Tre anni e quattro rinvii dopo, ritorna il Salone di New York. Dal 15 al 24 aprile la Grande Mela diventa la capitale mondiale delle novità automotive.

In un contesto globale di grandi incertezze caratterizzato dalla guerra russo-ucraina, dalla carenza di materie prime e dalla crisi dei chip (senza dimenticare il Covid che ha portato al rinvio del Salone di Pechino previsto sempre per aprile), i costruttori provano a guardare al futuro.

Nel Salone troviamo tantissimi debutti e anteprime assolute, tra modelli destinati esclusivamente agli USA e altri che vedremo nei prossimi anni in Europa. A rubare la scena sono numerose elettriche, ma anche auto esagerate e in puro stile americano con la Ford Bronco Raptor e la colossale Jeep Grand Wagoneer L.

new-york-auto-show

Vedi tutte le notizie su Salone di New York

Alfa Romeo Tonale

L’Alfa Romeo Tonale ha debuttato ufficialmente lo scorso febbraio e a New York si mostra per la prima volta al pubblico. Il SUV compatto può essere ordinato in concessionaria con prezzo di lancio di 39.000 euro per la versione Edizione Speciale con motore “middle hybrid” 1.5 benzina da 130 CV.

A maggio 2022 sarà ordinabile anche l’Edizione Speciale da 160 CV Hybrid ad un prezzo ancora non ufficializzato.

Alfa Romeo Tonale Edizione Speciale

BMW X7 e i7

BMW presenta al Salone di New York le novità più lussuose della sua gamma. Il SUV X7 è stato recentemente aggiornato nel look, nella dotazione tecnologica e nelle motorizzazioni, mentre la Serie 7 si prepara a diventare elettrica per la prima volta nella sua storia.

Chrysler Airflow Concept

Dopo la passerella del CES di Las Vegas dello scorso gennaio, Chrysler espone a New York l’Airflow Concept, un crossover elettrico aggiornato nello stile. Il modello prefigura una versione di serie in arrivo nel 2025 e il linguaggio stilistico e la tecnologia delle Chrysler dei prossimi anni.

Equipaggiata con sistemi di guida autonoma di livello 3, 6 schermi e 4 videocamere, l’Airflow utilizza due motori elettrici per un totale di circa 400 CV e un’autonomia teorica di oltre 600 km.

Deus Vayanne

Il marchio austriaco Deus si aggiunge sulla cartina geografica dei produttori di hypercar elettriche con la Vayanne. La super sportiva è stata concepita nello stile da Italdesign, mentre la meccanica e l’elettronica è stata sviluppata da Williams Advanced Engineering, la quale è nata dal team Williams di Formula 1.

Durante il Salone di New York, Deus programma di annunciare prestazioni e dati tecnici completi della sua creatura.

Ford GT Holman Moody Edition

La Holman Moody Edition è l’ultima delle nove Ford GT in formato Heritage Edition. L’edizione speciale celebra la vittoria in parata nella leggendaria 24 Ore di Le Mans del 1966 con una livrea di colore oro e lo stesso numero 5 della vettura guidata da Ronnie Bucknum e Dick Hutcherson classificatasi al terzo posto.

Sotto al cofano c’è sempre il 3.5 V6 biturbo posizionato centralmente con 651 CV e cambio automatico a doppia frizione a 7 rapporti.

Ford Bronco Raptor

L’evoluzione più cattiva ed estrema del Ford Bronco si mostra ufficialmente al Salone di New York. Non prevista per l’Europa, la Bronco Raptor è pronta ad affrontare dune e terreni rocciosi a qualsiasi velocità grazie ad una carreggiata più larga di 25 cm, a pneumatici all-terrain da 37” e ad un’altezza da terra di 33 cm.

A spingere la rivale naturale della Jeep Wrangler 392 (anch’essa proposta esclusivamente negli USA), è un 3.0 V6 potenziato fino a 400 CV.

Ford Bronco Raptor (2022)

Hyundai Palisade e Kia Telluride

I due SUV di grandi dimensioni del gruppo coreano (entrambi non venduti in Italia) vengono aggiornati nello stile e nella dotazione. Il restyling non dovrebbe cambiare radicalmente le forme e gli interni della Palisade e della Telluride, due tra i modelli più apprezzati nel loro segmento nel mercato nordamericano. In particolare, ricordiamo che nel 2020 la Kia Telluride ha ricevuto il riconoscimento di World Car of the Year.

