Impossibile non notare il nuovo doppio rene che diventa a tutti gli effetti un "doppio polmone"

Non è più un segreto che la nuova BMW Serie 4 avrà una grande griglia al posto del doppio rene. La casa ha cercato di nasconderlo sotto la camuffatura dei vari muletti, ma un dettaglio così grande non può passare inosservato. La conferma di questo cambiamento nel look è arrivata durante lo scorso Salone di Francoforte quando sullo stand del costruttore ha debuttato la Concept 4.

Adesso, grazie alle foto sfuggite in rete, possiamo ricostruire tramite un rendering la plausibile versione finale dell'aspetto della nuova Serie 4.

Nuovo corso di stile

Non si può negare che la griglia sia al centro della scena, tanto da togliere quasi l'attenzione dai nuovi sottilissimi fari, che si estendono dalla griglia stessa fino al parafango. La griglia rende anche la parte anteriore molto più angolare rispetto al modello attuale.

Fotogallery: BMW Serie 4 Rendering

In ogni caso, con questo rendering vogliamo aggiungere un po' più di definizione allo stile del frontale rispetto a quanto trapelati finora dalle foto in rete. La ricostruzione mostra anche la posizione della targa anteriore che è posizionata all'interno della griglia stessa.

Quando arriva?

La produzione della BMW Serie 4 inizierà a novembre, il che significa che dovremmo aspettare almeno fino all'inizio del 2021 prima di vederla sulle strade dei vari mercati. In ogni caso, non sappiamo ancora quando BMW presenterà ufficialmente la Serie 4. Il Salone di Ginevra è dietro l'angolo, ma non ci sono notizie ufficiali in merito.

Fotogallery: BMW Serie 4 Cabriolet, le nuove foto spia "svelano" i fari

I muletti della nuova Serie 4 immortalati dai nostri fotografi mostrano chiaramente che l'auto è sempre più vicina alla sua versione di produzione con fari e fanali posteriori ormai in versione definitiva. 

Apre la strada

La grande griglia della nuova Serie 4 potrebbe fare da capostipite per altre berline BMW, come l'iconica Serie 3. Tra l'altro, al debutto, la coupé dovrebbe avere un ampia disponibilità di motorizzazioni a benzina e diesel a quattro e sei cilindri.

Nei piani dovrebbe esserci anche una versione ibrida plug-in. Una delle poche certezze, per il momento, è che condividerà piattaforma e tecnologie con la Serie 3.