Rispetto al mese di agosto, caratterizzato dalla presenza più regolare degli incentivi, le promozioni di settembre presentano una situazione un po’ più confusa per via dell'ecobonus a singhiozzo: a differenza del passato, questo è avvenuto non tanto per la fine dei fondi destinati alle agevolazioni, ma per una questione burocratica, risolta solo negli ultimi giorni.

Il pasticcio ha riguardato le vetture elettriche e le ibride plug-in, per le quali i fondi rimanenti, pari a 57 milioni di euro, sono rimasti bloccati per diversi giorni. Fortunatamente da oggi - martedì 14 settembre - possono invece finalmente ripartire le prenotazioni per l'ecobonus, anche se con importi massimi inferiori rispetto a prima.

Come procedere, quindi, con la comunicazione delle offerte mensili? Le Case hanno puntato su modelli che non necessariamente richiedevano l’ecobonus, oppure sui piccoli motori a benzina o mild-hybrid per i quali i fondi erano sicuramente disponibili.

Ci sono anche sconti su auto a motorizzazione tradizionale, al di fuori dei parametri di inquinamento per accedere alla sovvenzione, spesso con sconti sul listino iniziale superiori alla media.

Una situazione abbastanza confusa, quindi, che dà sempre più spazio a formule con alcuni parametri fissi qualsiasi cosa succeda: ad esempio, bloccando anticipo e rate mensili, sia che si tratti di finanziamenti balloon con mini-rata, sia di formule di noleggio a lungo termine o leasing anche per privati.

Le offerte auto di settembre 2021

Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel

promozione

Citroen C5 Aircross PureTech 130 CV

promozione

Dacia Duster 100 CV GPL

promozione

Fiat Tipo SW 1.0 100 CV

promozione

Ford Focus 1.0 EcoBoost 125

promozione

Hyundai Bayon 1.2 MPI benzina

promozione

Jeep Compass 1.6 M-Jet diesel limited

promozione

Kia Niro 1.6 Gdi HEV

promozione

Lancia Ypsilon Ecochic GPL

promozione

Mazda 2 Skyactiv-G

promozione

MINI Clubman Mayfair Edition

promozione

Nissan Qashqai 1.3 DIG-T 140

promozione

Opel Crossland 1.2 benzina

promozione

Peugeot 308 Diesel Allure Pack

promozione

Renault Clio Zen Tce 90

promozione

Seat Ibiza 1.0 TGI a metano

promozione

Skoda Karoq S-Tech 1.0 TSI

promozione

Suzuki S-Cross 1.4 mild-hybrid

promozione

Toyota Aygo 1.0 x-play 5 porte

promozione

Volkswagen Tiguan 1.5 TSI 130

promozione

Il web sempre più protagonista

Le Case si stanno sempre più attrezzando con servizi di preventivi e acquisti online: questo certamente è stato favorito dal lungo periodo di emergenza e dalle limitazioni alle aperture fisiche dei luoghi di vendita, ma riguarda anche la futura evoluzione delle Concessionarie automobilistiche e dei sistemi di vendita.

Nelle pagine ufficiali delle Case, quindi, le offerte non sono più accompagnate da proclami sulla visita in sicurezza dei saloni di vendita; anzi, in alcuni casi proprio scomparsi. Piuttosto, compaiono sempre di più incentivi all’utilizzo delle nuove formule di contatto online.

Renault e Dacia, ad esempio, propongono vari tipi di servizi, tra i quali la valutazione dell’usato in meno di tre minuti. Fiat e Lancia permettono la prenotazione online, con possibilità di restituire l’auto dopo 14 giorni, e con un Voucher di 500 euro di solito per l’acquisto di servizi e accessori Mopar. Peugeot, invece, propone la stessa scadenza di 14 giorni, ma con un voucher di 400 euro e un anno di polizza furto e incendio; stessa cosa per Citroen, che include la consegna a domicilio. Opel estende a 90 giorni la possibilità di restituzione del veicolo, con un anno di assicurazione RCA, e 750 euro in più compilando un form con la richiesta di preventivo. Alfa Romeo includeva ad agosto la possibilità di un incontro virtuale con i piloti del team AR Racing: oggi invece il vantaggio consiste in tre anni di garanzia e due tagliandi inclusi nel prezzo.

