L’ottava generazione nasce all’insegna della connettività e dell’elettrificazione, con 2 versioni plug-in e 3 mild hybrid

Con buona pace di sportive più o meno estreme (per non parlare di SUV di tutte le taglie) la verità è questa: la nuova Volkswagen Golf è l’auto più attesa del 2019. A dirlo sono i numeri che da anni incoronano la compatta di Wolfsburg come auto più venduta d’Europa. Ecco, ora l’attesa è finita e la Golf 8 è qui davanti a noi, col suo carico di novità e un vestito che – come c’era da aspettarsi e come ci avevano anticipato le spy photo degli ultimi mesi – non cambia stile ma affina alcuni particolari. Una novità che dà appuntamento a marzo 2020 per l'inizio della commercializzazione, con prezzi ancora da definire.

Fotogallery: Nuova Volkswagen Golf (2019), le foto in studio

Nuovo sguardo, stesso fisico

È forse l’essere sempre simile a sé stessa ciò che rende la Volkswagen Golf la regina del mercato, un’auto che è perennemente un’evoluzione di ciò che c’è stato prima, quasi a voler far sempre sentire a casa i suoi proprietari. Una “casa” con misure pressoché invariate rispetto a prima: 4,28 metri di lunghezza per 1,78 di larghezza, 1,45 di altezza e 2,63 di passo.

Dimensioni ancora compatte (che nascondono la solita piattaforma MQB) con le proporzioni di sempre che varia leggermente a livello di nervature e, con mano ben più “pesante” da parte dei designer, per quanto riguarda le luci (naturalmente LED). Ora lo sguardo è ben più accigliato e i gruppi ottici sono uniti da una cromatura che corre lungo tutta la mascherina, mai così sottile su una Golf. Anche al posteriore il disegno delle luci varia, con 3 segmenti LED nella parte alta e l’intero gruppo ottico più squadrato.

Nuova Volkswagen Golf

Fascia digitale

Se l’esterno quindi può lasciare un po’ freddi, con le sue novità di certo non di rottura rispetto alla vecchia generazione, in abitacolo la Golf 8 ha ben altro da dire. E lo fa parlando il linguaggio della digitalizzazione con l’ormai immancabile strumentazione digitale (già presente sulla scorsa generazione) da 10,25” affiancata dal monitor touch dell’infotainment, con diagonale massima di 10”. Un effetto WOW che aumenta la qualità percepita dell'abitacolo che, al tocco, sembra essere quella di sempre, con classica alternanza di plastiche dure e morbide.

Un’abbinata classica che vede lo schermo centrale posizionato ora in posizione ben più rialzata, come fosse una continuazione della strumentazione, ma senza esserne parte integrante come avviene ad esempio sulla Mercedes Classe A. Proprio come sulla compatta della Stella (e su sempre più numerosi modelli) arriva un assistente vocale in grado di riconoscere il linguaggio naturale. Le “parole magiche” per attivarlo sono “Ciao Volkswagen”. Da lì in poi si possono gestire numerosi parametri del sistema di infotainment, che integra anche i comandi per il climatizzatore, con però tasti virtuali posti al di sotto del monitor per settare temperatura e velocità del flusso d’aria.

Volkswagen Golf 8 (2019)

Lo sbarco dell’assistente vocale è solo una delle tante novità basate sulla piena connettività della nuova Volkswagen Golf, che porta in dote tanta sicurezza in più grazie al protocollo Car2X, col quale la compatta tedesca può dialogare con altre auto e infrastrutture.

Nuova Golf, connessa e sicura

Questa è solo la punta dell’iceberg di possibilità offerte, che comprendono anche (altra novità assoluta per la Golf) i sempre più presenti aggiornamenti Over The Air (OTA). L’auto diventa così sempre più simile a uno smartphone, con applicazioni scaricabili direttamente dall’auto collegandosi al marketplace Volkswagen e molto di più. Si potrà ad esempio decidere di scaricare anche il software necessario per far funzionare il cruise Control adattivo, il cui funzionamento si basa sul radar della frenata d’emergenza, disponibile di serie su tutte le versioni.

