La spider compatta di Ingolstadt torna con ritocchi estetici e tanta tecnologia a bordo. Con prezzi di partenza da 44 mila euro

Le spider sportive fanno sognare chiunque intenda l'auto come strumento di divertimento e di piacere più che solo come semplice mezzo di trasporto. L'Audi lanciò nel 1998 la TT con una linea fuori dagli schemi per l'epoca e da allora non l'ha mai stravolta ma solo adeguata ai tempi. Con la terza generazione si è compiuto un ulteriore passo in avanti, rendendola più tecnologica e più coinvolgente da guidare. Scopriamola insieme nella versione Roadster, la cabrio, in questo #perchecomprarla.


Pregi e difetti?


Uno dei punti forti della nuova TT, a differenza del passato, è la precisione di guida data dalla nuova piattaforma modulare che permette, con l'uso di vari tipi di metalli nei punti di giusti, di renderla stabile e adatta a tenere la traiettoria senza scomporsi mai e soprattutto senza che si rinunci al comfort di guida perché sulle buche non è mai troppo rigida. Anche lo sterzo fa la sua parte nel rendere il tutto coinvolgente perché è perciso e lavora bene, con la giusta gradualità. Il cambio è un altro punto degno di nota della spider di Ingolstadt perché lavora benissimo sia nel traffico che nella guida sportiva dove sembra prendersi da solo ogni cambio di marcia al primo input del guidatore. Il comportamento dell'auto può essere anche influenzato tramite la pressione del tasto Audi Drive Select, che modifica la risposta dell'acceleratore, della curva di coppia e dello sterzo scegliendo tra una delle quattro modalità. Parlavamo anche di contenuti tecnologici e sulla TT, come sulle future Audi, c'è il sistema Virtual Cockpit. Tradotto: significa avere uno schermo LCD da 12” al posto della strumentazione tradizionale che sostituisce con una grafica variabile in base alle scelte del conducente. Inoltre questo sistema serve da display per tutte le altre funzioni: navigatore, telefono e media. Trovare dei difetti sulla TT è davvero difficile ma a cercare bene, il pelo nell'uovo viene sempre fuori. I portaoggetti sono pochi e non molto comodi per riporre gli oggetti quotidiani ed inoltre su un'auto di questa fascia e prezzo avrei voluto il clima automatico e i sensori o la telecamera di parcheggio di serie, perché la visibilità in manovra non é ottima.


Qual é la versione migliore?


Io prenderei il 2.0 TFSI a benzina con cambio automatico e trazione anteriore nella versione cabrio. Questo diesel non è male, è lo stesso 2.0 della Golf GTD o Leon FR ed è ben insonorizzato e non vibra troppo pur tirando fuori una bella voce quando lo si spreme, però su un'auto così il benzina è la ciliegina sulla torta. Oppure le rivali dirette sono BMW Z4 e Mercedes SLK, altrimenti un'auto simile è la Mazda MX-5 con la quale si risparmia parecchio senza rinunciare al divertimento. Le trovate tutte qui, sul nostro Trovauto.

Fotogallery: Nuova Audi TT Roadster, scoperta per due