Il mondo dell’auto sta cambiando velocemente e i costruttori si stanno necessariamente adeguando ai nuovi ritmi e all’inevitabile transizione all’elettrico. Per fare spazio ai nuovi progetti, alcuni modelli che hanno scritto la storia e che sono una vera istituzione per gli appassionati lasceranno (o hanno già lasciato) i listini.

Tra di loro ci sono supercar che hanno definito una generazione intera, mentre altre sono state vendute in milioni di esemplari. Ecco le (sfortunate) protagoniste.

Audi R8

Audi R8 V10 GT RWD 2023

Audi R8 V10 GT RWD 2023

Con l’arrivo della versione speciale GT, l’Audi R8 è giunta a fine corsa. L’Halo Car del brand tedesco andrà in pensione nel 2023 dopo aver debuttato a metà degli anni ’00. Insieme a lei se ne andrà anche il poderoso motore V10, con Audi già al lavoro su una supercar 100% elettrica che avrà un nome completamente nuovo.

Chrysler 300

Vista anche in Italia sia come Chrysler che come Lancia Thema, la 300 è giunta al capolinea anche negli Stati Uniti. L’attuale generazione presentata nel 2011 (su cui si è basata la stessa Thema) uscirà di produzione nel 2023 e, al momento, non ci sono programmi per un’eventuale erede, nemmeno elettrica.

Dodge Challenger e Charger

Dodge Challenger Black Ghost

Dodge Challenger Black Ghost

Dodge Charger Super Bee

Dodge Charger Super Bee

Il V8 sarà presto una cosa del passato in casa Dodge. Le muscolosissime Challenger e Charger hanno cominciato a salutare gli appassionati con una serie di edizioni speciali chiamate "Last Call", una sorta di "ultima chiamata" per due iconici modelli a 8 cilindri.

Nel 2023 ci sarà l’addio definitivo, col brand statunitense che vede nel concept elettrico Charger Daytona SRT il futuro delle muscle car.

Ford Ecosport

Ford EcoSport Active 2021

SUV sì, ma non troppi. Anche se Ford punterà sempre di più sui modelli rialzati nei prossimi anni, è chiaro che dovrà fare posto nella gamma attuale che vede Ecosport e Puma inseriti praticamente nello stesso segmento, Kuga, Mustang Mach-E ed Explorer (senza contare la Focus Active).

Con la Casa che ha già anticipato l’arrivo di una Puma EV, presto potremmo salutare l’Ecosport che, nonostante l’aggiornamento del 2018, è in listino dal 2013.

Ford Fiesta

Ford Fiesta restyling (2022)

L’annuncio dell'addio più clamoroso e più recente è quello della Ford Fiesta abbandonerà il mercato nel 2023. La compatta è stata prodotta in sette generazioni in 47 anni con 16 milioni di unità vendute in tutto il mondo. La crisi del segmento B degli ultimi anni, però, ha spinto la Casa a puntare sui piccoli SUV, anche elettrici, tra cui la futura Puma a batteria.

Ford Focus

Ford Focus ST-Line restyling (2022)

Prima di salutare la Focus ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma il suo destino appare segnato. In un’intervista ad Automotive News, gli esponenti europei del marchio hanno ammesso che la produzione sarà interrotta entro il 2025 e, al momento, non è previsto un erede. Addirittura, Ford potrebbe accelerare i tempi considerando che le vendite della Focus sono crollate del 41% tra il 2020 e il 2021.

Ford GT

Ford GT LM

Ford GT LM

A dicembre 2022 s’interromperà ufficialmente una storia lunga mezzo secolo. La Ford GT, una vera istituzione negli USA al pari della nostra Ferrari, si congederà con un’ultima serie speciale da 20 esemplari.

Nata negli anni ’60 per prendere parte a Le Mans e rinata nel 2004, la terza generazione è nata nel 2016 ed è stata seguita da numerose edizioni limitate dedicate ai collezionisti, tutte spinte dal 3.5 V6 da 669 CV.

Hyundai Ioniq

2019 Hyundai Ioniq Electric

L’addio alla Hyundai Ioniq (offerta in Italia come full hybrid, ibrida plug-in e 100% elettrica) è già iniziato. Da luglio 2022 l’impianto coreano di Ulsan non produce più esemplari, con la Casa che è decisa a puntare sempre di più su Ioniq 5, Ioniq 6 e sulla nuova Kona elettrica.

