Con il V8 biturbo tocca i 200 km/h in 13,7 secondi. Di serie le quattro ruote sterzanti e la stabilizzazione attiva del rollio

Ecco, finalmente, l'Audi RS Q8. Negli ultime settimane ne abbiamo parlato tanto: dopo averla immaginata in un rendering e avvistata su strada in fase di test nei dintorni del Nurburgring (dove ha fatto il record come SUV più veloce battendo la Mercedes-AMG GLC 63 S) debutta al Salone di Los Angeles l'ultimo dei 6 modelli RS annunciati dalla casa di Ingolstadt ad inizio anno e attesi nel corso del 2019. Gli altri cinque li abbiamo già visti e sono le station wagon RS 4 Avant e RS 6 Avant, la berlina RS 7 Sportback e i crossover RS Q3 e RS Q3 Sportback.

Come sappiamo, la piattaforma della Q8 è la MLBevo del Gruppo Volkswagen, la stessa di Bentley Bentayga, Volkswagen Touareg, Porsche Cayenne e Lamborghini Urus. E proprio il SUV di Sant'Agata è il punto di riferimento tra i super SUV ad alte prestazioni; ha 50 CV in più ma il motore è lo stesso. Arriverà sul mercato ad inizio del 2020 ma i prezzi per l'Italia ancora non sono stati comunicati.

Fotogallery: Audi RS Q8 (2020)

V8 biturbo da 600 CV

Sotto il cofano c'è un V8 biturbo da 600 CV e 800 Nm di coppia che permette alla RS Q8 di scattare da 0 a 100 in 3,8 secondi e da 0 a 200 in 13,7 secondi, con una velocità massima limitata elettronicamente a 250 km/h (305 km/h con il pacchetto dinamico opzionale). Questo è possibile grazie anche al cambio automatico tiptronic a 8 rapporti (non doppia frizione ma con convertitore, soluzione ideale per salvaguardarne la struttura quando ci sono in gioco valori di coppia molto alti) e alla trazione integrale quattro permanente che, grazie a un differenziale meccanico, distribuisce la potenza motrice in rapporto 40/60 tra avantreno e retrotreno, fino a un massimo del 70% davanti e dell’85 dietro in caso di perdita di aderenza.

Audi RS Q8 (2020)

A livello omologativo stiamo parlando di una mild hybrid, con un sistema a 48 V che recupera fino a 12 kW di potenza in frenata sfruttati poi nel veleggiamento tra i 55 e i 160 km/h e per spegnere il motore grazie allo stop&start sotto i 22 km/h. Quattro degli otto cilindri possono essere disattivati per consumare meno (si parla di 0,8 litri ogni 100 km), con la fasatura di quelli attivi che viene regolata di conseguenza per ottenere il massimo rendimento. Di serie ci sono le sospensioni pneumatiche adattive e le quattro ruote sterzanti, mentre sono optional lo sterzo dinamico e la stabilizzazione attiva del rollio (sistema introdotto con l'ultimo restyling della sorella Q7).

Cattiva fuori e dentro

"Mastodontica" è tra i primi aggettivi che vengono in mente ma nonostante la linea imponente elementi come il tetto discendente, i cerchi da 23” (con dischi freno da 440 mm all’anteriore e da 370 al posteriore) e le profonde nervature sulle fiancate sembrano quasi ridurre idealmente le dimensioni. Dal davanti si riconosce subito per la griglia single frame ottagonale che arriva a toccare i fari a matrice di LED, con le finiture a contrasto del Black Pack che le danno un aspetto cattivissimo in particolare con questa tinta verde acido della carrozzeria. Dietro spiccano i particolari neri e un diffusore specifico che ingloba i due terminali di scarico.

Audi RS Q8 (2020)

Dentro, pelle, Alcantara e alluminio convivono alla perfezione nell’abitacolo: gli assemblaggi sono curati a livello maniacale e la plancia si sviluppa orizzontalmente su due piani dando un sensazione di spaziosità e pulizia a tutto l’insieme. Il cuore elettronico è l'infotainment MMI Touch abbinato al Virtual Cockpit che, oltre alle classiche funzioni che già conosciamo, prende dalle ultime RS le schermate dedicate e le configurazioni RS1 e RS2.

Audi RS Q8

Motore 4.0 V8 biturbo
Potenza 600 CV
Coppia Massima 800 Nm
Trasmissione Automatica 8 marce
Trazione Integrale
Velocità Massima 305
Accelerazione 0-100 km/h 3,8 secondi
Consumi N.D.
Emissioni N.D.
Prezzo base 127.000 euro (in Germania)
In vendita Primo trimestre 2020