Sconti per tutti con agli Ecoincentivi, ma anche senza

Tra gli esempi analizzati, la precedenza è stata data alle auto non coinvolte nel “pasticcio” Ecobonus, che di solito hanno uno sconto statale con rottamazione di un’auto decennale di circa 1.500 euro, che si unisce al contributo della casa.

Lo sconto totale, ovviamente, è in proporzione al valore totale dell’auto, ma è per assurdo più alto su una Stelvio a gasolio, fuori da ogni incentivo, per la quale la Casa offre 10.000 euro di vantaggi senza obbligo di permuta o rottamazione.

  • Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel: 10.000 euro
  • Citroen C5 Aircross PureTech 130 CV: 7.400 euro
  • Fiat Tipo SW 1.0 100 CV: 6.750 euro con Ecobonus rottamazione
  • Ford Focus 1.0 EcoBoost 125: 6.400 euro con Ecobonus rottamazione
  • Hyundai Bayon 1.2 MPI benzina: 4.100 euro con Ecobonus rottamazione
  • Jeep Compass 1.6 M-Jet diesel limited: 5.550 euro senza rottamazione
  • Kia Niro 1.6 Gdi HEV: 7.091 euro con Ecobonus rottamazione
  • Lancia Ypsilon Ecochic GPL: 5.400 euro con Ecobonus rottamazione
  • Mazda 2 Skyactiv-G: 4.000 euro con Ecobonus rottamazione
  • MINI Clubman Mayfair Edition: 2.986 euro
  • Nissan Qashqai 1.3 DIG-T 140: 5.000 euro con Ecobonus rottamazione
  • Peugeot 308 Hybrid Allure Pack: 8.200 euro con Ecobonus rottamazione
  • Renault Clio Zen Tce 90: 6.700 con Ecobonus rottamazione
  • Skoda Karoq S-Tech 1.0 TSI: 4.950 euro
  • Suzuki S-Cross 1.4 mild-hybrid: 5.000 euro con Ecobonus 
  • Toyota Aygo 1.0 x-play 5 porte: 4.250 euro con Ecobonus rottamazione
  • Volkswagen Tiguan 1.5 TSI 130: 3.497 euro senza rottamazione

I vantaggi inclusi nelle offerte

Ciò che a volte fa propendere per un’offerta o per un’altra è la possibilità di ottenere servizi aggiuntivi, spesso in omaggio o a prezzo agevolato, da aggiungere al periodo di rate. Diciamo che quasi tutte le Case permettono di modulare il finanziamento aggiungendo eventuali servizi come garanzie, manutenzione o assicurazioni: di seguito indichiamo le proposte negli esempi ufficiali analizzati, alcune particolarmente interessanti.

  • Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbo Diesel: Polizza furto e incendio per tutto il periodo del finanziamento
  • Citroen C5 Aircross PureTech 130 CV: Servizio facoltativo IdealDrive: 2 anni di garanzia contrattuale più 1 anno di estensione con limite a 30.000 km e manutenzione ordinaria programmata 36 mesi/30.000 Km
  • Dacia Duster 100 CV GPL: Finanziamento Protetto e Pack Service comprensivo di 3 anni di furto e incendio e 1 anno di Driver Insurance
  • Ford Focus 1.0 EcoBoost 125: Assicurazioni Guida protetta e New4Life
  • Hyundai Bayon 1.2 MPI benzina: Assicurazione furto e incendio
  • Jeep Compass 1.6 M-Jet diesel limited: 2 anni di manutenzione e 4 anni di garanzia
  • Kia Niro 1.6 Gdi HEV: Assicurazione Furto e Incendio, Manutenzione Programmata Kia Care, vernice Clear White
  • Mazda 2 Skyactiv-G: 2 tagliandi con il Programma di Manutenzione Mazda Service Plus Essence
  • MINI Clubman Mayfair Edition: 12 optional di serie per questo particolare allestimento
  • Nissan Qashqai 1.3 DIG-T 140: Finanziamento Protetto, Pack Service comprendente 2 anni di Furto e Incendio
  • Peugeot 308 Hybrid Allure Pack: servizio facoltativo Efficiency, 2 anni di garanzia contrattuale più 1 anno di estensione con limite a 45.000 Km e manutenzione ordinaria programmata 36 mesi/45.000 Km, 6 mesi di ricariche pubbliche illimitate
  • Renault Clio Zen Tce 90: Finanziamento Protetto, Pack Service comprensivo di 3 anni di furto e incendio, 1 anno di Driver Insurance, estensione di garanzia 3 anni o 60.000 km
  • Seat Ibiza 1.0 TGI a metano: 2 anni di garanzia aggiuntiva oppure fino ad un massimo di 40.000 km totali
  • Skoda Karoq S-Tech 1.0 TSI: Pacchetto di Manutenzione Skoda Service Care Basic 4 anni e/o 60.000 km
  • Suzuki S-Cross 1.4 mild-hybrid: Primi 3 tagliandi di manutenzione ordinaria
  • Toyota Aygo 1.0 x-play 5 porte: Assicurazioni e servizi disponibili su richiesta, ma non negli importi dell’esempio principale
  • Volkswagen Tiguan 1.5 TSI 130: Garanzia Extra Time 2 anni o fino a 80.000 Km

