Gli incentivi tamponano la caduta e favoriscono ibride ed elettriche. La full hybrid Toyota batte la Lancia Ypsilon

Per il mercato dell'auto il 2020 è stato un anno negativo (-27,9%) e il 2021 non sarà facile. A gennaio il calo delle immatricolazioni è stato del 14% e solo grazie agli incentivi rinnovati si è evitato il peggio. Tuttavia, proprio grazie agli incentivi, il parco circolante sta diventando sempre più verde.

Lo dimostra ancora una volta la classifica delle auto più vendute in Italia: come a Dicembre, anche a Gennaio la Toyota Yaris è stata la seconda auto più venduta in Italia. E' di nuovo salita sul podio scalzando la Lancia Ypsilon.

Tuttavia l'UNRAE avverte che "la disponibilità dei fondi rischia di esaurirsi rapidamente nel primo trimestre". Vediamo più in dettaglio com'è andata il mese scorso e quali marche hanno venduto di più, quali meno.

Le auto più vendute a gennaio

Nel mese appena trascorso sono state immatricolate 134.001 vetture (l'anno precedente erano 155.867). A pesare sui numeri ci sono stati tanti fattori: due giorni lavorativi in meno; le limitazioni nelle zone più colpite dal coronavirus; l’apertura tardiva del portale per la richiesta degli incentivi... Come se non bastasse, il mercato delle auto aziendali è stato penalizzato dal mancato adeguamento al nuovo ciclo WLTP dei valori di CO2 previsti per l’applicazione dei fringe benefit.

Le auto più vendute sono rimaste quelle alimentate a benzina (48.487 unità), ma sono scese del 33,3% rispetto al 2020. A compiere il balzo in avanti più significativo sono state le auto ibride (+127,6%, 32.800 unità) e le plug-in (+179,6%, 3.760 unità). Le auto elettriche sono salite del 28,2% (2.494 unità).

In calo anche tutte le altre alimentazioni tradizionali: diesel (-31,1%), metano (-33,4%) e GPL (-15%). In questo modo la quota di mercato delle auto ibride è salita dal 9,2% dell'anno scorso al 24,3% di gennaio 2021. Le auto a benzina hanno ora una quota del 36% e quelle diesel del 26,9%.

La classifica dei modelli più venduti è segnata ancora una volta dal fenomeno Yaris, che come tale ha tempi di consegna piuttosto lunghi (fino a cinque mesi d'attesa). Complessivamente il Gruppo Toyota ha immatricolato a gennaio 9.006 unità, ovvero il 18,36% in più rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, e la quota di mercato è così salita al 6,72% (4,88% nel 2020). Un trend di crescita che prosegue quindi anche quest'anno, dopo un 2020 in cui la quota di Toyota in Italia è passata da 5,01% a 5,44%.

Gennaio è anche il primo mese in cui leggiamo il nome "Stellantis" nell'elenco dei Gruppi (qui vi diciamo tutto sui 20 marchi che ne fanno parte). Le unità immatricolate sono state complessivamente 52.683, con una quota di mercato nel mese pari al 39,32%.

Segno meno, invece, sia per il Gruppo Volkswagen (20.740 unità, -16,45% e una quota in lieve ribasso: 15,48% e non più 15,93% come l'anno scorso), sia per il Gruppo Renault (11.857 unità, -9,39% e una quota scesa da 8,40% a 8,85%).

La Top Ten dei modelli

La Fiat Panda resta in cima alla Top Ten e conserva un certo distacco nelle unità immatricolate. In dettaglio a gennaio sono state immatricolate:

1 Fiat Panda 12.162
2 Toyota Yaris 4.337
3 Lancia Ypsilon 4.048
4 Citroen C3 3.542
5 Jeep Renegade 3.467
6 Opel Corsa 3.229
7 Peugeot 208 3.190
8 Volkswagen T-Roc 2.992
9 Dacia Duster 2.749
10 Fiat 500 2.728

Chi le ha comprate

Grazie agli incentivi e alle promozioni delle case, sono ancora i privati (un tempo indietro nelle vendite) a comprare di più. Con 91.600 vetture immatricolate (-0,7%), la loro rappresentatività sul totale sfiora il 68%.

Stabile il noleggio a lungo termine, mentre quello a breve termine è crollato del 92,5% (basti pensare alla crisi messa in atto dal coronavirus nel settore).

Il mercato dell’usato è sceso del 23,5%, con 259.244 passaggi di proprietà al lordo delle minivolture, rispetto ai 338.754 del primo mese del 2020.

Le immatricolazioni in Italia a Gennaio 2021

Marchio/Gruppo 2021 2020 Variazione %
Gruppo Stellantis 52.683 67.260 -21,67%
Gruppo Volkswagen 20.740 24.824 -16,45%
Gruppo Renault 11.857 13.086 -9,39%
Gruppo Toyota 9.006 7.609 +18,36%
Ford 8.933 9.119 -2,04%
Gruppo BMW 7.062 6.957 +1,51%
Gruppo Daimler 5.124 4.474 +14,53%
Hyundai 3.472 3.689 -5,88%
Suzuki 3.459 2.853 +21,24%
Kia 3.179 4.460 -28,72%
Gruppo Nissan 2.442 3.337 -26,82%
Volvo 1.558 1.472 +5,84%
Mazda 947 1.228 -22,88%
Gruppo Jaguar Land Rover 932 2.415 -61,41%
Porsche 615 626 -1,76%
Honda 457 740 -38,24%
DR Motor 367 309 +18,77%
Mitsubishi 327 686 -52,33%
Subaru 148 147 +0,68%
SsangYong 72 182 -60,44%
Tesla 56 98 -42,86%
Mahindra 51 156 -67,31%
Great Wall 50 20 +150,00%
Aston Martin 7 6 +16,67%
Chevrolet 0 0 -
Lada 0 1 -
Altre 411 38 +981,58%
TOTALE 134.001 155.867 -14,03%