Rispetto al 2019 si vendono meno auto, ma oltre il 30% delle nuove immatricolate è ibrido. Le plug-in crescono di oltre il 1.000%

Da gennaio a marzo 2021 sono state immatricolate in Italia 446.978 auto nuove, il 16,9% in meno rispetto al trimestre gennaio-marzo 2019. Nonostante il calo, però, abbiamo assistito a un vero e proprio boom di immatricolazioni delle auto elettrificate grazie agli incentivi che ne hanno favorito la diffusione.

Dando un'occhiata agli ultimi dati di marzo 2021, si vede come l'ibrido abbia superato il diesel tra le alimentazioni più diffuse balzando al secondo posto in classifica. Le plug-in hybrid stanno andando fortissimo (+1.401,2%) e così anche le mild hybrid e le full hybrid (+342,2%). Di conseguenza, anche il livello medio di emissioni di CO2 è in calo (-8,3%). Ma vediamo nel dettaglio, attraverso i dati raccolti da UNRAE, cos'è successo negli ultimi anni.

Le ibride in crescita costante

Una breve premessa: non è possibile confrontare il trimestre appena trascorso con lo stesso periodo del 2020 dato che, un anno fa, il lockdown totale e le misure restrittive hanno portato a un inevitabile crollo delle vendite. Dobbiamo quindi per forza prendere in considerazione l'ultimo anno "normale", il 2019.

Detto ciò, l'offerta attuale relativa alle auto ibride è notevolmente aumentata rispetto al 2019 e al 2020, con la maggior parte dei modelli che adesso sono i più venduti che, uno o due anni fa, non erano ancora stati commercializzati.

In totale, nei primi tre mesi del 2021 sono state immatricolate 120.757 auto mild hybrid e full hybrid, il 342,2% in più rispetto alle 27.311 dello stesso trimetre del 2019. Hanno raggiunto una quota mercato del 26,8% contro quella del 5,1% di due anni fa. Nei primi tre mesi del 2021, ne sono state immatricolate oltre la metà rispetto a quelle immatricolate in tutto il 2020.

Analisi mercato focus auto ibride

Per quanto riguarda le ibride plug-in, nei primi tre mesi del 2021 sono state immatricolate 16.408 auto, il 1.401,2% in più rispetto alle 1.093 dello stesso trimetre del 2019. Hanno raggiunto una quota mercato del 3,6% contro quella dello 0,2% di due anni fa. È interessante notare anche come, in soli tre mesi, ne siano state immatricolate più della metà di quelle registrate in tutto l'arco del 2020.

Analisi mercato focus auto ibride

La crescita della diffusione delle auto ibride è stata esponenziale, raggiungendo una quota mercato totale del 30,4% sul totale, superando quella delle diesel e molto vicina al 33,1% delle benzina. A crescere tanto sono state anche le elettriche e, curiosità, le metano a scapito del GPL.

Alimentazione Quota mercato gen/mar 2021 Quota mercato gen/mar 2019
Benzina 33,1% 42,8%
Ibride HEV e PHEV 30,4% 5,3%
Diesel 25,4% 44,0%
GPL 5,8% 6,6%
Elettriche 3,0% 0,2%
Metano 2,3% 1,2%

Dal link qui sotto, è possibile scaricare le tabelle complete con tutti i dati relativi alle immatricolazioni di marzo 2021 e dei primi tre mesi dello stesso anno e dare un'occhiata ai modelli più venduti:

UNRAE Top 10 per alimentazione  

Più ibride, meno CO2 nell'aria

Grazie alla sempre maggiore diffusione di auto elettriche ed elettrificate, il dato relativo alle emissioni medie di CO2 del parco circolante è in diminuzione. C'è stata una fortissima crescita della quota mercato delle vetture con emissioni comprese tra 0 e 20 e tra 21 e 60 g/km di CO2, e anche un incremento di quelle comprese tra 61 e 135 g/km. In flessione invece la fascia da 136 a 190 g/km e quella oltre i 190 g/km, penalizzata dal malus.

A marzo 2021, le emissioni medie del parco circolante italiano sono scese a 122,7 g/km, il 9,6% in meno rispetto ai 135,8 di marzo 2020 e il 14,6% in meno dei 143,6 di marzo 2019.

  Emissioni medie CO2 (g/km) Variazione percentuale
marzo 2019 143,6 -
marzo 2020 135,8 -5,4%
marzo 2022 122,7 -9,6%

Nel 1° trimestre, le emissioni medie si attestano a 125,5 g/km, l'8,3% in meno rispetto allo stesso periodo del 2020.