Design e tecnologia sono i suoi punti di forza. Paga però per una posizione di guida "difficile" e per qualche piccola disattenzione

I SUV e i crossover compatti stanno conquistando il mercato. Possono piacere o no - questo è soggettivo - ma i numeri parlano chiaro e tutte le Case stanno lavorando per ritagliarsi uno spazio in questo segmento.

A dire la sua adesso c'è anche la nuova generazione di Peugeot 2008 che, rispetto al passato, fa un deciso passo in avanti per quanto riguarda dimensioni, design e tecnologia. È lei la protagonista di questo Perché Comprarla.

Pregi e difetti

Rispetto alla generazione precedente, è più lunga, tocca i 4 metri e 30, più larga e più bassa. Il design riprende quanto visto sulla 208 ma rielaborato in chiave crossover, con il frontale alto e massiccio caratterizzato dalla triplice firma luminosa dei fari full LED e dai caratteristici canini. Il posteriore è più classico, con i gruppi ottici tridimensionali, lo skid argento e i due terminali di scarico veri. Particolare il profilo, con le linee che convergono creando spigoli e giochi di luce che danno dinamicità.

Peugeot 2008 (2020)

All'interno le linee sono molto mosse e l’abitacolo è curato. Plastiche soft touch si alternano sulla plancia a superfici zigrinate e a finiture in pelle con cuciture a contrasto, le stesse che troviamo anche sui sedili e sui braccioli. sportivi e contenitivi il giusto in misto pelle e Alcantara. Solo le superfici in piano black su volante e tunnel centrale attirano tanta polvere ed esaltano le ditate. Ci sono tanti e comodi vani portaoggetti: quelli sul tunnel centrale e sotto bracciolo sono spaziosi, mentre il cassetto davanti al passeggero è profondo ma non è illuminato. Davanti alla leva del cambio ci sono due vani, con uno di questi che nasconde la piastra per ricaricare ad induzione il telefono. Ci sono una 12V, una USB e una USB Type C.

Peugeot 2008 (2020)

Per i più alti non è facilissimo trovare la posizione di guida giusta perché il volante piccolo abbinato all’I-Cockpit costringe e a guardare la strumentazione da sopra e non attraverso le razze. Bisogna arretrare molto con il sedile per abbassare il volante evitando però che, girando, le mani urtino le ginocchia. La visibilità è buona perché siamo seduti in alto e gli ingombri si percepiscono bene. Dietro i montanti sono abbastanza spessi e il lunotto è piccolo ma vengono in aiuto i sensori e le telecamere a 180 gradi.

Una delle novità di questa nuova generazione di 2008 è la piattaforma CMP - la stessa di 208, Opel Corsa e DS 3 Crossback - Le sospensioni sono tarate per assorbire senza problemi buche e pavè anche in abbinamento ai cerchi da 18” e solo le asperità più profonde o le giunture dei viadotti autostradali restituiscono una risposta un po’ secca soprattutto al posteriore.

Peugeot 2008 (2020)

La nuova piattaforma è più rigida torsionalmente e permette agli ammortizzatori di lavorare al meglio. Si sposa molto bene con lo sterzo che in modalità Eco e Normal è leggero e abbastanza diretto mentre mettendo in Sport si fa più affilato e sensibile. L’ingresso in curva è rapido e spingendo si ha quasi la sensazione di essere su un’auto più bassa a livello di guidabilità e comportamento dinamico anche se, esagerando, il rollio si fa sentire.

Peugeot 2008 (2020)

Il motore della nostra prova è il più potente a listino, un 1.2 tre cilindri turbo benzina da 155 CV abbinato di serie al cambio automatico a otto rapporti EAT8, quasi sempre veloce e fluido nell’inserire la marcia giusta con cambiate impercettibili sia in salita che in scalata. L’insonorizzazione dal motore è molto buona, con il cambio che contribuisce a tenerlo sempre basso di giri andando piano mentre nella modalità più sportiva, quando si accelera, il sound è in parte drogato dalle casse. L’abitacolo è ben isolato anche dal rotolamento delle gomme e si sente solo qualche fruscio aerodinamico. Non mancano tutti gli assistenti alla guida di ultima generazione.

Quanto costa

Il listino parte da 21.050 euro per il tre cilindri benzina 1.2 da 102 CV e da 22.550 per quello da 131 CV, entrambi in allestimento base Active. A salire poi troviamo l’Allure e il GT Line, con una differenza di 4.100 euro tra la versione d’ingresso e l'allestimento al top. Il benzina più potente da 155 CV parte da una base di 31.850 euro.

Due le varianti diesel entrambe 1.5, con il 102 CV che parte da 23.050 euro e il 131 CV da 28.250. Il cambio automatico costa 1.800 euro in più a parità di allestimento e si può avere su tutte le motorizzazioni ad eccezione del benzina e del gasolio meno potenti. Molto interessante la e-2008, quella completamente elettrica, a 38.050 euro di partenza.

Fotogallery: Nuova Peugeot 2008