Non ha decisamente bisogno di presentazioni. La Fiat Panda è la regina incontrastata del nostro mercato tant’è che è in pianta stabile in vetta alla classifica delle auto più vendute.

A fine 2020 si è aggiornata con un restyling importante, non tanto nell’estetica ma nei contenuti, nelle dotazioni e nei motori. Scopriamola nel Perché Comprarla di oggi.

Clicca per leggere
Dimensioni | Interni | Guida | Consumi | Prezzi

Pregi e difetti

Ci piace Non ci piace

Praticità

Dotazione di sicurezza

Comfort di marcia Ripresa e allungo
Insonorizzazione Posizione di guida

Verdetto

7.0 / 10

La Panda è la Panda. Simpatica al primo sguardo, diversa da tutte altre, comoda, pratica e sempre a suo agio in qualsiasi situazione. Rispetto alle concorrenti, sul fronte sicurezza c’è ancora da migliorare, ma è indubbio che con il restyling si sia fatto un bel passo in avanti.

Fiat Panda Sport (2020)

È la seconda auto di famiglia per eccellenza e piace, tanto, ai più cosi come ai meno giovani, racchiudendo in poco meno di 3 metri e 70 tutte le qualità che ogni citycar dovrebbe avere.

Dimensioni, bagagliaio e spazio

È lunga 3 metri e 69, larga 1 e 67 e alta 1 e 61. Le forme squadrate permettono di massimizzare l’abitabilità mentre il bagagliaio, con 225 litri di capacità minima, è leggermente più piccolo rispetto alla media della categoria.

Lo spazio in generale è regolare nelle forme, non ci sono gradini e la soglia ha un’altezza media per cui caricare zaini, valigie o borse della spesa è veramente una passeggiata. Sotto il piano c’è una vasca estraibile, al di sotto del quale si trova il kit di gonfiaggio in caso di foratura ma, per 165 euro, è possibile avere il ruotino di scorta.

Sulle pareti ci sono una luce a sinistra e un gancio a destra, e non fatevi scappare in fase di configurazione il pacchetto Flex che per 450 euro aggiunge il divano posteriore abbattibile in configurazione 60-40, il sedile anteriore del passeggero reclinabile e l’omologazione per cinque persone. Peccato che la cappelliera - anche se piuttosto piccola - non abbia uno spazio dedicato.

Fiat Panda City Life 2020

Entrare dietro non è mai un problema dato che le forme, come abbiamo detto, sono regolari ma, se chi guida è più alto della media, lo spazio che rimane è abbastanza scarso a meno che dietro non viaggino tre bambini. Regolato su un’altezza media, lo spazio per piedi e testa è sempre sufficiente, meno per le ginocchia. Sul tunnel centrale non ci sono né bocchette dell’aria né prese di ricarica - dotazioni molto rare da trovare su auto di questa categoria - ma ben tre portaoggetti.

Le misure

 

Fuori

 

Lunghezza

3,69 metri

Larghezza

1,67 metri

Altezza

1,61 metri

Passo

2,30 metri

Dentro

 

Bagagliaio

225 / 845 litri

Plancia e comandi

All'interno è fatta bene: i materiali di rivestimento sono rigidi ma il design elaborato e le linee morbide alzano di livello di qualità percepita. L’impostazione è quella classica della Panda, con tutti i tasti a portata di mano, ma ci sono delle novità che portano una ventata d'aria fresca in abitacolo.

Il nuovo schermo dell’infotainment è montato a sbalzo ma si integra bene con le forme sinuose della plancia. Ad eccezione dei poggiabraccia delle portiere, non ci sono materiali morbidi raggiungibili al tatto, ma l’occhio ne esce appagato dall’alternanza dei colori e dai piccoli dettagli come, per esempio, il naming stampato sui pannelli.

Fiat Panda City Life 2020

La posizione rialzata della leva del cambio ha permesso di ricavare tanto spazio nella zona del tunnel centrale, dove ci sono tanti portabicchieri e di profondità diversa. Ce ne sono tre tra i sedili anteriori considerando anche quello davanti alla leva del freno a mano e due all’interno delle tasche delle portiere.

Davanti al sedile del passeggero c’è una grande vasca svuotatutto e un profondo cassetto portaoggetti, non ammortizzato nell’apertura, mentre più nascosti sono quello ricavato all’interno del tunnel centrale e quello dedicato allo smartphone nella parte alta della consolle, comodo perché vicino all’unica presa USB presente in abitacolo. Al centro in basso, invece, c’è una 12V.

