Cosa hanno comprato i consumatori di veicoli 30, 20, 10 anni fa e l'anno scorso?
A poco a poco cominciamo ad avere i risultati dell'intero anno 2023. Mentre attendiamo il quadro globale (alcune aree importanti come Cina e Stati Uniti devono ancora inviare i loro dati), ci sono già risultati interessanti da altri mercati chiave, come Italia, Francia, Spagna, Regno Unito e Brasile.

I seguenti approfondimenti corrispondono all'evoluzione delle immatricolazioni di autovetture nuove per tipo di carrozzeria secondo JATO (e di veicoli commerciali leggeri nel caso del Brasile) per gli anni 1993, 2003, 2013 e 2023.

NumbersInfografica110_001_IT

 SUV à gogo

La prima tendenza evidente negli ultimi 30 anni è l'aumento della quota di SUV. In Italia, questi veicoli esistevano appena nel 1993, con una quota di mercato dell'1%. All'epoca le loro immatricolazioni ammontavano a 19.700 unità. Dieci anni dopo, questo volume è aumentato di quasi 6 volte, raggiungendo le 110.300 unità. Nel 2013, poi, le immatricolazioni di SUV hanno raggiunto le 232.000 unità. L'anno scorso hanno rappresentato il 55% delle immatricolazioni di autovetture nuove in Italia, con 868.000 unità.

NumbersInfografica110_002_IT

L'impressionante crescita della quota dei SUV è avvenuta a spese di un minor numero di autovetture di piccole dimensioni. L'Italia è stata tradizionalmente un grande mercato per le utilitarie, ma la situazione sta cambiando drasticamente. Nel 1993, queste auto rappresentavano il 59% delle immatricolazioni con 1 milione di unità. La quota di mercato è scesa al 51% nel 2003 e al 40% nel 2013. L'anno scorso, le utilitarie hanno rappresentato il 24% delle immatricolazioni di autovetture nuove.

Lo stesso vale per il Regno Unito, la Francia e la Spagna. Tra il 1993 e il 2023, la quota dei SUV è passata rispettivamente dal 3% al 58%, dall'1% al 47% e dal 6% al 60%.

L'ascesa e il declino delle monovolume

NumbersInfografica110_004_IT

Nel frattempo, la domanda di monovolume e furgoni ha mostrato una tendenza interessante. Nel 1993 non erano un tipo di carrozzeria popolare, poiché la maggior parte dell'offerta era composta da furgoni squadrati e poco attraenti. Nel migliore dei casi, la loro quota di mercato in Francia era del 3%. Alla fine degli anni '90 sono diventati un veicolo di tendenza dopo che le case automobilistiche francesi hanno iniziato a introdurre la Renault Scenic e la Citroēn Xsara Picasso. Nel 2003, la loro quota di mercato è salita all'11% in Spagna, al 20% in Francia, al 10% nel Regno Unito e all'11% in Italia.

La crescita si è arrestata quando i SUV sono arrivati sul mercato alla fine degli anni 2000, per poi calare. L'anno scorso, questi veicoli hanno raggiunto una quota del 2% in Spagna, Francia e Italia, e solo l'1% nel Regno Unito.

NumbersInfografica110_003_IT

I piccoli pick-up in Brasile

I grandi cambiamenti non avvengono solo in Europa. Il Brasile è il più grande mercato dell'America Latina e la patria dei veicoli di piccole dimensioni. Nel 2003, le utilitarie dominavano con una quota di mercato del 51%. Erano seguite dalle berline (19%) e dalle city-car (9%). Nel 2013, le utilitarie erano ancora in testa, ma la loro quota di mercato è scesa al 39%, mentre i SUV e i pick-up si sono piazzati al secondo e terzo posto, rispettivamente con il 24% e il 12%.

NumbersInfografica110_005_IT

L'anno scorso, più di un terzo delle immatricolazioni di nuove autovetture e veicoli commerciali leggeri era costituito da SUV, mentre la quota delle utilitarie era del 22%, ovvero solo 3 punti in più rispetto alla quota di mercato dei pick-up.

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.