Forme affusolate, code lunghe e sfuggenti, ruote carenate, specchietti virtuali, fondi piatti e speciali "bolle d'aria" create davanti e dietro l'auto. Questi sono solo alcuni degli ingredienti usati dai Costruttori per creare auto sempre più aerodinamiche, in grado cioè di muoversi nell'aria con il minimo attrito possibile e la massima efficienza nell'avanzamento.

L'aerodinamica è tornata di gran moda nel mondo dell'auto, dopo i fasti degli Anni '70 e '80, soprattutto con l'arrivo massiccio delle auto elettriche che cercano la massima scorrevolezza per incrementare la loro autonomia. L'ultimo esempio in ordine di tempo è quello dell'elettrica Ioniq 6 che con un Cx di 0,21 si presenta sul mercato come la Hyundai più aerodinamica di sempre, con un'autonomia di ben 614 km nel ciclo di omologazione WLTP.

Torna la sfida per fendere l'aria

Questo a dimostrazione che diverse Case auto si sono recentemente lanciate in una sorta di sfida a distanza per produrre il modello più aerodinamico. Ma tra le auto in commercio e quelle in arrivo nei prossimi anni, chi vince il duello con l'aria?

NIO ET7

Per capire chi ha l'auto più aerodinamica del mondo vogliamo stilare due classifiche. La prima è quella relativa al Cx, cioè il "coefficiente di resistenza aerodinamica" e la seconda riguarda l'SCx o "superficie di resistenza aerodinamica" che tiene conto anche della superficie frontale dell'auto.

Cx, il famoso "coefficiente di resistenza aerodinamica"

Partiamo proprio dal Cx, ovvero il "coefficiente di resistenza aerodinamica" (Cd in inglese, Cw in tedesco), il dato più famoso e più pubblicizzato dalle Case. Questo valore offre già un'ottima indicazione di quanto l'auto è in grado di fendere l'aria, con il numero più basso a indicare la prestazione migliore. Si tratta comunque di un numero "adimensionale" che definisce la resistenza aerodinamica dell'auto e quindi l'efficienza della sua forma, indipendentemente dalle dimensioni.

Lightyear 0

Lightyear 0

Mercedes EQS

Mercedes EQS

Tesla Model S

Tesla Model S

In questa classifica, dominata dalle auto elettriche, vince la Lightyear 0, la nuovissima berlina olandese a batteria che grazie a un attento lavoro in galleria del vento riesce a ottenere un x di appena 0,175, record assoluto tra le auto in produzione e già in vendita. Però costa la bellezza di 250.000 euro.

NIO ET7

NIO ET7

Hyundai Ioniq 6

Hyundai Ioniq 6

Lucid Air

Lucid Air

Seconda è la Mercedes EQS 450+, l'ammiraglia elettrica della Stella che mette a segno un ottimo Cx di 0,20, leggermente migliore rispetto a Tesla Model S e alla cinese NIO ET7 pronta al lancio europeo dalla Germania, entrambe a quota Cx 0,208. Subito dietro troviamo Hyundai Ioniq 6,  Lucid Air a 0,21 e la rinnovata Tesla Model 3 a quota 0,219.

Le 10 auto più aerodinamiche del mondo

Modello Cx
Lightyear 0 0,175
Mercedes EQS 450+  0,20
Tesla Model S 0,208
NIO ET7 0,208
Hyundai Ioniq 6 0,21
Lucid Air 0,21
Tesla Model 3 (2023) 0,219
Mercedes Classe A Berlina 0,22
Porsche Taycan Turbo 0,22
Volkswagen ID.7 0,23

Allargando lo sguardo a una concept che sembra molto vicina all'auto di serie e a un triciclo davvero speciale troviamo risultati ancora più sorprendenti. La Mercedes Vision EQXX che prefigura la prossima super berlina elettrica ad alta efficienza tedesca ha un Cx record di 0,17, mentre l'americana Aptera EV (che avendo tre ruote non è tecnicamente un'auto) promette di avere un Cx di appena 0,13 nella versione di serie ancora attesa sul mercato.

Mercedes Vision EQXX

Mercedes Vision EQXX

Aptera EV

Aptera EV

Modello Cx
Aptera EV 0,13
Mercedes Vision EQXX 0,17

Minore è l'SCx, migliore è la penetrazione aerodinamica

Arriviamo ora all'ancora più indicativo valore dell'SCx (CdA in inglese e CwA in tedesco) che in metri quadri esprime la "superficie di resistenza aerodinamica" (detta anche "coefficiente di penetrazione aerodinamica") e si ottiene moltiplicando il Cx per la superficie frontale dell'auto (Cx x A). Anche in questo caso, più basso è l'SCx, migliore è la capacità del mezzo di fendere l'aria.

Questa seconda classifica, basata sui dati ufficiali delle superfici frontali (piuttosto rari) o su stime, scombina un po' le posizioni viste in precedenza, confermando Lightyear 0 al primo posto (0,35 mq) e portando sul podio Ioniq 6 e Lucid Air, a pari merito con 0,46 metri quadri.

Modello SCx
(* stimato)
Cx Superficie frontale
(* stimata)
Lightyear 0 0,35 mq * 0,175 2,00 mq *
Hyundai Ioniq 6 0,46 mq * 0,21 2,23 mq *
Lucid Air 0,46 mq * 0,21 2,23 mq *
Mercedes Classe A Sedan 0,48 mq 0,22 2,19 mq
Tesla Model S 0,48 mq * 0,208 2,35 mq *
Tesla Model 3 (2023) 0,49 mq * 0,219 2,23 mq *
Mercedes EQS 450+ 0,50 mq 0,20 2,51 mq
Porsche Taycan Turbo 0,51 mq 0,22 2,33 mq
NIO ET7 0,52 mq * 0,208 2,50 mq *
Volkswagen ID.7 0,55 mq 0,23 2,46 mq

Risultati da record arrivano poi dalle due vetture già viste in precedenza fuori classifica, ovvero la Mercedes Vision EQXX e l'Aptera EV. La tedesca di prossima produzione si avvicina con un SCx di 0,36 alla Lightyear 0, mentre la tre ruote americana raggiunge un quasi imbattibile SCx di 0,26 mq, migliore anche della Volkswagen XL1.

Modello SCx
(* stimato)
Cx Area frontale
(* stimata)
Aptera EV 0,26 mq * 0,13 2,07 mq *
Mercedes Vision EQXX 0,36 mq 0,17 2,12 mq

Fotogallery: Le auto più aerodinamiche del mondo