E proprio la sicurezza è un altro tema forte della nuova Golf 8, con il cruise control adattivo che acquisisce capacità predittive, regolando in automatico la velocità nei pressi di curve, rotatorie e incroci e adattandosi ai limiti presenti sulla strada che si sta percorrendo. Il tutto condito dal Lane Assist e dal Travel Assist che, fino a una velocità massima di 210 km/h, gestisce acceleratore, freno e sterzo, a patto che il guidatore tenga sempre le mani sul volante e presti la dovuta attenzione alla strada.

Volkswagen Golf 8 (2019)

Nel capitolo sicurezza rientrano anche le luci, full LED fin dall'allestimento base e con tecnologia Matrix LED, con 22 diodi per ciascun proiettore e differenti tipi di fasci luminosi, ognuno per differenti situazioni. Molto comodi i piccoli proiettori messi a 90° rispetto a quelli principali, ideali per illuminare l'interno curva in caso di svolta.

Nuova Volkswagen Golf: elettrificata ma non elettrica

L’arrivo della ID.3 ha segnato per Volkswagen l’inizio di una nuova era per l’elettrico made in Wolfsburg, basato sulla piattaforma MEB dedicata solo ed esclusivamente a modelli a emissioni zero firmati non solo VW ma anche Audi, Seat e Skoda. Una rivoluzione che ha di fatto decretato la fine della e-Golf. La compatta non sarà infatti più venduta in configurazione 100% elettrica, ma avrà dalla sua numerose versioni elettrificate.

Si parte dalla famiglia delle e-hybrid, vale a dire le ibride plug-in, che al suo interno conta la GTE da 204 CV, già presente con la scorsa generazione, e una versione ancora più potente che raggiunge quota 245 CV. Entrambe utilizzano il 1.4 benzina affiancato da un motore elettrico, alimentato da un pacco batterie da 13 kWh.

Volkswagen Golf 8 (2019)

A loro si aggiunge la gamma eTSI, il nome che la nuova Volkswagen Golf dà alle motorizzazioni mild hybrid, con potenze di 110, 130 e 150 CV, sistema a 48V e cambio automatico DSG 7 rapporti che promettono consumi ed emissioni ridotti.

I benzina possono essere scelti anche in versione classica col 1.0 3 cilindri da 90 e 110 CV e il 1.5 4 cilindri da 130 e 150 CV con sistema di disattivazione dei cilindri e la possibilità di avere, al posto del classico manuale 6 marce, il cambio doppia frizione (tranne il 90 CV). Anche la gamma diesel non è elettrificata e si compone del 2.0 TDI da 110 e 150 CV con sistema di catalizzazione SCR e scelta tra cambio manuale o automatico e trazione anteriore o integrale 4Motion.

Del metano non si hanno specifiche tecniche, così come delle versioni più potenti Golf GTI e Golf R, in arrivo nel corso del prossimo anno.

IN BREVE  
Nome Volkswagen Golf 8
Cosa cambia Estetica rinnovata, luci ridisegnate, nuovi motori elettrificati, nuovi sistemi di assistenza alla guida, infotainment connesso con aggiornamenti OTA, assistente vocale
Misure

Lunghezza 4,28 metri

Larghezza 1,78 metri

Altezza 1,45 metri

Passo 2,63 metri

Quando arriva Marzo 2020
Quando costa Prezzi in via di definizione
La gamma motori

Benzina TSI

1.0 3 cilindri 90 e 110 CV

1.5 4 cilindri 130 e 150 CV

 

Diesel TDI

2.0 4 cilindri 115 e 150 CV

 

Mild hybrid

1.0 3 cilindri 110 CV 48V

1.5 4 cilindri 130 e 150 CV 48V

 

Plug-in

1.4 benzina 204 CV con batterie da 13 kWh

1.4 benzina 245 CV con batterie da 13 kWh

I cambi
Manuale 6 marce, automatico DSG doppia frizione 7 rapporti
Trazione
anteriore, integrale 4Motion
Altre versioni
GTI ed R in arrivo nel corso 2020

Fotogallery: Nuova Volkswagen Golf (2019)