Come va e quanto consuma

La Panda, adesso, può essere omologata come ibrida, per cui beneficiare a seconda delle città di diversi vantaggi che possono andare per esempio dalla sosta gratuita sulle strisce blu all’accesso alle zone a traffico limitato. Si tratta a tutti gli effetti di una mild hybrid, una micro ibrida, per cui ci sono un piccolo motore elettrico da circa 5 CV alimentato da una batteria agli ioni di litio a 12V da 0,13 kWh che supportano nella spinta il motore principale.

Lì davanti, sotto il cofano, non abbiamo più un quattro ma un tre cilindri, un nuovo propulsore 1.0 aspirato da 70 CV abbinato ad un cambio manuale a sei marce, un connubio che ha permesso agli ingegneri di ottenere valori di emissioni di CO2 contenuti pari a 89 g al km, sotto la fatidica soglia dei 95.

Come tutte le mild hybrid, non ci si muove mai in modalità 100% elettrica ma, nonostante questo, si sente che rispetto ad un benzina puro qualche differenza c’è. Oltre a consigliare sempre attraverso la strumentazione la marcia più adatta, mettendo in folle sotto i 30 km all’ora interviene sempre lo Stop&Start che spegne il motore per far veleggiare l’auto, per esempio in vista di un semaforo.

Fiat Panda Sport (2020)

Ma veniamo al dunque: la Panda è sempre stata una macchina piacevole da guidare soprattutto in città perché le dimensioni sono veramente perfette. Nei parcheggi poi è comodissima la funzione City che interviene sul servosterzo alleggerendo tantissimo il carico volante. Parlando di visibilità, le forme squadrate delle carrozzeria fanno sì che la visuale sia ottima in tutte le direzioni, giusto davanti di tre quarti è coperta dai montanti anteriori che sono larghi alla base.

Di assetto è morbida, le buche e in generale le sconnessioni non danno mai fastidio per cui è sempre confortevole, ma non bisogna chiederle troppo perché il rollio complice anche l’altezza e il baricentro alto è dietro l’angolo. In queste situazioni poi, anche lo sterzo fatica un po’ dato che è molto demoltiplicato e piuttosto vago per cui non invoglia a forzare la mano.

In autostrada è buona - per la categoria - l’insonorizzazione generale sia per quanto riguarda le gomme che i fruscii aerodinamici che, ovviamente, un po’ si sentono considerando le forme squadrate, e anche il motore è ben isolato grazie alle sei marce di questo manuale che sono tutte piuttosto lunghe e quindi obbligano a scalare se si deve sorpassare.

Capitolo consumi: in città, in condizioni di traffico intermedio, abbiamo percorso circa 17 km e mezzo con un litro di benzina. In extraurbano si toccano i 20 mentre in autostrada a velocità di codice i 16 e mezzo, il tutto per una media di circa 18 km al litro, 5,5 litri ogni 100 km.

Versione provata

 

Motore

1.0 benzina mild hybrid

Potenza

70 CV

Coppia

92 Nm

Cambio

Manuale 6 marce

Trazione

Anteriore

Prezzi e concorrenti

Il listino parte dai 13.900 euro della Panda 1.0 mild hybrid da 70 CV in allestimento base. La piccola Fiat è uno dei pochi modelli che si possono avere anche a GPL o metano, con prezzi rispettivamente da 15 mila e da circa 17 mila euro. Per i più avventurieri c’è la 4x4 a trazione integrale mossa dal bicilindrico turbobenzina da 85 CV da 17.350 euro.

Parlando di allestimenti, oltre al base Hybrid ce ne sono quattro, City Life, Sport, City Cross e Cross, con una differenza di circa 3.900 euro tra il primo e l’ultimo a parità di motore.

Fiat Panda Sport 2020

Di rivali ce ne sono parecchie dato che il segmento A - quello delle citycar - è piuttosto affollato. Tra le più temibili ci sono la Hyundai i10, la Kia Picanto e la Volkswagen up!, simili alla Panda per dimensioni ma con un bagagliaio più grande. Anche la Suzuki Ignis è lunga più o meno uguale e così come la Fiat, si può avere ibrida.

Attenzione poi a non sottovalutare la Lancia Ypsilon, per chi cerca un’alternativa italiana, o la Dacia Sandero, più grande ma dal prezzo simile. Guardando al Giappone invece, la Toyota Aygo e la Mitsubishi Space Star hanno tutte le carte in regola per poter dire la loro.

Fotogallery: Fiat Panda Hybrid