Kia Stinger

2021 Kia Stinger (Spec Euro)

In Italia è già sparita da alcuni mesi, ma nel resto del mondo la Kia Stinger continuerà a essere venduta fino ad aprile 2023. La ragione è nei numeri, con la prima berlina sportiva coreana che, per esempio, è stata venduta in sole 1.499 unità in Corea del Sud tra gennaio e settembre 2022.

Negli USA (altro mercato "target" di Kia col lancio della Stinger) ne sono state immatricolate solo 6.643 dal 2017.

Lamborghini Aventador

Lamborghini Aventador Ultimae Roadster

Lamborghini Aventador Ultimae Roadster

La transizione all’elettrico riguarderà anche Lamborghini, col brand del Toro che avrà una gamma totalmente ibrida entro il 2024 e un modello a emissioni zero entro il decennio. Questo nuovo capitolo della storia del brand si aprirà nel 2023 con l’erede dell’Aventador (qui vi parliamo dell’ultimo esemplare in assoluto) che dovrebbe equipaggiare un V12 ibrido plug-in.

Maserati Ghibli

Maserati Ghibli FTributo Special Edition

Maserati Ghibli FTributo Special Edition

Il rinnovamento della gamma del Tridente passa per l’addio alla Ghibli (e presto anche alla Quattroporte) che potrebbe avvenire nel 2023. Maserati punterà sempre di più sulle sportive e sui SUV come dimostrano la nuova GranTurismo e il debutto della Grecale. Entrambe saranno offerte presto anche nella variante elettrica Folgore.

Mercedes Classe C/E Coupé/Cabriolet

Mercedes-Benz CLE Cabriolet - rendering

Mercedes-Benz CLE Cabriolet, il render di Motor1.com

Nei prossimi anni Mercedes ridurrà il numero di modelli della propria gamma per rendere più efficiente la produzione e massimizzare gli sforzi sull’elettrico. Le prime "Classi" a farne le spese saranno la Classe C e Classe E nelle versioni Coupé e Cabriolet che verranno accorpate nell’unico modello CLE, al debutto nel 2023.

Nissan GT-R

Nissan GT-R Nismo 2021

Nissan GT-R Nismo

"Godzilla" ha lasciato (solo) l’Europa perché è troppo…rumorosa. Sì, la GT-R non rispetta il limite variabile tra 70 e 78 decibel (a seconda di potenza e peso dell’auto) imposto dal regolamento europeo 540/2014 entrato in vigore a tutti gli effetti da luglio 2022. Esiste ancora qualche esemplare negli stock delle concessionarie nelle versioni da 570 CV e Nismo da 600 CV.

Renault Twingo

2019 Renault Twingo

La più piccola delle Renault lascerà i listini entro il 2024 o il 2025. Ad ammettere la fine della storia della Twingo (nata nel 1993) è stato Luca De Meo, il ceo del Gruppo Renault, che ha fatto notare come sarà "difficile produrre un modello con motore termico così compatto".

A penalizzare la Twingo, infatti, potrebbero essere le stringenti normative Euro 7, anche se recentemente c’è stata un’apertura da parte dell’Unione Europea per ammorbidire i limiti di emissioni. Insieme alla piccola termica, comunque, è a rischio anche la versione elettrica, con la Casa che punta a semplificare la gamma.

Renault Zoe

Renault Zoe Model Year 2022

Renault Zoe Model Year 2022

Presentata nel 2012 come una delle prime elettriche europee in assoluto, la ZOE non sarà rinnovata. O almeno, non avrà un’erede diretta. Al suo posto, la Losanga programma di introdurre le Renault 4 ed R5 (entrambe solo elettriche) tra il 2024 e il 2025. La 4 dovrebbe avere un aspetto da crossover, mentre la R5 sarà una compatta.

smart forfour

smart EQ fortwo e forfour

smart EQ forfour

Una delle prime auto a salutare i listini nel 2022 è stata la forfour, la prima (e finora) unica smart a quattro porte. A seguito dell’alleanza col gruppo cinese Geely, il marchio tedesco ha avviato una nuova strategia che ha portato (e porterà) a un radicale cambiamento nella gamma. Ne è una dimostrazione il lancio recente del primo SUV elettrico, la #1, disponibile anche nell’arrabbiatissima versione Brabus da 428 CV.

Volkswagen Passat

Se la famigliare Variant vivrà (almeno) per un’altra generazione, non si può dire lo stesso per la berlina. Dopo 49 anni, Volkswagen non avrà più la Passat nel proprio listino, ma potrà sempre contare su modelli a tre volumi. Su alcuni mercati, infatti, c’è la sportiveggiante Arteon e presto arriverà l’Aero B, l’erede elettrica della storica berlina.