Classica nelle forme, comoda, non di rado veloce... ma non sempre pratica per tutti. Ecco pregi e difetti della classica tre volumi

La carrozzeria berlina è tra le più iconiche della storia dell'automobile, tanto da ereditare questo termine proprio da una particolare tipologia di carrozza.

Come noto, ne esistono diverse varianti, ma in generale la berlina a "tre volumi" con 4 porte viene oggi considerata come vettura di rappresentanza oppure per massimizzare l'efficienza (vedi Tesla), lasciando le esigenze di spazio a SUV e, in seconda battuta, alle sempre più rare station wagon.

Un classico che non tramonta

Iniziamo con il dire che la berlina 4 porte o "Sedan" è considerata l'automobile per eccellenza, e la più elegante a prescindere dal design specifico di ogni modello.

A questa definizione sfuggono un po' alcuni modelli realizzati partendo da utilitarie e rivolti a mercati particolari, come l'Est europeo, il Nordafrica ecc... in cui l'estetica era secondaria e dunque poco curata e il terzo volume veniva aggiunto solo per maggiorare lo spazio, come ad esempio accaduto con le Renault 7 e Thalia, derivate dalla R5 e dalla Clio mentre era già più gradevole la Fiat Linea.

Fotogallery: Nuova Audi A3 Sedan (2020)

Normalmente, i tre volumi si iniziano a trovare tra le compatte, come la Fiat Tipo, la Opel Astra e l'Audi A3, anche se le offerte sul nostro mercato sono relativamente poche, mentre le cose migliorano salendo con le dimensioni.

La berlina non si sceglie tendenzialmente se la priorità è lo spazio di carico, anche se lo sviluppo della carrozzeria le dona una capienza ben superiore ad analoghi modelli a coda tronca, spesso molto vicini a quelli della corrispondente wagon.

Per alcuni modelli, come ad esempio Alfa Romeo Giulia , che è una delle più rappresentative segmento D appunto, la Casa ha scelto di puntare unicamente sulla berlina senza affiancarle una familiare come fanno invece le rivali dirette come Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C, Volvo S60 o modelli di prezzo più accessibile come Renault TalismanMazda6 e via dicendo.

Fotogallery: Alfa Romeo Giulia MY2020

Lo spazio c'è ma non è al primo posto

Se parliamo di zona di carico, il primo "difetto" è la fruibilità di quello spazio, che è limitato in altezza e nell’accessibilità del baule, solitamente con una sponda alta e un'apertura limitata.

In quasi tutti i modelli si può sconfinare nell’abitacolo con oggetti lunghi frazionando il divano posteriore nella classica divisione 60/40, oltre alla possibilità di beneficiare di accessori come lo "ski-sac" quando disponibili.  

La berlina è indubbiamente fatta più per i passeggeri che per il carico, ad ogni modo anche il baule "chiuso" ha i suoi vantaggi. Primo fra tutti il fatto che questa soluzione gli permette di rimanere isolato e non condividere la stessa aria dell'abitacolo, confinando anche odori ed eventuale umidità sprigionati dal carico.

Fotogallery: BMW Serie 5 restyling (2020)

Non a caso nel passato recente qualche modello ha proposto audaci soluzioni per offrire sia le 4 sia le 5 porte contemporaneamente, grazie ad un doppio sistema di apertura, come BMW Serie 5 GT e Skoda Superb di seconda generazione, che potevano aprire solo il coperchio del baule o l’intero portellone secondo le necessità.

La berlina deve poi fare i conti con gli ingombri maggiori abbinati a una visibilità posteriore non sempre ottimale, con lunotti a volte anche molto inclinati che non offrono una visuale adeguata sui “confini sud” della carrozzeria, fattore questo a cui oggi si rimedia con telecamere e sensori, ma che un tempo richiedeva un occhio attento, specie in manovra.

Efficienza top

C'è poi un vantaggio non indifferente che la riguarda, ossia l'efficienza: al confronto con la variante wagon, una berlina vanta un peso minore e una più efficace aerodinamica, due elementi che le permettono di ottenere risultati migliori in termini di consumi ed emissioni.

Lo dimostra la scelta di alcuni produttori di auto totalmente elettriche, come Tesla e Porsche con la Taycan, vetture che puntano sul massimizzare il rendimento, l'autonomia e le prestazioni grazie anche all'alto rendimento aerodinamico.

Anche per questo motivo, le berline restano tutt'ora tra le preferite nell'ambito delle flotte aziendali per tutti gli impieghi che non richiedono auto dalla versatilità di carico più ampia.

Fotogallery: Nuova Mercedes Classe S (2020)

Berlina 4 porte

I pregi

  • Immagine elegante
  • Comfort per i passeggeri
  • Efficienza aerodinamica
  • Buon isolamento tra abitacolo e bagagliaio
  • Peso contenuto rispetto alle wagon di pari categoria

I difetti

  • Ingombri maggiori di una 5 porte
  • Carico meno agevole, con limiti di spazio verticale  
  • Non sono adatte al trasporto di animali
  • Svalutazione mediamente superiore