Ci sono Case che offrono comunque garanzie estese oltre i due anni di legge: le più note sono quelle di 5 anni per Subaru, Hyundai e Mitsubishi, o di 7 anni per Kia, che a volte aggiunge anche 7 anni di connettività.

Hyundai, in più, aggiunge sempre alcuni Voucher: su un paio di modelli c’è lo sconto se si lascia in permuta una vettura di altro marchio dello stesso segmento, mentre c’è ancora il Voucher Hyundai in famiglia, se si possiede già una Hyundai, facendo richiesta con uno specifico form.

Ogni Casa ha poi servizi specifici di leasing o noleggio a lungo termine, con servizi inclusi onnicomprensivi, o ripartiti in pacchetti -ad esempio, nella formula Why-Buy Evo del gruppo BMW.

Uno sguardo alle rate e ai tassi di interesse

Negli esempi analizzati, c’è un solo caso di tasso zero, che è quello della Nissan Qashqai; per questo modello, tra l’altro, anche il TAEG di 0,88% è particolarmente basso.

Propongono invece l’anticipo zero la Fiat Tipo SW, la Lancia Ypsilon GPL e la Ford Focus 1.0 Ecoboost; per quest’ultima è richiesto il versamento di 1 euro di anticipo per accedere all’Ecobonus, poi rimborsato nel corso del finanziamento.

Per la Fiat Tipo c’è anche la prima rata posticipata a 180 giorni, così come per altri modelli Fiat; Volkswagen, invece, propone per alcuni modelli la possibilità di rimborso delle prime tre rate, dopo il loro pagamento, ma non sulla Tiguan dell’esempio.

Una nota di merito alle vetture che su un finanziamento a 3 o 4 anni propongono un mese in meno di rate: C5, Niro, Crossland, Ibiza e Karoq hanno rate per 35 mesi, Mini Clubman e Aygo per 47 mesi.

Tornando ai tassi di interesse, sopra al tasso zero della Qashqai troviamo l’ottimo TAN al 2,45% della Focus (TAEG 3,73%), ma si difende anche la Hyundai Bayon con TAN al 2,95%. Jeep, Skoda e Toyota hanno invece il TAN al 5,99%, anche se i valori peggiori sono sempre per le italiane: Tipo e Ypsilon hanno il TAN al 6,85%, con il TAEG per Lancia che sfiora il 10% (9,54%). Questo in realtà si spiega con il fatto che per entrambe la rateazione è molto lunga, e non include maxi rate finali, ma l’importo intero della vettura.

La Stelvio ha un TAN vantaggioso (3,99%), ma un TAEG ben più alto (9,39%), perché vengono calcolati i servizi aggiunti come l’assicurazione per tutto il periodo del finanziamento, basata nell’esempio sulla provincia di Bologna.

E a proposito di tassi, è sempre bene fare attenzione ai costi fissi, che non sempre negli esempi sono chiarissimi: ad esempio, in alcuni casi non si capisce bene se i costi di istruttoria o i costi di incasso rata sono già compresi negli importi di esempio, o se vanno aggiunti. A volte la spesa non è proprio minima, come nel caso dei 5 euro di incasso rata per la Mini Clubman, pari a 240 euro per 4 anni.