Tra l’altro, il SUV di Kia sarà proposto anche nell’inedita variante X-Pro con assetto e carrozzeria più orientata al fuoristrada.

INDI One

Al Salone di New York si fa vedere il curioso crossover INDI One. Realizzato dalla californiana INDI, il modello elettrico è equipaggiato con una batteria da 95 kWh che promette un’autonomia di oltre 450 km e uno scatto 0-100 km/h di 4,5 secondi.

Jeep Grand Cherokee 4xe

Presentata lo scorso autunno, la nuova Jeep Grand Cherokee si presenta al Salone di New York nella motorizzazione ibrida plug-in da 380 CV. Il powertrain 4xe è costituito da un motore 2 litri turbo benzina e un’unità elettrica per un totale di 380 CV e 637 Nm di coppia, con un’autonomia elettrica di 51 km nell’utilizzo urbano.

La Grand Cherokee 4xe è disponibile anche in Italia nella versione full optional Exclusive Launch Edition proposta a 94.000 euro.

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer L

Le mastodontiche Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer diventano ancora più gigantesche. Davanti al pubblico della Grande Mela debuttano le versioni L che portano la lunghezza totale a 5,76 metri e la capacità massima del bagagliaio fino a 3.707 litri.

Oltre all’immensa spaziosità, i SUV di Jeep puntano su connettività (75” di schermi complessivi a bordo) e sulla potenza del nuovo 3.0 turbo 6 cilindri in linea Hurricane da 510 CV.

Kia Niro

Completamente ridisegnata dentro e fuori, la Kia Niro si mostra al pubblico di New York nelle tre varianti full hybrid, ibrida plug-in e 100% elettrica. La prima eroga 141 CV, la seconda 183 CV (grazie al supporto del propulsore elettrico che permette di percorrere 60 km ad emissioni zero), mentre la EV tocca i 204 CV con un’autonomia stimata di 487 km.

Lexus RZ

Fortemente imparentata con Toyota bZ4X e Subaru Solterra, la Lexus RZ si svela per la prima volta a New York. Il modello dovrebbe differenziarsi dalle “cugine” soprattutto nell’abitacolo dove potremmo trovare rivestimenti e modanature ancora più curate, oltre all’insolito volante a cloche.

Lexus ha già annunciato la versione 450e, ma non ci sono ancora dati specifici per prestazioni e autonomia. È probabile che la RZ utilizzi sempre la batteria da 71,4 kWh collegata a uno o due motori elettrici per una potenza (forse) superiore ai 218 CV di bZ4X e Solterra.

Lincoln SUV elettrico

Con una presentazione prevista originariamente per il Salone di Pechino, Lincoln ha scelto New York per mostrare al mondo il suo primo SUV elettrico. Il marchio premium di Ford ha rilasciato alcuni teaser che evidenziano linee minimaliste e futuristiche e un’elevata tecnologia di bordo.

Anche se Lincoln lo definisce come un “modello globale”, è probabile che il SUV (ancora senza un nome preciso) venga lanciato esclusivamente nel Nord America e in Cina.

Nissan Ariya

Il SUV elettrico Nissan Ariya sbarca a New York a pochi mesi dal debutto globale. L’Ariya arriverà a breve anche in Italia (dove si può già preordinare) con tre potenze e due tagli di batterie. Nel listino della Nissan troviamo le varianti da 63 kWh e 87 kWh con potenze comprese tra 218 e 306 CV e un’autonomia massima di circa 500 km. I prezzi, invece, oscillano tra 50.500 e 63.500 euro.

Nissan Leaf restyling

La seconda generazione della Nissan Leaf riceve un restyling leggero per la carrozzeria e l’equipaggiamento. Venduta in oltre 570 mila esemplari in tutto il mondo dal 2010, la compatta elettrica cambia in alcuni dettagli come loghi, fari e design dei cerchi in lega. Confermate le batterie da 40 e 62 kWh con un’autonomia massima di 385 km nel ciclo combinato WLTP.

La Nissan Leaf restyling è già disponibile in Italia con prezzi di partenza di 32.200 euro.

Nissan Pathfinder Rock Creek

La Nissan Pathfinder è una vecchia conoscenza del mercato italiano. Negli Stati Uniti il modello continua ad essere venduto e al Salone di New York viene presentata la versione Rock Creek che aggiunge sospensioni rialzate, pneumatici da fuoristrada e un look duro e puro.

Insieme all’estetica, il SUV viene potenziato anche nella motorizzazione, col 3.5 V6 che eroga 11 CV in più per un totale di 300 CV.

