La corona del SUV più rubato va al Nissan Qashqai, mentre la Regione in cui si concentra il maggior numero di furti è la Puglia

Tutti li vogliono, in molti li comprano e, purtroppo, qualcuno li ruba. Quello dei SUV è il segmento in maggiore crescita in Italia. Le vendite sono in costante aumento ormai da diverso tempo ed effettivamente, basta guardarsi intorno per rendersi conto del grande successo di questa tipologia di veicoli.

Purtroppo però, proprio questo grande successo ha portato a un'impennata dei furti nei loro confronti, cresciuta negli ultimi anni nell'ordine del 9%.

Nel 2018 la somma dei primi dieci SUV più rubati era di 3.047 e nel 2019 il dato è arrivato a 3.334. In tutto l'anno scorso sono stati rubati 5.140 modelli a ruote alte. Le percentuali degli esemplari ritrovati, invece, sono allineate a quelle di altre tipologie di veicoli.

Ogni tre furti, infatti, uno porta a un ritrovamento. Per l’esattezza su 5.140 rubati sono stati recuperati 1.442 veicoli.

L’analisi per Regioni

Dopo aver visto il dato nazionale (ecco qui dove vengono rubate di più le auto), vediamo l’andamento dei furti nelle varie Regioni italiane. Anche nel caso dei SUV, come avviene per altre tipologie di auto, la maggior parte dei furti si concentra in un numero relativamente contenuto di regioni.

Su un totale di 5.140 SUV rubati, soltanto tre regioni superano quota mille. Il numero più alto di modelli sottratti ai loro legittimi proprietari si ha in Puglia con 1.178 unità, delle quali 327 recuperate, la seconda posizione di questa classifica davvero poco invidiabile spetta al Lazio con 1.160 SUV rubati e 267 ritrovati, seguono poi Campania (1.030 rubati e 278 ritrovati), Lombardia (883 rubati e 213 ritrovati) e molto più distanziato il Piemonte con 188 esemplari rubati e 55 recuperati. C’è una sola regione in Italia dove non si registra nemmeno un furto di SUV ed è la Valle d’Aosta.

I modelli più ambiti

Tristemente, molto spesso il successo commerciale di un modello determina anche la sua appetibilità per i ladri. Non stupisce, quindi, che il modello più rubato nel nostro Paese sia la Nissan Qashqai che domina la classifica con 917 unità rubate.

Un numero enorme, che supera quasi del doppio il secondo modello di questa classifica, ovvero la Land Rover Range Rover, seconda in classifica con 502 esemplari rubati. Chiude questo podio un altro modello Land Rover, la Evoque con 374 esemplari sottratti.

Abbiamo poi Kia Sportage, Toyota RAV4, Hyundai Tucson, BMW X3 e X1, Mercedes ML e a chiudere la classifica Mitsubishi Pajero. L’analisi di questi dati evidenzia il grande incremento di furti che ha riguardato la Nissan Qashqai, aumentato del 49% rispetto al 2018. I furti del SUV giapponese rappresentano il 18% del totale di furti di questa tipologia di veicoli in Italia. L’incremento più elevato è però legato alla BMW X3 con un 85% in più in confronto al 2018.

Classifica Modello
1. Nissan Qashqai
2. Land Rover Range Rover
3. Land Rover Range Rover Evoque
4. Kia Sportage
5. Toyota RAV4
6. Hyundai Tucson
7. BMW X3
8. BMW X1
9. Mercedes ML
10. Mitsubishi Pajero

La speranza è sempre l'ultima a morire

Per quanto l'idea di ritrovare la propria auto dopo che è stata rubata forse non entusiasma gli sfortunati proprietari, visto che il più delle volte le auto rubate vengono ritrovate in condizioni a dir poco pietose, esiste comunque una discreta percentuale di ritrovamenti per ogni modello.

Fotogallery: I SUV più rubati in Italia nel 2019

Il più ritrovato è la Mitsubishi Pajero, che registra un 44% di recuperi. Land Rover Evoque arriva al 43% e Toyota RAV4 il 39%. Per Nissan Qashqai, al vertice della classifica dei furti, i recuperi arrivano al 27%, valore vicino alla media nazionale.