV

1.6 full hybrid 143 CV

Volkswagen T-Cross

1.0 95 CV

1.0 115 CV

Prezzi

I prezzi della Renault Captur restyling partono da 22.550 euro per la 1.0 turbo a benzina, per arrivare ai 32.450 euro della full hybrid in allestimento esprit Alpine, il più ricco anche dal punto di vista estetico.

Il listino prezzi della T-Cross inizia da 26.200 euro per la 1.0 da 95 CV e tocca un massimo di 30.900 euro per la 116 CV con cambio DSG.

Fotogallery: Renault Captur (2024)