Nissan Z

La coupé giapponese è l’erede della 350Z e della 370Z vendute anche in Europa. Il nuovo modello non sarà proposto sulla rete ufficiale europea (per averlo in Italia bisogna rivolgersi alle aziende di importazione parallela, come per la Bronco Raptor), ma negli Stati Uniti c’è già tanta attesa in vista dei primi esemplari.

Con un design basato su alcuni dei modelli storici di Nissan, la Z monta un 3.0 V6 da 405 CV abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti o ad un automatico a 9 marce.

Subaru WRX

Per il momento non prevista per il Vecchio Continente, la nuova Subaru WRX punta su un look da crossover con vistose protezioni per la carrozzeria e sempre su prestazioni sportive.

La berlina giapponese sfrutta un nuovo 2.4 turbo Boxer da 275 CV e 350 Nm di coppia che scarica la potenza sulle quattro ruote motrici attraverso un cambio manuale a 6 rapporti o ad una trasmissione automatica Subaru Performance Transmission (con cambiate più rapide del 50% rispetto all’unità precedente).

Toyota GR Corolla

La Toyota Corolla più cattiva di tutte si presenta dal vivo mostrando muscoli e potenza. La GR Corolla è destinata esclusivamente a USA e Giappone ed è distinta da un 1.6 a 3 cilindri (lo stesso dell’europea GR Yaris) portato a 304 CV. La trazione è sempre integrale (che può ripartire la coppia fino al 70% sulle ruote posteriori nelle modalità di guida più sportive) ed è associata ad un cambio manuale a 6 rapporti.

Toyota GR Corolla

VinFast VF8 e VF9

Continua il tour dei SUV elettrici vietnamiti realizzati in collaborazione con Pininfarina. Dopo le esposizioni al Salone di Los Angeles, al CES di Las Vegas e al World Mobile Congress di Barcellona, le Vinfast VF 8 e VF 9 provano a conquistare anche la Grande Mela.

I modelli arriveranno anche in Europa nel 2023 con sistemi di assistenza alla guida di livello 2, una dotazione estetica piuttosto ricca con cromature e cerchi in lega da 22” e un abitacolo iperconnesso con schermo da 15,6”.

Volkswagen ID.Buzz

Il remake elettrico del mitico Bulli sfila a New York prima del debutto europeo previsto per l’autunno 2022. Con un design basato sul modello degli anni ’50, il Volkswagen ID.Buzz punta su uno stile personale e sull’elevata abitabilità per cinque adulti e una capacità minima di 1.121 litri (più avanti arriveranno versioni a 7 e 9 posti e con passo allungato).

All’inizio, l’ID.Buzz sarà disponibile in un’unica motorizzazione, ossia la stessa da 204 CV e 310 Nm di ID.3 e ID.4 che dovrebbe garantire circa 400 km di percorrenza nel ciclo WLTP.

I pick-up americani elettrici

Ford F-150 Lightning, GMC Hummer EV e Chevrolet Silverado EV: dopo essere stati presentati negli scorsi mesi con foto e video ufficiali, per i tre colossi americani a batteria è arrivato il momento dell’esordio in pubblico.

GMC Hummer EV

Il Lightning rappresenta la versione ad emissioni zero dell’F-150, il pick-up più venduto negli Stati Uniti e promette di rendere più “popolare” la rivoluzione “green” dei mezzi con cassone.

Il Silverado EV è stato l’ultimo pick-up elettrico in ordine cronologico e si basa sulla stessa piattaforma Ultium del GMC Hummer EV, con quest’ultimo che propone una ricetta estrema con tanto di sistema di guida diagonale (nella modalità Crabwalk) e potenze di 1.000 CV per scatti 0-100 km/h di 3 secondi.

Le novità fuori salone di Mercedes e Lamborghini

A New York Mercedes toglie i veli al SUV basato sull’ammiraglia elettrica EQS. Costantemente ripreso da foto e video spia nei mesi precedenti, il modello integra la tecnologia della EQS a tre volumi puntando ulteriormente sulla spaziosità e la praticità.

Previsti 7 posti, la trazione integrale 4Matic, una modalità Off-Road e un’autonomia di circa 600 km con batterie e potenze derivate dalla Mercedes berlina.

Lamborghini Huracan Tecnica

Fuori salone si può ammirare anche la Lamborghini Huracan Tecnica. Il restyling della supercar di Sant’Agata Bolognese ha portato con sé un look rinfrescato e un V10 non elettrificato portato fino a 640 CV.